Forum di Scienza Spirituale
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.



 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2020 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2019 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2020
QUI E ORA

Ultimi argomenti
SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2020 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2020
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it

     

     I Colori nell'Arte

    Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    Admin
    Admin
    Admin

    Messaggi : 1816
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 51

    I Colori nell'Arte Empty
    MessaggioTitolo: I Colori nell'Arte   I Colori nell'Arte Icon_minitimeMer Apr 18, 2012 3:22 pm


    I COLORI NELL'ARTE

    Il bisogno di penetrare le leggi a cui sono soggetti i fenomeni del senso della vista nacque in Goethe dalla meditazione delle opere d'arte dei pittori. Ogni quadro gli presentava un enigma. Quale rapporto ha il chiaroscuro coi colori? Quale rapporto hanno i diversi colori fra loro? Perché il giallo risveglia un senso di serenità, e l'azzurro uno di serietà? La teoria newtoniana non poteva dare nessuna chiave per aprire questi misteri. Essa deduce tutti i colori dalla luce, li pone in serie l'uno accanto all'altro, e non dice nulla circa i loro rapporti con l'oscurità né circa i viventi rapporti dell'uno con l'altro. Dal punto di vista che Goethe raggiunge per vie sue proprie, egli può invece risolvere gli enigmi che l'arte gli aveva proposto. Il giallo deve possedere un carattere sereno, lieto, dolcemente attraente, essendo il colore piú prossimo alla luce. Sorge dalla piú leggera mitigazione della luce. L'azzurro fa pensare all'oscurità che in lui agisce. Perciò risveglia un senso di freddo, e "ricorda anche le ombre". Il giallo rossastro sorge da un'intensificazione del giallo dalla parte dell'oscuro. Grazie a questa intensificazíone cresce la sua energia. La serenità, la letizia, si tramutano in gioia piena. Quando l'intensificazione procede oltre, dal giallo rossastro al rosso giallastro (scarlatto), il senso di letizia e di gioia piena si trasforma in un'impressione di violenza. Il violetto è l'azzurro che tende al chiaro. La quiete e la freddezza dell'azzurro diventa cosí inquietudine. Tale inquietudine aumenta ancora nel rosso azzurrino (paonazzo), Il rosso puro (carminio) sta nel mezzo, fra il rosso giallastro e il rosso azzurrino. L'impetuosità del giallo rimane moderata, la quiete indolente dell'azzurro si anima e si ravviva. Il rosso dà l'impressione della soddisfazione ideale, della conciliazione dei contrari. Un senso di soddisfazione viene anche dal verde, che è un miscuglio di giallo e d'azzurro. Anzi, poiché ivi la serenità del giallo non è intensificata, e la quiete dell'azzurro non è turbata dal richiamo del rosso, la soddisfazione sarà piú pura di quella prodotta dal rosso stesso.
    L'occhio, quando gli si mette dinanzi un colore, ne chiama subito un altro. Se vede il giallo, sorge subito in lui il desiderio del violetto; se percepisce l'azzurro, chiede l'aranciato, se vede il rosso, domanda il verde. Si comprende che sorga il senso della soddisfazione, quando si pone accanto ad un colore che è esibito all'occhio, un altro colore a cui l'occhio tende per sua natura. Dall'essenza dell'occhio risulta la legge dell'armonia dei colori. I colori che l'occhio vuole vicini fanno un effetto armonico. Se si trovano vicini due colori di cui l'uno non chiami l'altro, l'occhio viene stimolato a reagire. La combinazione di giallo e porpora ha qualche cosa d'unilaterale, ma di gaio e di ricco. L'occhio vuole il violetto accanto al giallo, per vivere a suo modo. Se viene il color porpora al posto del violetto, vuol dire che l'oggetto fa valere i suoi diritti di fronte a quelli dell'occhio: che non si adatta alle esigenze dell'organo. Combinazioni di tal genere servono a chiamar l'attenzione su quel che v'è di significativo nelle cose. Non vogliono soddisfare incondizionatamente, ma caratterizzare. A queste combinazioni caratteristiche si prestano i colori che non sono in opposizione diametrale fra loro, ma che non sono neppure l'uno sfumatura dell'altro. Combinazioni di quest'ultimo genere danno alle cose in cui si verificano una cert'aria di mancanza di carattere.
    Goethe ha imparato a conoscere nella natura il divenire e l'essere dei fenomeni della luce e dei colori. Ma l'ha anche a sua volta riconosciuto nelle creazioni dei pittori, ove si trova innalzato a un gradino superiore, tradotto in spirituale. Mediante le sue osservazioni sulle percezioni visive, Goethe ha quindi acquistato una profonda visione del rapporto fra natura ed arte.

    Rudolf Steiner
    Da :R. Steiner, Concezione goethiana del mondo-Carabba, Lanciano 1925
    Torna in alto Andare in basso
    https://arcadellavita.forumattivo.it
     
    I Colori nell'Arte
    Torna in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
    Forum di Scienza Spirituale :: ANTROPOSOFIA :: ANTROPOSOFIA GENERALE :: ARTE :: Pittura-
    Vai verso: