IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2017 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2017 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
» Apicultura naturale
Ven Mag 12, 2017 3:51 pm Da apinaturale

» Sull'offuscamento dell'ipofisi ...
Mar Apr 18, 2017 12:37 pm Da neter

» AUGURI
Mer Nov 16, 2016 4:20 pm Da Admin

» INCONTRI CON ENZO NASTATI 2016
Gio Nov 10, 2016 6:13 am Da Admin

» Piacere, Antares!
Gio Nov 10, 2016 5:52 am Da Admin

» I SEGRETI DEL CAMMINO DI CRESCITA INTERIORE - Enzo Nastati - PDF
Mer Ott 26, 2016 5:51 pm Da Admin

» eccomi con le api
Lun Ott 03, 2016 6:15 pm Da Admin

» Energia libera : http://www.magravsitalia.com/
Lun Ott 03, 2016 10:33 am Da Araba Fenice

» La morte ... potrebbe essere quello che chiamiamo Dio (Krishnamurti)
Mar Ago 02, 2016 4:18 pm Da Admin

» CALENDARIO DELL'ANIMA DI RUDOLF STEINER - Commentato da Enzo Nastati e Collaboratori - PDF
Lun Ago 01, 2016 8:31 pm Da Admin

» CERIMONIA DEL TUNNEL DI SAN GOTTARDO IN SVIZZERA
Lun Giu 27, 2016 9:36 am Da Admin

» la Resurrezione di Lazzaro
Gio Giu 16, 2016 5:12 pm Da Loretta

» G e o m e t r i a C a r d i a c a C H E S T A H E D R O N Frank Chester
Sab Giu 11, 2016 3:30 pm Da sinwan85PHAR

» Madre Nostra
Ven Giu 03, 2016 10:49 pm Da Loretta

» Immortalità della coscienza
Gio Mag 26, 2016 4:23 pm Da sinwan85PHAR

SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it
    PAGINE VISUALIZZATE DAL 02/04/2011


    Condividere | 
     

     Il grande inganno della crisi di Gian Piero Abbate

    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1821
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Il grande inganno della crisi di Gian Piero Abbate   Ven Apr 19, 2013 1:28 pm


    Il grande inganno della crisi

    di Gian Piero Abbate


    La riserva monetaria è la quantità di metallo prezioso che chi emette la moneta dovrebbe tenere come controvalore reale della “carta” messa in circolazione. Ho usato il condizionale perché da tempo è stato tolto il vincolo di rapporto tra moneta circolante e riserva monetaria, il che significa che i soldi sono per buona parte carta straccia. Siccome però i soldi hanno un loro valore reale, detto potere d’acquisto, la mancata corrispondenza con la riserva significa anche che chi batte moneta si arricchisce in funzione di quanta “carta straccia” mette in circolazione. Visto che l’oro resta il metallo più prezioso, normalmente la riserva monetaria è detta riserva aurea. Se compariamo le riserve auree dei vari Stati a livello mondiale, in valore assoluto, scopriamo che l’Italia è al terzo posto, dopo Stati Uniti e Germania. Però se la comparazione la facciamo in modo relativo, ad esempio rispetto al PIL, scopriamo che siamo al primo posto, il paese più ricco del mondo.

    Dov’è tutto questo oro? Bene, circa un quarto lo detiene lo Stato, ma circa tre quarti è nelle riserve internazionali, cioè è depositato nelle “Banche Centrali”, cioè per noi nella Banca d’Italia, che nonostante il nome, non è dello Stato italiano, che ne detiene una piccola parte attraverso l’INPS, ma è privata. Questo significa che il nostro oro lo abbiamo dato e continuiamo a darlo “gratis” ai proprietari della Banca d’Italia.

    In realtà la cosa è più complessa, perché nel gioco entrano anche le altre Banche Centrali, ad esempio quella tedesca o quelle sovranazionali, ma questo non cambia la sostanza.

    Smontato il primo inganno, e cioè che siamo un Paese povero, vediamo però se siamo ricchi, ma pieni di debiti.

    Supponiamo che l’Italia sia una famiglia, con padre e madre e numerosi figli. Questi vanno dai genitori e chiedono i soldi per comparsi l’auto, dicendo: “Dammi i soldi, che poi te li restituisco un po’ alla volta”. I genitori prestano ad alcuni figli i soldi necessari: questo si chiama debito interno, cioè è il debito dei cittadini verso lo Stato. Però arrivano gli altri figli a chiedere la stessa cosa, ma i genitori hanno finito i soldi. Allora vanno in Banca e dicono la stessa cosa. E la Banca presta loro i soldi, con un mutuo, dicendo però: “Ti do i soldi, ma tu me li devi restituire con gl’interessi ed inoltre voglio delle garanzie”. Questo, a livello nazionale, si chiama debito estero.

    Perché si crea il debito interno? Perché lo Stato eroga tutta una serie di servizi costosi, come la Scuola, la Sanità, la Giustizia, ma non ricava dai cittadini abbastanza soldi per pagare il tutto, così i cittadini diventano debitori. Ma da qualche parte i soldi devono saltare fuori, e allora lo Stato ricorre a prestiti internazionali.

    La somma di tutti i debiti si chiama “debito pubblico”. Tutti sanno che il nostro debito pubblico continua a crescere rispetto alla nostra capacità di produrre ricchezza, misurata dal PIL. Però com’è la composizione di questo debito? Il 56% è debito interno, il 44% è debito estero.

    Quindi la prima considerazione è che il 56% del debito è solo un problema interno, che si potrebbe risolvere facilmente, ricordandoci che siamo una unica famiglia, ma questo non è possibile, perché il debito non è dello Stato con se stesso, ma dello Stato con la Banca d’Italia, cioè con pochi privati che vogliono speculare su questi soldi, a scapito di tutti gli altri italiani.

    Ma cosa significa un 44% di debito estero, rispetto agli altri Paesi. Se rapportiamo il debito estero rispetto al PIL, in Italia è il 58%, mentre negli USA è il 95%, in Germania il 160%. Meglio di noi, tra i paesi industrializzati, è il Giappone, con un 35%. Questo però significa che il nostro debito estero “pesa poco”, ed è sostenibile. Se poi lo rapportiamo alla popolazione, in Italia è pari a 18 mila $ pro capite, mentre negli USA è 42 mila €, in Germania 54 mila €, in Giappone solo 4 mila €. C’è, tra gl’industrializzati, chi sta molto peggio di noi, come ad esempio il Regno Unito, dove i cittadini nascono con un debito di 175 mila $.

    Da questi dati è facile capire come ancora una volta si riconferma che non solo siamo ricchi, ma siamo, proporzionalmente molto poco indebitati con l’estero, che poi è il vero debito.

    Infine dobbiamo tener conto che le materie prime non sono più il parametro per giudicare la ricchezza di uno Stato. Quando andavo alle elementari mi è stato insegnato che l’Italia è un paese povero perché non ha materie prime nel suo sottosuolo. Allora forse poteva essere un’affermazione reale, ma oggi viviamo in una società che è passata dall’economia alla finanza, e questo è stato un cambiamento a nostro favore, almeno inizialmente, vista la nostra nota propensione al risparmio. Purtroppo qualcuno però ha deciso di toglierci i soldi dalle nostre tasche per metterli nelle sue, e quindi ha continuato a dirci che siamo un Paese povero.

    Bisogna chiarire la differenza tra economia e finanza. Nel passato il capitale veniva impiegato per produrre, con un processo economico dove agli operai era pagato un salario per acquistare dei beni, per buona parte da loro prodotti, che avevano un valore aggiunto, e quindi ogni volta un po’ più di soldi per chi deteneva le fabbriche, dove con questi guadagni l’imprenditore in parte si arricchiva e in parte l’investiva in nuove produzioni o in ammodernamenti di quelle esistenti. Questo era il mondo dell’economia, dove i soldi erano solo un mezzo di scambio.

    Questo ciclo è ancora in atto, ma il suo peso è sempre meno, perché oggi la finanza vuole dettare legge. In pratica i capitalisti vogliono autogestirsi, a prescindere dal produrre, e quindi i capitali vengono usati per influenzare gli scambi di moneta e speculare sui mercati. Il capitale genera se stesso. Il denaro, figlio della merce, si è ribellato a sua madre, e una madre ormai troppo vecchia e irrigidita non può far nulla contro una figlia ribelle.

    Tutto questo grazie alla “deregulation”, che ha smantellato lo Stato sociale, in tutto il Mondo, e così anche l’Italia non solo non è più una grande famiglia, ma non è neppure uno Stato di diritto.

    Ormai siamo una provincia dell’impero che parla un dialetto chiamato italiano.

    Ai tempi dei romani il latino era la lingua parlata da chi contava, oggi è l’inglese.

    Ma qual’é questo impero di lingua inglese? Quali i suoi confini?

    Quando ero giovane e scendevo in piazza, con tanti altri coetanei, a protestare, la lotta era tra l’impero americano e quello russo, e questa cosa l’avevo capita bene, non schierandomi né da una parte, né dall’altra, ma cercando una via all’autonomia italiana.

    Oggi l’impero è globale, e include USA, Russia, Cina e ogni altro stato. È l’effetto della “globalizzazione”.

    Anche i paesi che tradizionalmente usavano altre lingue si sono convertiti all’inglese. Un buon esempio è la Russia, dove chi contava parlava il russo e le persone colte parlavano il francese, e oggi tutti si sono convertiti all’inglese.

    Ma allora, in questo impero globale, dominato dalla finanza, chi controlla il mondo?

    Non i più ricchi, come magari verrebbe spontaneo pensare. Un esempio per tutti: gli sceicchi arabi si sono arricchiti moltissimo grazie al petrolio, ma essendo furbi non hanno tentato la scalata al potere. Anzi, quando qualche loro figlio, come Bin Laden, ha deciso di utilizzare le ricchezze per scopi di potere, è stato immediatamente ripudiato e allontanato. Essere ricchi è una condizione necessaria, ma non sufficiente per avere il potere globale.

    Una volta, nel mondo dell’economia, il potere lo aveva chi controllava i mezzi di produzione, perché la ricchezza si creava in fabbrica.

    Oggi le circa 200 famiglie che controllano il mondo non solo sono ricche, non solo spesso controllano i mezzi di produzione, anche se ultimamente tendono a sbarazzarsene, ma soprattutto controllano la fabbrica della ricchezza. Ma qual è la fabbrica della ricchezza nel mondo della finanza?


    Continua...
    Articolo postato grazie a Sua gentile concessione
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
     
    Il grande inganno della crisi di Gian Piero Abbate
    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: ANTROPOSOFIA :: ANTROPOSOFIA GENERALE :: PERSONAGGI ATTUALI E DEL PASSATO-
    Andare verso: