IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2017 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2017 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
» Cercasi notizie sulla prole di Gesù .
Mer Set 27, 2017 12:43 pm Da Massimiliano

» Energia libera : http://www.magravsitalia.com/
Mar Giu 27, 2017 7:21 pm Da Admin

» Apicultura naturale
Ven Mag 12, 2017 3:51 pm Da apinaturale

» Sull'offuscamento dell'ipofisi ...
Mar Apr 18, 2017 12:37 pm Da neter

» AUGURI
Mer Nov 16, 2016 4:20 pm Da Admin

» INCONTRI CON ENZO NASTATI 2016
Gio Nov 10, 2016 6:13 am Da Admin

» Piacere, Antares!
Gio Nov 10, 2016 5:52 am Da Admin

» I SEGRETI DEL CAMMINO DI CRESCITA INTERIORE - Enzo Nastati - PDF
Mer Ott 26, 2016 5:51 pm Da Admin

» eccomi con le api
Lun Ott 03, 2016 6:15 pm Da Admin

» La morte ... potrebbe essere quello che chiamiamo Dio (Krishnamurti)
Mar Ago 02, 2016 4:18 pm Da Admin

» CALENDARIO DELL'ANIMA DI RUDOLF STEINER - Commentato da Enzo Nastati e Collaboratori - PDF
Lun Ago 01, 2016 8:31 pm Da Admin

» CERIMONIA DEL TUNNEL DI SAN GOTTARDO IN SVIZZERA
Lun Giu 27, 2016 9:36 am Da Admin

» la Resurrezione di Lazzaro
Gio Giu 16, 2016 5:12 pm Da Loretta

» G e o m e t r i a C a r d i a c a C H E S T A H E D R O N Frank Chester
Sab Giu 11, 2016 3:30 pm Da sinwan85PHAR

» Madre Nostra
Ven Giu 03, 2016 10:49 pm Da Loretta

SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it
    PAGINE VISUALIZZATE DAL 02/04/2011


    Condividere | 
     

     IL MEDICO INTERIORE di P. Mulford

    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    neter



    Messaggi : 206
    Data d'iscrizione : 06.06.11

    MessaggioTitolo: IL MEDICO INTERIORE di P. Mulford   Gio Dic 05, 2013 10:07 am

    IL MEDICO INTERIORE

    La fede è la sostanza di ciò che si desidera. Quando abbiamo nella nostra mente un’immagine ideale di noi stessi, che ci mostra al nostro occhio interiore luminosi, agili, forti e perfetti, mettiamo in moto quelle forze che ci rendono tali. Noi costruiamo, da sostanza di pensieri invisibili, un «IO» spirituale (il sano, bello «IO» della fiducia) e con il tempo questo «IO» spirituale dominerà il corpo, trasformerà le sue cellule e diventerà realtà. Chi ha dei polmoni cattivi, cattiva circolazione del sangue o un qualunque difetto organico deve assolutamente rifiutarsi di trascinarsi appresso la coscienza del proprio organo debilitato come una parte malata e bisognosa di cure. Non vederti mai come paziente incatenato a un letto tra tanti cuscini, anche se per il momento così fosse. Chi si vede giocare a tennis o a fare una gara di corse contribuisce alla sua guarigione. Non attenderti mai malattie o dolori per il domani, anche se oggi malattie e dolori fossero terribili: per domani aspettati solo salute e forza. In altre parole: salute, bellezza e forza devono diventare il vero «sogno a occhi aperti», perché il sogno esprime meglio lo stato d’animo giusto che non la speranza o l’attesa.
    I sognatori compiono molte più cose di quanto il mondo immagini. Il sogno sveglio dell’uomo, che è sprofondato in se stesso, dimentico delle frenesie intorno a lui, è una forza che compie azioni in un regno potente e invisibile, esplorato ancora da pochi. E anche a coloro che riescono a liberare la coscienza dal loro corpo, tanto da dimenticarlo per un attimo, manca la conoscenza di queste forze che stanno usando, la conoscenza dell’effetto di questa forza e così purtroppo essi perdono i risultati veri. Chi non capisce niente del cercare l’oro, delle condizioni per le quali si potrebbe trovare l’oro o dei metodi di estrazione, può scavare sul terreno aurifero più ricco per mesi, per poi riempire con questo buche o costruire baluardi. Senza la conoscenza riguardante il tesoro della nostra terra siamo poveri e impotenti come prima. Lo stesso vale per gli aspetti spirituali. Ogni immaginazione è una realtà invisibile: più a lungo e più intensamente viene trattenuta, più grande sarà la forza che si trasformerà in quella forma dell’essere che possiamo toccare, vedere, sentire, in breve percepire con i sensi esteriori. Quindi, sognate il più possibile! Svegli, di giorno, sognate salute e forza, così anche di notte il pensiero si porterà nelle stesse regioni e aiuterà a compiere l’opera. Se, però, di giorno sogniamo tristezza e miseria, sarà probabile che lo stesso cerchio di idee tristi attirerà durante il sonno correnti di pensieri simili da ogni dove e la mattina ci sveglieremo doppiamente miseri.
    Inconsciamente si può accumulare in una casa materiale esplosivo che si ritiene un preparato innocuo: una scintilla, però, può distruggere casa e persone. In modo analogo vi sono persone che possono portare sfortuna e pene a se stesse con l’uso ignorante e improprio delle loro forze mentali. Secondo la qualità dei nostri sogni da svegli accumuliamo oro o materiale esplosivo per il nostro destino. Più profondo è lo stato di sogno, più completa la concentrazione e l’astrazione, più forte e lontano può agire il potere mentale, mille miglia lontano. Tutto ciò che viene chiamato potere occulto e telepatia viene raggiunto per questa via. Qualunque idea mentale potrebbe, immaginata con intensità, essere materializzata immediatamente. In ogni uomo esistono queste forze in embrione. La fede è il seme di tutti i miracoli! Però da questo seme può germogliare qualche cosa di cattivo come di buono. Nel cattivo può svilupparsi un albero sulla cui cima ogni uccello di malaugurio costruirà il suo nido. La nostra fantasia opaca e triste è la fede nella sfortuna. Se soffriamo, per esempio, di un disturbo insignificante, passeggero, dopo uno o due giorni cominciamo già ad aspettarcelo. L’organo ormai ce lo immaginiamo solo malato. Dopo, forse, sentiamo parlare di questa malattia con un nome pomposo che suggerisce l’idea di un pericolo: tutto questo fortifica la fede nella disgrazia. A questo si aggiungono le influenze di altri cervelli, amici e parenti, che sono preoccupati e angosciati e che ci ricordano continuamente il nostro stato. Tutto e ognuno ci spingono letteralmente nel cerchio rappresentativo della debolezza. Nessuno ci manda l’ideale mentale della forza e della salute, da tutte le parti ci viene l’immagine della malattia. Le forze spirituali di tutto quello che ci circonda agiscono nella direzione sbagliata. Se un amico nel salutarci ci augura «pronta guarigione», lo fa con un tono di misericordiosa angoscia che fa temere il peggio! Così si riceve la «sostanza» di quel che si teme! Parenti che si «preoccupano» di noi sono la nostra rovina. Bisogna aggrapparsi ai pensieri di felicità e salute con tutte le fibre del nostro essere, settimana per settimana, mese per mese, anno per anno, sognare la nostra immagine «libera da ogni male», finché questo sogno diventi un’idea fissa, una seconda natura e continui ad agire inconsciamente .In ogni vita animale e organica si vedono periodi di cambiamento, di inattività, come preparazione a un nuovo stato di essere: così quando i serpenti cambiano pelle; gli uccelli fanno la muda; e quando i mammiferi perdono il pelo invernale. In questi periodi ci sono grandi cambiamenti nell’organismo che rendono gli animali pigri e deboli .La natura ha bisogno di tranquillità per l’opera di rigenerazione. Questa legge che agisce nelle basse forme di vita vale anche per i gradini più alti. Nella vita di ogni uomo ci sono periodi in cui tutti i suoi organi, le sue forze ed energie mostrano una certa diminuzione. E’ il momento in cui attraversiamo un qualche processo di trasformazione. La natura ci porta «a riposo». Se assecondiamo questa legge, ne usciremo in poche settimane o mesi rigenerati nel corpo e nell’anima. La natura, in fondo, non ci chiede altro che di fermarci durante il periodo del suo lavoro di trasformazione. Di persone arrivate a metà della loro vita noi diciamo che hanno raggiunto, se non addirittura oltrepassato, il massimo di forze e vitalità e dopo secondo la loro natura innata dovrebbero come foglie appassire e decadere. Questa incrollabile fiducia nell’invecchiare deve, secondo la legge spirituale, portare con sé la vecchiaia. La «discesa» dopo la prima metà della vita significa soltanto che il nostro corpo vuole rigenerarsi, vuole rinascere. Durante questa nuova rinascita, l’assoluta tranquillità è necessaria, perché l’Ego più alto è all’opera per completare la trasmutazione. In questo periodo, bisognerebbe affaticarsi il meno possibile come durante la primissima infanzia. Noi, invece, rifiutiamo questa sosta alla natura, costringiamo l’organismo a compiere cose alle quali non è adatto per il momento. Mentre la natura fa il tentativo di farci rinascere e fortificarci, noi frustriamo il suo sforzo e ci roviniamo .La maggior parte degli uomini non ha la possibilità di permettersi la pausa necessaria. Essi devono lavorare in continuazione, anno dopo anno, per badare alla «loro esistenza!». Ma questo non cambia l’effetto. Le leggi della natura non hanno riguardi per le organizzazioni sociali. Incurante di queste, senza saperlo, l’umanità si trascina avanti arrabattandosi per guadagnarsi la vita e si guadagna invece miseria e morte. In tanti casi l’abitudine è così forte che le persone non sono neanche capaci di smettere la loro attività. La tranquillità o pace che è necessaria durante i periodi critici non è solo fisica. La maggior parte di noi non ha la più pallida idea di cosa significhi pace e se si trovasse per la prima volta in uno stato simile si spaventerebbe a morte, perché questo stato ha qualche cosa in sé della magia sognante. La barbara e mortale «irrequietezza» viene invece unicamente dal fatto che gli uomini non sono ancora coscienti di essere parte della sapienza eterna, non hanno ancora imparato a raccogliere i pensieri della sorgente mentale e portarli nel loro essere. Un giorno l’umanità aprirà gli occhi e saprà, quando dice «voglio questo» e ci si soffermerà, che le forze invisibili sono all’opera per trasformare il voluto in realtà.

    P. Mulford
    Tornare in alto Andare in basso
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Re: IL MEDICO INTERIORE di P. Mulford   Mer Dic 11, 2013 7:52 pm

    IL MEDICO INTERIORE

    La fede è la sostanza di ciò che si desidera. la scienza dello spirito afferma che la fede è la "forza con cui l'Io umano va oltre se stesso". Quando abbiamo nella nostra mente un’immagine ideale di noi stessi, che ci mostra al nostro occhio interiore luminosi, agili, forti e perfetti, mettiamo in moto quelle forze che ci rendono tali. Il pericolo è di creare illusioni, proiezioni di noi stessi che ci “appagano”. La Fede è la sostanza dell’anima che permette all’anima umana di trasformarsi (metamorfosarsi) in Sé Spirituale, ossia far nascere il fanciullo dello Spirito santo in noi.

    Noi costruiamo, da sostanza di pensieri invisibili, un «IO» spirituale (il sano, bello «IO» della fiducia la fiducia è il “parente povero” della Fede. La Fede è verso Dio (è una virtù teologale), la fiducia è per l’uomo con l’uomo.) e con il tempo questo «IO» spirituale dominerà il corpo, trasformerà le sue cellule e diventerà realtà Siamo sicuri che questo sia un “Io spirituale”?. Chi ha dei polmoni cattivi, cattiva circolazione del sangue o un qualunque difetto organico deve assolutamente rifiutarsi di trascinarsi appresso la coscienza del proprio organo debilitato come una parte malata e bisognosa di cure. Non vederti mai come paziente incatenato a un letto tra tanti cuscini, anche se per il momento così fosse. Chi si vede giocare a tennis o a fare una gara di corse contribuisce alla sua guarigione. Non attenderti mai malattie o dolori per il domani, anche se oggi malattie e dolori fossero terribili: per domani aspettati solo salute e forza. In altre parole: salute, bellezza e forza devono diventare il vero «sogno a occhi aperti», perché il sogno esprime meglio lo stato d’animo giusto che non la speranza o l’attesa. E’ vero, la mente ha questa forza, ma questo è l’Io?

    I sognatori compiono molte più cose di quanto il mondo immagini. Il sogno sveglio dell’uomo, che è sprofondato in se stesso, dimentico delle frenesie intorno a lui, è una forza che compie azioni in un regno potente e invisibile, esplorato ancora da pochi. E anche a coloro che riescono a liberare la coscienza dal loro corpo, tanto da dimenticarlo per un attimo, manca la conoscenza di queste forze che stanno usando, la conoscenza dell’effetto di questa forza e così purtroppo essi perdono i risultati veri. Chi non capisce niente del cercare l’oro, delle condizioni per le quali si potrebbe trovare l’oro o dei metodi di estrazione, può scavare sul terreno aurifero più ricco per mesi, per poi riempire con questo buche o costruire baluardi. Senza la conoscenza riguardante il tesoro della nostra terra siamo poveri e impotenti come prima. Lo stesso vale per gli aspetti spirituali. Ogni immaginazione è una realtà invisibile: più a lungo e più intensamente viene trattenuta, più grande sarà la forza che si trasformerà in quella forma dell’essere che possiamo toccare, vedere, sentire, in breve percepire con i sensi esteriori. Quindi, sognate il più possibile! Svegli, di giorno, sognate salute e forza, così anche di notte il pensiero si porterà nelle stesse regioni e aiuterà a compiere l’opera. Se, però, di giorno sogniamo tristezza e miseria, sarà probabile che lo stesso cerchio di idee tristi attirerà durante il sonno correnti di pensieri simili da ogni dove e la mattina ci sveglieremo doppiamente miseri.

    Inconsciamente si può accumulare in una casa materiale esplosivo che si ritiene un preparato innocuo: una scintilla, però, può distruggere casa e persone. In modo analogo vi sono persone che possono portare sfortuna e pene a se stesse con l’uso ignorante e improprio delle loro forze mentali. Secondo la qualità dei nostri sogni da svegli accumuliamo oro o materiale esplosivo per il nostro destino. Più profondo è lo stato di sogno, più completa la concentrazione e l’astrazione, più forte e lontano può agire il potere mentale, mille miglia lontano. Tutto ciò che viene chiamato potere occulto e telepatia viene raggiunto per questa via. Qualunque idea mentale potrebbe, immaginata con intensità, essere materializzata immediatamente. In ogni uomo esistono queste forze in embrione. La fede è il seme di tutti i miracoli! Verissimo: la Fede, non la fantasia (anche se essa “Muove” l’anima e l’anima “comanda” i processi vitali. Insomma: non confondiamo la fede con la suggestione.

    Però da questo seme può germogliare qualche cosa di cattivo come di buono. Nel cattivo può svilupparsi un albero sulla cui cima ogni uccello di malaugurio costruirà il suo nido. La nostra fantasia opaca e triste è la fede nella sfortuna. Se soffriamo, per esempio, di un disturbo insignificante, passeggero, dopo uno o due giorni cominciamo già ad aspettarcelo. L’organo ormai ce lo immaginiamo solo malato. Dopo, forse, sentiamo parlare di questa malattia con un nome pomposo che suggerisce l’idea di un pericolo: tutto questo fortifica la fede nella disgrazia. A questo si aggiungono le influenze di altri cervelli, amici e parenti, che sono preoccupati e angosciati e che ci ricordano continuamente il nostro stato. Tutto e ognuno ci spingono letteralmente nel cerchio rappresentativo della debolezza. Nessuno ci manda l’ideale mentale della forza e della salute, da tutte le parti ci viene l’immagine della malattia. Le forze spirituali di tutto quello che ci circonda agiscono nella direzione sbagliata. Se un amico nel salutarci ci augura «pronta guarigione», lo fa con un tono di misericordiosa angoscia che fa temere il peggio! Così si riceve la «sostanza» di quel che si teme! Parenti che si «preoccupano» di noi sono la nostra rovina. Bisogna aggrapparsi ai pensieri di felicità e salute con tutte le fibre del nostro essere, settimana per settimana, mese per mese, anno per anno, sognare la nostra immagine «libera da ogni male», finché questo sogno diventi un’idea fissa, una seconda natura e continui ad agire inconsciamente  Dici bene: “inconsciamente”, ma se lo Steiner ci dice che tramite essa l’Io va oltre se stesso, significa che tramite essa noi sviluppiamo le nostre parti superiori, quindi attiviamo un processo di “super-coscienza”.

    In ogni vita animale e organica si vedono periodi di cambiamento, di inattività, come preparazione a un nuovo stato di essere: così quando i serpenti cambiano pelle; gli uccelli fanno la muda; e quando i mammiferi perdono il pelo invernale. In questi periodi ci sono grandi cambiamenti nell’organismo che rendono gli animali pigri e deboli .La natura ha bisogno di tranquillità per l’opera di rigenerazione. Questa legge che agisce nelle basse forme di vita vale anche per i gradini più alti. Chiedo cusa ma ciò non mi risulta. Innanzi tutto in base a quale principio spirituale viene paragonato l’uomo all’animale? A me risulta che l’uomo cambia attraverso prove, ostacoli, tribolazioni, perché solo così (purtroppo) la coscienza si risveglia.

    Nella vita di ogni uomo ci sono periodi in cui tutti i suoi organi, le sue forze ed energie mostrano una certa diminuzione. E’ il momento in cui attraversiamo un qualche processo di trasformazione. La natura ci porta «a riposo». Se assecondiamo questa legge, ne usciremo in poche settimane o mesi rigenerati nel corpo e nell’anima. La natura, in fondo, non ci chiede altro che di fermarci durante il periodo del suo lavoro di trasformazione. Certamente è meglio fermarci fuori per meglio lavorare dentro. Ma questo accade sempre in un turbinio di esperienze, di “pressione” esterna che ci richiama alla pace dell’Io. Ci “richiama”: a noi rispondere.

    Di persone arrivate a metà della loro vita noi diciamo che hanno raggiunto, se non addirittura oltrepassato, il massimo di forze e vitalità e dopo secondo la loro natura innata dovrebbero come foglie appassire e decadere. Questa incrollabile fiducia nell’invecchiare deve, secondo la legge spirituale, portare con sé la vecchiaia. La «discesa» dopo la prima metà della vita significa soltanto che il nostro corpo vuole rigenerarsi, vuole rinascere. Durante questa nuova rinascita, l’assoluta tranquillità è necessaria, perché l’Ego più alto è all’opera per completare la trasmutazione. In questo periodo, bisognerebbe affaticarsi il meno possibile come durante la primissima infanzia. Noi, invece, rifiutiamo questa sosta alla natura, costringiamo l’organismo a compiere cose alle quali non è adatto per il momento. Mentre la natura fa il tentativo di farci rinascere e fortificarci, noi frustriamo il suo sforzo e ci roviniamo .La maggior parte degli uomini non ha la possibilità di permettersi la pausa necessaria. dimentichiamo che se un uomo si congiunge alla forza vivificante del Cristo può avere la forza anche di 1000 uomini?

    Essi devono lavorare in continuazione, anno dopo anno, per badare alla «loro esistenza!». Ma questo non cambia l’effetto. Le leggi della natura non hanno riguardi per le organizzazioni sociali. Incurante di queste, senza saperlo, l’umanità si trascina avanti arrabattandosi per guadagnarsi la vita e si guadagna invece miseria e morte. In tanti casi l’abitudine è così forte che le persone non sono neanche capaci di smettere la loro attività. La tranquillità o pace che è necessaria durante i periodi critici non è solo fisica. La maggior parte di noi non ha la più pallida idea di cosa significhi pace e se si trovasse per la prima volta in uno stato simile si spaventerebbe a morte, perché questo stato ha qualche cosa in sé della magia sognante. La barbara e mortale «irrequietezza» viene invece unicamente dal fatto che gli uomini non sono ancora coscienti di essere parte della sapienza eterna, non hanno ancora imparato a raccogliere i pensieri della sorgente mentale e portarli nel loro essere. Un giorno l’umanità aprirà gli occhi e saprà, quando dice «voglio questo» e ci si soffermerà, che le forze invisibili sono all’opera per trasformare il voluto in realtà.  Mi chiedo perché Cristo ha detto: “Non sono venuto per fare la Mia volontà, ma quella del Padre che Mi ha mandato”. Se Lui dice così, chi siamo noi per operare la “Nostra” volontà? Ci ricordiamo dell’altra esortazione: “ solo quando abbiamo operato tutto ciò che ci è stato ordinato i fare possiamo chiamarci “servi inutili”?

    Spero di non essere stato troppo categorico ma l’anima è una sfera e lo spirito è un’altra.

    Grazie
    Enzo


    P. Mulford
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
     
    IL MEDICO INTERIORE di P. Mulford
    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: ANTROPOSOFIA :: ANTROPOSOFIA GENERALE :: PERSONAGGI ATTUALI E DEL PASSATO-
    Andare verso: