IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2019 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2019 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
» Domanda
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeLun Dic 09, 2019 8:43 am Da Admin

» DOMANDA
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeDom Giu 16, 2019 7:26 pm Da giulia

» Cos'è il Primo Amore di cui si parla nella Apocalisse e ...
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeMar Mag 21, 2019 7:03 am Da Admin

» Un'anima si può reincarnare in un altro corpo immediatamente ... ?
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeLun Mag 20, 2019 6:12 pm Da Massimiliano

» L’evoluzione del mondo e l’uomo: il Periodo Lunare
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeGio Feb 21, 2019 11:44 am Da Rita

» richiesta correzioni al sito
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeGio Feb 07, 2019 5:41 am Da Admin

» Bene e Male O.M.Aivanhov
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeGio Ago 23, 2018 7:25 am Da Admin

» Considerazioni sul Padre Nostro “…e non indurci in tentazione…”- Enzo Nastati
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeGio Feb 01, 2018 8:18 am Da neter

» INCONTRI CON ENZO NASTATI 2018
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeMer Gen 31, 2018 12:11 pm Da Admin

» Rivelazioni sulla creazione primordiale dell'uomo  di Max Seltmann                  
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeVen Gen 26, 2018 11:21 am Da neter

» Cercasi notizie sulla prole di Gesù .
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeMar Gen 23, 2018 3:10 pm Da Massimiliano

» Energia libera : http://www.magravsitalia.com/
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeMar Giu 27, 2017 7:21 pm Da Admin

» Apicultura naturale
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeVen Mag 12, 2017 3:51 pm Da apinaturale

» Sull'offuscamento dell'ipofisi ...
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeMar Apr 18, 2017 12:37 pm Da neter

» AUGURI
La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeMer Nov 16, 2016 4:20 pm Da Admin

SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it

    Condividi
     

     La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner

    Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    Admin
    Admin
    Admin

    Messaggi : 1827
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 50

    La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Empty
    MessaggioTitolo: La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner   La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner Icon_minitimeVen Ott 05, 2012 8:48 am

    La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner

    "L’ascesa verso lo stato di coscienza soprasensibile può avere, come punto di partenza, soltanto
    la coscienza normale di veglia; l’anima vive appunto in questa coscienza prima della sua ascesa.
    Dalla disciplina le vengono forniti i mezzi per trascendere questa coscienza.

    La disciplina di cui ora tratteremo consiglia anzitutto dei mezzi tratti dalla coscienza normale
    diurna; i più efficaci sono appunto quelli che consistono in pratiche serene e silenziose dell’anima.
    Importa che l’anima si dedichi a delle rappresentazioni ben determinate, le quali per loro natura
    devono essere capaci di esercitare una forza che risvegli determinate facoltà nascoste
    dell’interiorità umana.

    Esse si differenziano dalle rappresentazioni della vita di veglia, le quali hanno il còmpito di
    rispecchiare una cosa esteriore, e tanto più sono vere quanto più fedelmente la rispecchiano; e
    difatti in conformità della loro, natura devono appunto essere vere in quel senso; ma le
    rappresentazioni alle quali l’anima deve dedicarsi a scopo di disciplina spirituale non hanno tale
    missione; esse sono tali, che non riproducono una cosa esteriore, ma hanno in loro stesse la
    forza di esercitare un’azione di risveglio sull’anima.
    Le migliori rappresentazioni a tale scopo sono allegoriche o simboliche; ci si può però
    servire anche di altre rappresentazioni.
    Perché no n importa il loro contenuto, ma unicamente che l’anima applichi tutte le sue forze
    per non ammettere altro nella coscienza che la suddetta rappresent azione.

    Mentre le forze dell’anima, nella sua vita abituale, sono distribuite su vasto campo, e le
    rappresentazioni si susseguono rapidamente, la disciplina occulta è diretta a concentrare l’intiera
    vita dell’anima sopra una sola rappresentazione, la quale deve venire posta dalla volontà al
    centro della coscienza.

    Perciò le rappresentazioni allegoriche sono migliori di quelle che ritraggono oggetti o processi
    esteriori, perché queste ultime hanno un punto d’appoggio nel mondo esteriore, e per tal fatto
    l’anima non è costretta con quelle a basarsi soltanto su sé stessa come con le allegoriche, che
    vengono create dalla propria energia animica.
    L’attenzione principale va posta sull’intensità della forza che l’anima deve impiegare.
    L’essenziale non è già quello che viene rappresentato, bensì il fatto che, per effetto del modo
    della rappresentazione, l’oggetto di essa sciolga l’anima da qua lsiasi riferimento al mondo fisico.
    Si arriva a comprendere tale concentrazione in una rappresentazione se si evoca per un
    momento il concetto di ciò che è un ricordo.

    Se, per esempio, si volge l’occhio verso un albero e poi si voltano a quello le spalle, di guisa da
    non poterlo più vedere, si sarà nondimeno capaci di conservare la rappresentazione dell’albero
    nell’anima nostra.
    Questa rappresentazione dell’albero che si conserva quando questo non ci sta più dinanzi
    agli occhi, è un ricordo dell’albero.

    Ora immaginiamoci di conservare questo ricordo nell’anima, di lasciare che l’anima, in certo qual
    modo, si adagi su quel ricordo, sforzandoci di escludere da essa qualsiasi altra rappresentazione.
    Allora l’anima è concentrala nella rappresentazione-ricordo dell’albero.
    Si tratta allora della concentrazione dell’anima in una rappresentazione; però questa
    rappresentazione è la riproduzione di cose percepite dal sensi.
    Ma, se ci si accinge a questo esercizio con una rappresentazione imposta volontariamente
    alla coscienza, si potrà conseguire poco a poco l’effetto desiderato.
    Citerò ora un solo esempio della concentrazione interiore in una rappresentazione simbolica.
    Anzitutto occorre che tale rappresentazione venga costruita nell’anima, e ciò può farsi nel
    seguente modo.
    Rappresentiamoci una pianta radicata nel suolo, che caccia fuori una foglia dopo l’altra e si
    sviluppa finalmente nel fiore.

    Immaginiamoci ora un uomo accanto a quella pianta, e suscitiamo nell’anima nostra il pensiero,
    che l’uomo ha capacità e facoltà più perfette di quelle della pianta; occorre riflettere come egli
    possa recarsi qua o là a seconda dei suoi sentimenti e della sua volontà, mentre la pianta è
    vincolata al suolo.

    Ma ci si dica ora anche questo: «Sì, certamente, l’uomo è più perfetto della pianta; ma scopro in
    lui delle qualità che mancano, nella pianta, e per tale ragione essa mi appare, sotto undeterminato punto di vista, più perfetta dell’uomo. L’uomo è pieno di desideri e di passioni alle quali uniforma la sua condotta. Posso affermare veramente, che i suoi desideri e le sue passioni
    lo trascinano a molte aberrazioni. La pianta invece segue le pure leggi della crescita di foglia in
    foglia, essa schiude senza passione i suoi fiori ai raggi puri del sole».

    Posso dire a me stesso: l’uomo gode di una certa perfezione rispetto alla pianta, ma per
    acquistarsi questa perfezione ha dovuto permettere che oltre alle forze pure che vedo nella
    pianta, gli istinti, i desideri e le passioni penetrassero nel suo essere.

    Io mi rappresento ora che il verde succo scorre attraverso la pianta ed è l’espressione delleleggi pure e prive di passione della crescita; mi rappresento poi, come il sangue rosso scorra
    attraverso le arterie dell’uomo, e in esso vedo l’espressione degl’istinti, dei desideri e delle
    passioni.
    Queste idee devono divenir viventi nella mia anima.
    Mi rappresento, inoltre, come l’uomo sia capace di evoluzione; come egli possa purificare i
    suoi istinti e le sue passioni per mezzo delle facoltà superiori della sua anima.
    Penso come in tal modo gli elementi inferiori di questi istinti e di queste passioni rimangano annientati e quelle qualità purificate rinascano sopra un gradino superiore.
    Il sangue potrà quindi rappresentare l’espressione degli istinti e delle passioni purificate.

    Allora con lo sguardo spirituale considero la rosa e dico a me stesso: «Nel succo rosso della rosa
    vedo il colore del verde succo della pianta trasformato in rosso; e la rosa rossa segue, come la
    foglia verde, le leggi pure, scevre di passioni, della crescita. Il rosso della rosa può ormaidiventare per me il simbolo di un sangue, in cui si esprimono gli istinti e le passioni purificate, che hanno eliminato i loro elementi inferiori, e nella loro purezza uguagliano ormai le
    forze che sono attive nella rosa rossa».

    Devo ora elaborare tali pensieri, non soltanto nella mia mente, ma farli vivere nel miei
    sentimenti.

    Può invadermi un sentimento di beatitudine, quando mi rappresento la purezza e la mancanza di
    passione della pianta crescente; posso creare in me il sentimento che determinate perfezioni
    superiori debbano essere acquistate al prezzo di brame e passioni.

    Questa idea può trasformare la beatitudine che prima sentiva in un sentimento più serio, mentre
    può destarsi allora in me un senso di felicità liberatrice, se mi abbandono all’idea del sangue
    rosso che, come il succo rosso della rosa, può diventare il veicolo delle pure esperienze interiori.
    È importante di non restare impassibili di fronte ai pensieri, che servono alla costruzione di
    una rappresentazione simbolica.
    Dopo essersi dati a questi pensieri e sentimenti, occorre trasformarli nella seguente
    rappresentazione simbolica.
    Ci si rappresenta una croce nera.

    Questa deve essere il simbolo degli elementi distrutti, inferiori, degl’istinti e delle passioni, e là
    dove le braccia della croce s’incrociano, bisogna raffigurarsi sette rose raggianti, ordinate a
    forma di circolo.
    Queste rose saranno il simbolo del sangue che esprime le passioni e gl’istinti purificati.
    Ora, è una rappresentazione simbolica di questo genere che deve essere evocata nell’anima,
    nel modo già descritto per la rappresentazione di un ricordo.
    Tali rappresentazioni hanno forza risvegliatrice, se interiormente ci si immerge in esse.
    Mentre ci si concentra, bisogna cercare di escludere ogni altra rappresentazione.
    Soltanto il simbolo appunto caratterizzato deve dimorare spiritualmente ne ll’anima, con la
    maggiore vivacità possibile.

    Non è senza importanza il fatto, che questo simbolo non è citato qui semplicemente come una
    rappresentazione risvegliatrice, ma che esso è stato prima costruito per mezzo di determinate
    considerazioni sulla pianta e sull’uomo.
    Perché l’influenza di un tale simbolo dipende dal fatto di essere stato costruito nel modo
    descritto, prima di servire alla concentrazione interiore.

    Se si evoca quel simbolo nella nostra anima, senza aver eseguito tale, lavoro di costruzione,
    esso rimarrà freddo e molto meno efficace, come se gli mancasse la forza vivificatrice animica
    che gli proviene dalla preparazione.

    Poco importa che questi pensieri trovino o meno la loro giustificazione nella scienza
    naturale, perché si tratta dello sviluppo di pensieri sulla pianta e l’uomo, i quali,
    indipendentemente da qua lsiasi teoria, possono essere acquistati per mezzo della semplice
    contemplazione diretta. Tali pensieri hanno anche la loro importanza, come, sotto un altro
    rapporto, sono importanti pure le rappresentazioni teoretiche sulle cose del mondo esteriore. E i
    pensieri in questo caso non servono a esporre scientificame nte uno stato di fatto, bensì per
    costruire un simbolo, che si dimostri efficace, malgrado tutte le obiezioni che potranno
    presentarsi a questa o ad altra persona durante la costruzione del simbolo stesso.

    Durante la concentrazione, però, non bisogna richiamare nell’anima i pensieri che hanno servitoa preparare il simbolo, deve aleggiare spiritualmente nell’anima unicamente l’immagine vivente del simbolo, e all’unisono con essa deve vibrare nell’anima il sentimento, che è risultato
    dai pensieri preparatori.
    Così il simbolo diventa un segno accompagnato da una esperienza del sentimento; l’effetto
    viene appunto esercitato dal soffermarsi dell’anima in questa esperienza.
    Quanto più a lungo vi si può trattenere senza essere disturbata da altre rappresentazioni, e
    tanto più risulterà efficace l’intiero processo.

    Nondimeno è bene, perché il sentimento non si affievolisca, che, oltre al tempo effettivamente
    dedicato alla concentrazione, vengano spesso rievocati i pensieri e i sentimenti che hanno
    servito nel modo appunto descritto a costruire tale immagine.

    E quanto più pazienza si applica in tale ricapitolazione, tanto più l’immagine risulta efficace per
    l’anima. (Nelle considerazioni del mio libro: «L’Iniziazione» sono stati citati altri mezzi per la
    concentrazione interiore. Sono particolarmente efficaci le meditazioni indicate in quell’opera, sul
    divenire e sull’appassire delle piante, sulle forze del divenire latenti nel seme della pianta, sulle
    forme dei cristalli, ecc.; qui, invece, è stato scelto un solo esempio per esporre la natura della
    medit azione).

    Un simbolo come quello descritto non rappresenta nessuna cosa o essere esteriore, nessun
    prodotto della natura; per questa ragione appunto esso possiede la forza di destare determinate
    facoltà int eriori.
    Indubbiamente si potrebbe sollevare la seguente obiezione: «Certo questo «simbolo», nel suo
    assieme, non esiste nella natura; ma nondimeno tutti i singoli particolari di esso sono tratti dalla
    natura: il colore nero, le rose, ecc., tutte ciò viene percepito dai sensi».

    Chi si preoccupasse di tale obiezione dovrebbe riflettere che non sono le riproduzioni delle
    percezioni dei sensi che cond ucono al risveglio delle facoltà sup eriori dell’anima, ma che
    questo effetto viene prodotto unicamente dal modo, come queste partic olarità sono state
    connesse.
    E questa connessione non riproduce qualcosa che esiste nel mondo sensibile.
    Questo simbolo è stato citato come esempio per dimostrare il processo di una
    concentrazione efficace per l’anima.
    Nella disciplina spirituale vengono indicate innumerevoli immagini di questo genere,
    costruite nei modi più diversi.

    Possono venir date anche determinate frasi, formule, singole parole, su cui lo scolaro deve
    concentrarsi; però tutti questi mezzi per la concentrazione interiore tenderanno sempre alla
    mèta di staccare l’anima dalla percezione dei sensi e di stimolarla a una attività, in cui
    l’impressione sui sensi fisici non abbia importanza, e lo sviluppo delle facoltà animiche interiori
    latenti diventi l’essenziale.
    Vi possono essere anche concentrazioni sopra dei semplici sent imenti, ecc.; queste sono di
    particolare efficacia.
    Si può prendere, per esempio, il sentimento della gioia.
    Nel corso normale della vita l’anima può sperimentare della gioia per effetto di uno stimolo
    esteriore.

    Quando un’anima dotata di sentimenti sani si accorge, che un uomo compie un’azione per bontà
    di cuore, essa potrà prova rne soddisfazione e gioia; ma può inoltre riflettere sopra un’azione di
    quel genere, e dirsi: «Chi compie un’azione per bontà di cuore non persegue il proprio interesse,
    ma l’interesse del suo simile. E una tale azione può essere detta moralmente buona».

    Orbene, l’anima che la contempla può mettere da parte completamente la rappresentazione di quel singolo caso esteriore che le ha procurato gioia o soddisfazione, e può formarsi un’ideagenerale della bontà di cuore.
    Riflettendo su questa, può pensare che la bontà di cuore deriva dal fatto, che un’anima
    assimila, per così dire, l’interesse dell’altra, e ne fa il proprio.
    L’anima può ora, per questa idea morale della bontà di cuore provare della gioia, che non è
    connessa a nessun processo dei mondo sensibile, ma all’idea come tale.

    Se si cerca di far vivere questa gioia per lungo tempo nell’anima, si ottiene la concentrazione sopra un sentimento.

    Da: La Scienza Occulta nelle sue linee generali" - Rudolf Steiner
    Torna in alto Andare in basso
    https://arcadellavita.forumattivo.it
     
    La meditazione "rosacruciana " secondo R. Steiner
    Torna in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: ANTROPOSOFIA :: ANTROPOSOFIA GENERALE :: SCIENZA OCCULTA-
    Vai verso: