Forum di Scienza Spirituale
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.



 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2020 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2019 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2020
QUI E ORA

Ultimi argomenti
SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2020 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2020
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it

     

     PENSIERI NEGATIVI DI SAMAEL AUN WEOR

    Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    neter



    Messaggi : 211
    Data d'iscrizione : 06.06.11

    PENSIERI NEGATIVI DI SAMAEL AUN WEOR Empty
    MessaggioTitolo: PENSIERI NEGATIVI DI SAMAEL AUN WEOR   PENSIERI NEGATIVI DI SAMAEL AUN WEOR Icon_minitimeMer Gen 30, 2013 11:33 am

    PENSIERI NEGATIVI
    Pensare profondamente e con la massima attenzione, in quest’epoca involutiva e decadente, è
    una cosa abbastanza inconsueta.
    Dal “centro intellettuale” sorgono vari pensieri che provengono non da un io permanente
    (come stupidamente suppongono i dotti ignoranti) ma dai diversi io che si trovano dentro ognuno
    di noi.
    Quando un uomo sta pensando, crede fermamente di stare pensando in se stesso e per se
    stesso.
    Il povero mammifero intellettuale non vuol rendersi conto che i molteplici pensieri che
    s’incrociano nel suo intelletto hanno origine nei diversi io che abbiamo dentro.
    Questo significa che non siamo veri individui pensanti; in effetti, non abbiamo ancora una
    mente individuale.
    Ciononostante, ciascuno dei diversi io che abbiamo dentro sfrutta il nostro “centro intellettuale”
    e lo utilizza per pensare ogni volta che può.
    Pertanto, sarebbe assurdo identificarsi con un qualunque pensiero negativo e dannoso,
    credendolo “nostro”.
    È chiaro che questo o quel pensiero negativo deriva da qualche io che, in un dato momento,
    ha utilizzato abusivamente il nostro “centro intellettuale”.
    Ci sono pensieri negativi di vano genere: sospetto, diffidenza, indisponibilità verso altre
    persone, gelosia passionale, gelosia religiosa, gelosia politica, gelosia verso amici o familiari,
    avidità, lussuria, vendetta, ira, orgoglio, invidia, odio, risentimento, furto, adulterio, pigrizia,
    gola, ecc., ecc.
    Sono talmente tanti i difetti psicologici che abbiamo da non riuscire a enumerarli con precisione,
    neanche se avessimo un palato d’acciaio e mille lingue per parlare.
    Come conseguenza di tutto questo, risulta insensato identificarsi con i pensieri negativi.
    Poichè non è possibile che esista effetto senza causa, diciamo pure in tutta serietà che non
    potrà mai esistere un pensiero in sé, generato spontaneamente...
    La relazione tra pensatore e pensiero è evidente: ogni pensiero negativo trae origine da un
    diverso pensatore.
    In ciascuno di noi esistono tanti pensatori negativi quanti sono i pensieri della stessa indole.
    Osservando la questione dal punto di vista pluralizzato di “pensatori e pensieri”, consegue
    che ognuno degli io che portiamo nella nostra Psiche è di certo un pensatore diverso dagli altri.
    Dentro di noi esistono senza dubbio troppi pensatori. Ciascuno di essi, però, malgrado sia
    solo una parte, in un dato momento crede di essere il tutto...
    I mitomani, gli egocentrici, i narcisisti, i paranoici non accetterebbero mai la tesi della “pluralità
    dei pensatori”, perché amano troppo se stessi e si sentono chissà chi...
    Come potrebbe questa gente anormale accettare l’idea di non possedere una mente individuale,
    geniale, meravigliosa?...
    Questi saccenti, però, pensano di sé le cose migliori e si vestono persino della tunica di
    Aristippo per dimostrare sapienza e umiltà.
    Un’antica leggenda racconta che Aristippo, volendo dimostrare sapienza e umiltà, si mise
    una vecchia tunica piena di rammendi e di buchi, impugnò nella destra il bastone del filosofo e
    se ne andò in giro per le strade di Atene...
    Dicono poi che Socrate, al vederlo venire, esclamò a gran voce: «Oh Aristippo, la tua vanità
    si vede attravarso i buchi della tua veste!».
    Chi non vive costantemente in stato di “allerta-novità”, “allerta-percezione”, pensando che
    sta pensando, si identifica facilmente con qualsiasi pensiero negativo.
    La conseguenza di questo è che il sinistro potere dell’io negativo, autore del corrispondente
    pensiero in questione, si rinvigorisce deplorevolmente.
    Quanto più ci identifichiamo con un pensiero negativo, tanto più saremo schiavi del
    corrispondente io che lo caratterizza.
    Con riferimento alla Gnosi, al cammino segreto, al lavoro su noi stessi, le nostre personali
    tentazioni si individuano esattamente negli io che odiano la Gnosi, il lavoro esoterico, perché
    non ignorano che la loro esistenza dentro la nostra Psiche è mortalmente minacciata dalla Gnosi
    e dal lavoro interiore.
    Questi io negativi e litigiosi si impossessano facilmente di alcune bobine mentali
    immagazzinate nel nostro “centro intellettuale” e danno poi origine a correnti mentali nocive e
    dannose.
    Se accettiamo questi pensieri, questi io negativi che in un dato momento controllano il nostro
    “centro intellettuale”, saremo in seguito incapaci di liberarci dai risultati che essi producono.
    Non dobbiamo mai dimenticare che ogni io negativo inganna se stesso e gli altri; in conclusione:
    mente.
    Ogniqualvolta sentiamo un’improvvisa mancanza di forza, quando l’aspirante rimane deluso
    dalla Gnosi e dal lavoro esoterico, quando perde l’entusiasmo e abbandona il meglio per il peggio,
    è ovvio che è stato ingannato da qualche io negativo.
    L’io negativo dell’adulterio sconvolge le migliori famiglie e rende i figli infelici.
    L’io negativo della gelosia inganna gli esseri che si adorano e distrugge la loro felicità.
    L’io negativo dell’orgoglio mistico inganna i devoti del Cammino e questi, sentendosi saggi,
    aborrono il proprio Maestro o lo tradiscono...
    L’io negativo ricorre alle nostre esperienze personali, ai nostri ricordi, ai nostri migliori
    propositi, alla nostra sincerità e, mediante una rigorosa selezione fra tutto questo, ci presenta
    qualcosa sotto una falsa luce, qualcosa che affascina e arriva il fallimento...
    Tuttavia, quando si scopre l’io in azione, quando si è appreso a vivere in stato d’allerta,
    questo inganno è impossibile...
    Torna in alto Andare in basso
     
    PENSIERI NEGATIVI DI SAMAEL AUN WEOR
    Torna in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
    Forum di Scienza Spirituale :: BIBLIOTECA SPIRITUALE :: Samael Aun Weor-
    Vai verso: