IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2017 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2017 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
» Cercasi notizie sulla prole di Gesù .
Mer Set 27, 2017 12:43 pm Da Massimiliano

» Energia libera : http://www.magravsitalia.com/
Mar Giu 27, 2017 7:21 pm Da Admin

» Apicultura naturale
Ven Mag 12, 2017 3:51 pm Da apinaturale

» Sull'offuscamento dell'ipofisi ...
Mar Apr 18, 2017 12:37 pm Da neter

» AUGURI
Mer Nov 16, 2016 4:20 pm Da Admin

» INCONTRI CON ENZO NASTATI 2016
Gio Nov 10, 2016 6:13 am Da Admin

» Piacere, Antares!
Gio Nov 10, 2016 5:52 am Da Admin

» I SEGRETI DEL CAMMINO DI CRESCITA INTERIORE - Enzo Nastati - PDF
Mer Ott 26, 2016 5:51 pm Da Admin

» eccomi con le api
Lun Ott 03, 2016 6:15 pm Da Admin

» La morte ... potrebbe essere quello che chiamiamo Dio (Krishnamurti)
Mar Ago 02, 2016 4:18 pm Da Admin

» CALENDARIO DELL'ANIMA DI RUDOLF STEINER - Commentato da Enzo Nastati e Collaboratori - PDF
Lun Ago 01, 2016 8:31 pm Da Admin

» CERIMONIA DEL TUNNEL DI SAN GOTTARDO IN SVIZZERA
Lun Giu 27, 2016 9:36 am Da Admin

» la Resurrezione di Lazzaro
Gio Giu 16, 2016 5:12 pm Da Loretta

» G e o m e t r i a C a r d i a c a C H E S T A H E D R O N Frank Chester
Sab Giu 11, 2016 3:30 pm Da sinwan85PHAR

» Madre Nostra
Ven Giu 03, 2016 10:49 pm Da Loretta

SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it
    PAGINE VISUALIZZATE DAL 02/04/2011


    Condividere | 
     

     R. Steiner - La Pentecoste Cosmica - (Oslo) 17 maggio 1923

    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Re: R. Steiner - La Pentecoste Cosmica - (Oslo) 17 maggio 1923   Lun Mag 20, 2013 7:26 am



    LA PENTECOSTE COSMICA


    «…Sappiamo, mediante la conoscenza scientifico-spirituale, che quando il Cristo ebbe abbandonato il corpo di Gesú di Nazareth, Egli tornò spiritualmente fra i suoi discepoli, e ancora li ammaestrava. Ma la forza che era stata data ai discepoli e agli apostoli perché potessero ricevere gli insegnamenti del Cristo, anche quando Egli appariva loro solo in un corpo spirituale, dopo qualche tempo andò perduta per loro. C’è un momento nella vita dei discepoli del Cristo Gesú in cui essi si dissero: «Noi lo abbiamo veduto: ora non lo vediamo piú. Dal cielo è disceso fra noi sulla terra. Ma dove è andato ora?». Il ricordo di questo momento in cui i discepoli credettero di aver nuovamente perduto la presenza del Cristo, è tenuto vivo nella festa cristiana dell’Ascensione. Vi è conservato vivo il ricordo del fatto che, per la coscienza del discepolo, era di nuovo scomparso l’Alto Spirito solare che in Gesú di Nazareth ha vissuto sulla terra. Dopo che i discepoli del Cristo ebbero fatto questa esperienza, scese su di loro una tristezza che non può essere paragonata con nessun’altra tristezza della terra. Negli antichi Misteri, quando si celebrava il culto del Sole e si deponeva l’immagine del Dio nella terra per trarla fuori solo dopo tre giorni, le anime erano prese da grande tristezza per la morte del Dio. Ma non era una tristezza paragonabile a quella scesa nei cuori dei discepoli del Cristo Gesú. Vedete, miei cari amici, ogni vera grande conoscenza è nata dal dolore e dall’angoscia. E se con i mezzi di conoscenza della Scienza dello Spirito si tenta di percorrere la via verso i mondi superiori, si potrà giungere a una meta soltanto se si è passati per il dolore. Senza aver sofferto, senza avere molto sofferto ed essersi poi liberati da ciò che il dolore ha di depressivo, non si può conoscere il mondo spirituale. Nei dieci giorni che fanno seguito all’Ascensione, i discepoli hanno immensamente sofferto, perché la visione del Cristo era per loro svanita. Da questo dolore, da questa tristezza immensa, si generò quello che chiamiamo il Mistero della Pentecoste. …Questo è ciò che i discepoli sentirono come Mistero della Pentecoste: “Il Cristo stesso è disceso sulla terra. Nel nostro cuore sorge la sua forza come forza che assicura l’immortalità agli uomini”. Si deve prendere molto seriamente, e in tutta la sua profondità, ogni affermazione del Cristo, per esempio questa: “Io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dei tempi”. E se si può prendere con piena serietà nella sua profondità spirituale un’affermazione come questa, ci si conquisterà anche l’accesso a questa conoscenza: “Non solo al principio dell’era nostra stava fra noi il Cristo: Egli c’è sempre. Egli ci parla, purché Lo vogliamo ascoltare. Ma per poterLo ascoltare, dobbiamo, grazie alla Scienza dello Spirito, imparare di nuovo a vedere in ogni essere materiale qualche cosa di spirituale: spiritualità nella pietra, spiritualità nella pianta, spiritualità negli animali, spiritualità negli uomini, spiritualità nelle nubi, spiritualità nelle stelle, spiritualità nel Sole. Se, attraverso la materia, ritroviamo di nuovo lo Spirito nella sua realtà, allora apriamo la nostra anima umana anche alla voce del Cristo, il quale ci vuole parlare, purché noi vogliamo udirlo”. L’Antroposofia afferma che lo Spirito è in tutta la natura. E afferma anche che esso domina su tutta la storia dell’umanità; cosí come afferma che la terra ha riconquistato il suo significato solo mediante il Mistero del Golgota. Il significato della terra, prima del Mistero del Golgota, era sul Sole. Dopo il Mistero del Golgota, esso è congiunto con la terra stessa. Questo l’Antroposofia vorrebbe far comprendere agli uomini come perenne mistero della Pentecoste. …Mediante l’Antroposofia dobbiamo cercare la via al Cristo vivente, e sentire che con ciò può rinnovarsi in ogni antroposofo il primo Mistero di Pentecoste, cosí che sorga in lui la conoscenza del Cristo, ed egli si senta riscaldato e illuminato dalle lingue di fuoco della conoscenza cristiana del mondo. Che la nostra via verso la spiritualità per mezzo dell’Antroposofia sia allo stesso tempo la via al Cristo mediante lo Spirito. Se un piccolo numero di uomini si volge a questo con serietà, questo Mistero di Pentecoste prenderà sempre piú radice in molti uomini del presente e ancor piú dell’avvenire. E allora verrà ciò di cui l’umanità tanto necessita per il suo risanamento, per la sua salvezza. A una nuova comprensione umana parlerà lo Spirito di salvezza, lo Spirito che sana i mali delle anime, e che il Cristo ha mandato. Verrà, miei cari amici, ciò di cui l’umanità ha bisogno: la Pentecoste cosmica».


    Da: R. Steiner - La Pentecoste Cosmica - (Oslo) il 17 maggio 1923
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Re: R. Steiner - La Pentecoste Cosmica - (Oslo) 17 maggio 1923   Mar Mag 21, 2013 6:03 am



    …Finché gli antichi Egizi venerarono il loro Dio a Tebe, bisognava andare a Tebe per potervi venerare il santuario della Divinità. Finché si venerava Giove ad Olimpia, bisognava andare ad Olimpia. E cosí il maomettano deve andare alla Mecca. Qualche cosa di queste consuetudini si è conservato anche nel cristianesimo. Ma se si intende giustamente il cristianesimo, si comprende che il Sole splende su tutti gli uomini: splende su Tebe, su Olimpia, sulla Mecca. Fisicamente, il Sole si può ugualmente vedere da tutti i luoghi, e perciò anche l’Alta Entità solare, il Cristo, si può in ogni luogo venerare.
    E cosí l’antroposofia mostrerà agli uomini come quell’Essere, che prima del Mistero del Golgota poteva solo essere raggiunto mediante facoltà istintive, sovraterrene, dopo il Mistero del Golgota può venir raggiunto mediante la forza di conoscenza che l’uomo si conquista sulla Terra stessa.
    Si comprenderà di nuovo la parola: «Il regno di Dio è disceso sulla Terra». …Si comprenderà che quello che prima era sul Sole, ora è sulla Terra. E ci si dirà: «Dopo il Mistero del Golgota, noi abbiamo il Cristo anche sulla Terra, fra gli uomini, perché Egli è disceso sulla Terra».
    Questo è ciò che i discepoli sentirono come Mistero della Pentecoste: «Il Cristo stesso è disceso sulla terra. Nel nostro cuore sorge la sua forza come forza che assicura l’immortalità agli uomini». Si deve prendere molto seriamente, e in tutta la sua profondità, ogni affermazione del Cristo, per esempio questa: «Io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dei tempi». E se si può prendere con piena serietà nella sua profondità spirituale un’affermazione come questa, ci si conquisterà anche l’accesso a questa conoscenza: non solo al principio dell’era nostra stava fra noi il Cristo, ma Egli c’è sempre. Egli ci parla, purché lo vogliamo ascoltare. Ma per poterlo ascoltare, dobbiamo, grazie alla Scienza dello Spirito, imparare di nuovo a vedere in ogni essere materiale qualcosa di spirituale: spiritualità nella pietra, spiritualità nella pianta, spiritualità negli animali, spiritualità negli uomini, spiritualità nelle nubi, spiritualità nelle stelle, spiritualità nel sole. Se, attraverso la materia, ritroviamo di nuovo lo Spirito nella sua realtà, allora apriamo la nostra anima umana anche alla voce del Cristo, il quale ci vuole parlare, purché noi vogliamo udirlo.
    L’antroposofia afferma che lo Spirito è in tutta la natura. E afferma anche che esso domina su tutta la storia dell’umanità; cosí come afferma che la Terra ha riconquistato il suo significato solo mediante il Mistero del Golgota. Il significato della terra, prima del Mistero del Golgota, era sul Sole. Dopo il Mistero del Golgota, esso è congiunto con la Terra stessa. Questo l’antroposofia vorrebbe far comprendere agli uomini come perenne mistero della Pentecoste.
    Nel momento in cui gli uomini sono pronti a ricercare di nuovo il mondo spirituale per mezzo dell’antroposofia, essi ritrovano anche nei tempi nostri il Cristo come colui che è sempre presente.
    Se in questo tempo gli uomini non si volgono alla conoscenza spirituale, il Cristo va perduto. Fino ad oggi il cristianesimo non dipendeva dalla conoscenza. Il Cristo è morto per tutti gli uomini. Egli non ha rinnegato gli uomini. Se gli uomini oggi lo respingono dalla conoscenza, rinnegano il Cristo.
    …Si parla sovente dell’antroposofia come se fosse nemica del Cristianesimo. Se veramente verrà accolto lo spirito dell’antroposofia, si aprirà di nuovo l’orecchio umano e tutta l’anima umana al Mistero del Golgota.
    Il destino dell’antroposofia vorrebbe essere allo stesso tempo il destino del cristianesimo. A ciò è necessario che gli uomini non guardino oggi soltanto alla parola morta che parla loro del Cristo, ma che essi si volgano a una conoscenza che li guidi a quella luce stessa in cui è contenuto il Cristo vivente, non il Cristo storico, che ha vissuto molti secoli fa sulla Terra, bensí il Cristo vivente che ora e in ogni momento del futuro vive sulla Terra fra gli uomini, perché Dio è diventato per loro un divino fratello.
    Vogliamo dunque fra i nostri pensieri di Pentecoste accogliere anche questo: che mediante l’antroposofia dobbiamo cercare la via al Cristo vivente, e sentire che con ciò può rinnovarsi in ogni antroposofo il primo Mistero di Pentecoste, cosí che sorga in lui la conoscenza del Cristo ed egli si senta riscaldato e illuminato dalle lingue di fuoco della conoscenza cristiana del mondo. Che la nostra via verso la spiritualità per mezzo dell’antroposofia sia allo stesso tempo la via al Cristo mediante lo Spirito. Se un piccolo numero di uomini si volge a questo con serietà, tale Mistero di Pentecoste prenderà sempre piú radice in molti uomini del presente e ancor piú dell’avvenire. E allora verrà ciò di cui l’umanità tanto necèssita per il suo risanamento, per la sua salvezza: a una nuova comprensione umana parlerà lo Spirito di salvezza, lo Spirito che sana i mali delle anime, e che il Cristo ha mandato. Verrà, miei cari amici, ciò di cui l’umanità ha bisogno: la Pentecoste cosmica.

    Da una conferenza di R. Steiner - Oslo - il 17 maggio 1923.
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Re: R. Steiner - La Pentecoste Cosmica - (Oslo) 17 maggio 1923   Mer Mag 22, 2013 3:34 pm



    «Il mistero della Pentecoste è un
    appello rivolto agli uomini affinché, in quanto singoli
    individui, essi accolgano in sé l’impulso del Golgota».
    (R. Steiner, Ascensione e Pentecoste, Dornach 7.5.1923)
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Contenuto sponsorizzato




    MessaggioTitolo: Re: R. Steiner - La Pentecoste Cosmica - (Oslo) 17 maggio 1923   

    Tornare in alto Andare in basso
     
    R. Steiner - La Pentecoste Cosmica - (Oslo) 17 maggio 1923
    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: ANTROPOSOFIA :: ANTROPOSOFIA GENERALE :: PENTECOSTE-
    Andare verso: