IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2017 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2017 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it
    PAGINE VISUALIZZATE DAL 02/04/2011


    Condividere | 
     

     IL CAMBIAMENTO RADICALE DI SAMAEL AUN WEOR

    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    neter



    Messaggi : 206
    Data d'iscrizione : 06.06.11

    MessaggioTitolo: IL CAMBIAMENTO RADICALE DI SAMAEL AUN WEOR   Lun Gen 28, 2013 2:49 pm

    IL CAMBIAMENTO RADICALE
    Fino a quando un uomo si ostini nell’errore di credersi “uno”, “unico”, “individuale”, è evidente
    che il cambiamento radicale sarà una cosa del tutto impossibile.
    Il fatto stesso che il lavoro esoterico cominci con la rigorosa osservazione di se stessi ci
    indica l’esistenza di una molteplicità di fattori psicologici, io o elementi indesiderabili che è
    urgente estirpare, sradicare dal nostro interno.
    Eliminare errori che non si conoscono non sarebbe in alcun modo possibile: su questo non ci
    sono dubbi. Per prima cosa occorre osservare ciò che vogliamo separare dalla nostra Psiche.
    Questo tipo di lavoro non è esteriore, bensì interiore e chi pensa che un qualunque manuale di
    comportamento o un sistema etico superficiale e di facciata gli possa garantire un risultato, si sta
    sbagliando di grosso.
    Il fatto concreto e determinante che il lavoro intimo inizi con l’attenzione concentrata sulla
    piena osservazione di se stessi è motivo più che sufficiente per dimostrare che esso esige uno
    sforzo personale molto particolare da parte di ciascuno di noi.
    Senza mezzi termini, possiamo affermare che nessun essere umano potrà fare questo lavoro
    per noi.
    Qualsiasi cambiamento nella nostra Psiche è impossibile senza l’osservazione diretta di tutto
    l’insieme di fattori soggettivi che portiamo dentro.
    Dare per buona l’esistenza di una molteplicità di errori, scartando la necessità di studiarli ed
    osservarli direttamente, vuol dire di fatto cercare una scusa, una scappatoia, una specie di
    autoinganno, uno sfuggire a se stessi.
    Solo per mezzo di uno sforzo rigoroso nella giudiziosa osservazione di se stessi, senza cercare
    scappatoie di nessun genere, potremo davvero constatare che non siamo “uno”, ma “molti”.
    Ammettere la pluralità dell’io ed evidenziarla con la rigorosa osservazione sono due aspetti
    diversi.
    Qualcuno potrebbe accettare la dottrina dei molti io senza averne mai provato l’evidenza;
    quest’ultima è ottenibile solo auto-osservandosi con cura.
    Sottrarsi al lavoro di osservazione interiore, cercare scappatoie è segno inconfondibile di
    degenerazione.
    Finchè un uomo alimenti l'illusione di essere una sola persona e sempre la stessa, non può
    affatto cambiare, mentre è chiaro che lo scopo di questo lavoro è proprio quello di ottenere un
    graduale cambiamento nella nostra vita interiore.
    La trasformazione radicale è una possibilità definita che di norma si perde se non si lavora su
    se stessi.
    Il punto di partenza per un cambiamento radicale rimane introvabile fino a che l’uomo continua
    a credersi “uno”.
    Chi rifiuta la dottrina dei molti io dimostra, in effetti, di non essersi mai auto-osservato
    seriamente.
    La severa osservazione di se stessi, senza scappatoie di alcun genere, ci permette di verificare
    da noi stessi la cruda realtà che non siamo “uno” ma “molti”.
    Nel mondo delle opinioni soggettive, diverse teorie pseudoesoteriche o pseudo-occultiste
    servono sempre da via traversa per sfuggire a se stessi...
    È fuor di dubbio che l’illusione di essere una sola persona e sempre la stessa funge da scoglio
    per l’auto-osservazione...
    Qualcuno potrebbe dire: «So di non essere “uno”, ma “molti”: me l’ha insegnato la Gnosi».
    Tale affermazione, per sincera che fosse, sarebbe qualcosa di puramente esteriore e superficiale
    se non ci fosse una piena esperienza vissuta su questo aspetto teorico.
    Mettere in evidenza, sperimentare e comprendere è il punto fondamentale; solo così è possibile
    lavorare coscientemente per ottenere un cambiamento radicale.
    Affermare è una cosa, comprendere è un’altra. Quando qualcuno dice: «Comprendo che non
    sono “uno”, ma “molti”», se la sua è vera comprensione e non parole inutili e chiacchiere ambigue,
    questo indica, segnala, rivela la completa verifica della dottrina dei molti io.
    Conoscenza e comprensione sono cose diverse. La prima è propria della mente, la seconda
    del cuore.
    La pura e semplice conoscenza della dottrina dei molti io non serve a nulla. Sfortunatamente,
    al giorno d’oggi la conoscenza è andata molto al di là della comprensione, perché il povero
    animale intellettuale, erroneamente detto uomo, ha sviluppato esclusivamente l’aspetto della
    conoscenza, dimenticando purtroppo il corrispondente aspetto dell’Essere.
    Conoscere la dottrina dei molti io e comprenderla è fondamentale per ogni vero cambiamento
    radicale.
    Quando un uomo comincia ad osservare attentamente se stesso, dal punto di vista di non
    essere “uno” ma “molti”, ha chiaramente iniziato un seno lavoro sulla propria natura interiore.
    Tornare in alto Andare in basso
     
    IL CAMBIAMENTO RADICALE DI SAMAEL AUN WEOR
    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: BIBLIOTECA SPIRITUALE :: Samael Aun Weor-
    Andare verso: