IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2017 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2017 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
» Energia libera : http://www.magravsitalia.com/
Mar Giu 27, 2017 7:21 pm Da Admin

» Apicultura naturale
Ven Mag 12, 2017 3:51 pm Da apinaturale

» Sull'offuscamento dell'ipofisi ...
Mar Apr 18, 2017 12:37 pm Da neter

» AUGURI
Mer Nov 16, 2016 4:20 pm Da Admin

» INCONTRI CON ENZO NASTATI 2016
Gio Nov 10, 2016 6:13 am Da Admin

» Piacere, Antares!
Gio Nov 10, 2016 5:52 am Da Admin

» I SEGRETI DEL CAMMINO DI CRESCITA INTERIORE - Enzo Nastati - PDF
Mer Ott 26, 2016 5:51 pm Da Admin

» eccomi con le api
Lun Ott 03, 2016 6:15 pm Da Admin

» La morte ... potrebbe essere quello che chiamiamo Dio (Krishnamurti)
Mar Ago 02, 2016 4:18 pm Da Admin

» CALENDARIO DELL'ANIMA DI RUDOLF STEINER - Commentato da Enzo Nastati e Collaboratori - PDF
Lun Ago 01, 2016 8:31 pm Da Admin

» CERIMONIA DEL TUNNEL DI SAN GOTTARDO IN SVIZZERA
Lun Giu 27, 2016 9:36 am Da Admin

» la Resurrezione di Lazzaro
Gio Giu 16, 2016 5:12 pm Da Loretta

» G e o m e t r i a C a r d i a c a C H E S T A H E D R O N Frank Chester
Sab Giu 11, 2016 3:30 pm Da sinwan85PHAR

» Madre Nostra
Ven Giu 03, 2016 10:49 pm Da Loretta

» Immortalità della coscienza
Gio Mag 26, 2016 4:23 pm Da sinwan85PHAR

SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it
    PAGINE VISUALIZZATE DAL 02/04/2011


    Condividere | 
     

     Rudolf Steiner - Problemi Spirituali

    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Rudolf Steiner - Problemi Spirituali   Mar Apr 24, 2012 6:30 am

    LA SCIENZA DELLO SPIRITO

    “Antroposofia” non è affatto un nome nuovo. Parecchi anni fa, quando si trattò di dare un nome al nostro lavoro, io stesso pensai ad un nome che mi era caro perché un professore di filosofia, Roberto Zimmermann, i cui corsi ho frequentato nella mia gioventú, aveva intitolato Antroposofia la sua opera principale. Questo avveniva dopo il 1880. Del resto, il nome Antroposofia risale piú indietro nella letteratura: era già in uso al secolo XVIII, ed anche prima. Il nome è dunque vecchio; noi lo usiamo per cose nuove. Per noi il nome non deve significare “Scienza dell’uomo”: ciò fu espressamente inteso da chi diede questo nome. La nostra scienza stessa ci porta alla convinzione che entro l’uomo fisico vive un uomo spirituale, un uomo interiore, un secondo uomo, per cosí dire. Mentre dunque si può chiamare “Antroposofia” ciò che intorno al mondo l’uomo può conoscere per mezzo dei suoi sensi e dell’intelletto che all’osservazione dei sensi si attiene, noi vogliamo chiamare “Antroposofia” ciò che può conoscere l’uomo interiore, l’uomo spirituale.
    L’Antroposofia è dunque la scienza dell’uomo spirituale; e non comprende solo l’uomo, ma tutto ciò che nel mondo spirituale l’uomo spirituale può percepire, come l’uomo fisico percepisce nel mondo fisico le cose sensibili. E poiché questo altro uomo, quest’uomo interiore, è l’uomo spirituale, la conoscenza ch’egli acquista si può anche chiamare “Scienza dello Spirito”. E il nome “Scienza dello Spirito” è ancor meno nuovo del nome Antroposofia; non è nemmeno raro: e sarebbe in errore chi credesse che io – come fu detto – o altri vicino a me, abbia coniato questo nome. Si usa il nome “Scienza dello Spirito” dovunque si crede di poter conquistare una conoscenza che non sia conoscenza di soli fatti naturali, ma conoscenza di fatti spirituali. Molti nostri contemporanei chiamano la storia una Scienza dello Spirito: chiamano Scienze dello Spirito la sociologia, l’economia politica, l’estetica, la filosofia delle religioni. Solamente, noi usiamo questo nome in senso alquanto diverso, nel senso cioè che lo spirito è per noi una vera realtà, mentre generalmente coloro che oggi parlano di storia, di economia politica ecc. denominandole Scienze dello Spirito, dissolvono lo spirito in idee astratte.
    …Si può perfettamente comprendere che la Scienza dello Spirito, l’Antroposofia, come noi l’intendiamo, venga cosí spesso fraintesa. Chi vi è veramente penetrato trova spiegabilissimo che essa venga fraintesa. E chi conosce lo svolgimento spirituale dell’umanità non si meraviglierà di tale incomprensione. «Sono mere fantasticherie, sogni, forse anche peggio!» Giudizi simili si possono comprendere. Cosí – come si accoglie ora la Scienza dello Spirito – venne generalmente accolto tutto ciò che in modo consimile penetrò via via nella storia spirituale dell’umanità. Inoltre può facilmente apparire che l’Antroposofia abbia qualche somiglianza con talune concezioni antiche per le quali non esiste oggi gran simpatia. Guardando solo superficialmente a ciò ch’essa vuole, potrebbe sembrare ch’essa abbia attinenza con lo Gnosticismo dei primi secoli cristiani. Ma chi impara veramente a conoscere ciò che è la nostra Scienza dello Spirito, troverà ch’essa non ha con lo Gnosticismo maggior somiglianza che non ne abbia la scienza naturale moderna con la scienza naturale dell’ottavo o sesto secolo dopo Cristo. Certamente, si possono trovare delle somiglianze fra tutte le cose, quando non si faccia sufficientemente astrazione da ciò che le distingue; quando, per esempio, si dica: «La Scienza dello Spirito, l’Antroposofia, vuol conoscere il mondo in maniera spirituale: anche gli Gnostici volevano conoscere il mondo in maniera spirituale: per conseguenza l’Antroposofia e la Gnosi sono la stessa cosa».
    In modo simile si può mettere in un fascio l’Antroposofia con l’Alchimia, con la Magia del Medio Evo. Ma tutto questo si fonda sull’assoluto disconoscimento di ciò che l’Antroposofia, o Scienza dello Spirito, veramente vuole. Chi ha la buona volontà di rendersene conto, deve anzitutto considerare il sorgere del pensiero scientifico-naturale moderno da una precedente modalità di pensiero del tutto diversa, e seguirne lo svolgimento attraverso gli ultimi tre o quattro secoli. Si pensi un po’ all’importanza che ebbe per l’umanità il rivolgimento avvenuto 3-4 secoli or sono: fino a quel momento, tutti gli uomini, scienziati o profani, avevano creduto che la terra stesse ferma nell’universo, e che il sole e le stelle si muovessero intorno ad essa; ad un tratto, le dottrine di Copernico, Galileo ed altri vennero – per cosí dire – a smuovere agli uomini il terreno sotto i piedi. Oggi, che la rotazione della terra è ormai indiscutibile, non si ha piú una lontana idea dell’immenso stupore che quelle dottrine e tutto ciò che ad esse si collegava, suscitarono nell’umanità.
    Appunto quello che fu allora tentato per le scienze naturali nella spiegazione ed utilizzazione dei segreti della natura, si tenta oggi dalla Scienza dello Spirito, per ciò che riguarda l’anima e lo spirito. Essa altro non vuol essere, nelle sue fondamenta, se non una scienza per la vita dell’anima e dello spirito, analoga a ciò che divenne allora la scienza naturale per la vita esteriore della natura. Chi crede, per esempio, che la nostra Scienza dello Spirito abbia a che fare con l’antico Gnosticismo, disconosce interamente che con la concezione del mondo fondata sulle scienze naturali si è introdotto un elemento nuovo nello svolgimento spirituale dell’umanità, e che, come conseguenza di ciò, la Scienza dello Spirito deve portare un elemento analogamente nuovo per lo studio dei mondi spirituali. Ma se la Scienza dello Spirito vuol essere per lo Spirito ciò che le scienze naturali sono per la natura, deve investigare in modo totalmente diverso da queste. Deve trovare il mezzo e la via per penetrare nelle regioni dello Spirito, che non può venir percepito dai sensi fisici esteriori, né afferrato con l’intelletto legato al cervello.
    È ancora molto difficile oggi farci intendere quando si parla dei mezzi e delle vie che la Scienza dello Spirito cerca per penetrare nella regione dello spirito, perché la maggioranza degli uomini – a priori – ritiene il mondo spirituale un mondo che non solo è sconosciuto, ma che sconosciuto deve restare. La Scienza dello Spirito dice: certamente, le facoltà cognitive che l’uomo ha per la via solita, e ch’egli adopera pure nella solita scienza, non possono penetrare nel mondo dello spirito. A questo riguardo la Scienza dello Spirito è pienamente d’accordo con talune correnti della scienza naturale. Solo che la scienza naturale non conosce certe facoltà dell’uomo che sono dormenti in lui e che possono venir sviluppate.
    È anche difficile parlare oggi di queste facoltà, per la ragione che molti le scambiano con ogni sorta di fenomeni morbosi dell’uomo. Quando per esempio oggi si parla di certe facoltà insolite che l’uomo può acquistare, colui che possiede una cultura scientifica osserva: «Sí, ma queste facoltà si fondano soltanto sul fatto che il sistema nervoso normale, che il cervello normale, sono diventati anormali, si sono ammalati». In tutti i casi in cui lo scienziato della natura ha ragione nel dare questo giudizio, anche lo scienziato dello spirito gli darà, senz’altro, ragione. Ma quello a cui tende la Scienza dello Spirito, non va scambiato con ciò che dai piú viene volgarmente chiamato «chiaroveggenza». Né si deve scambiare la Scienza dello Spirito con ciò che si presenta sotto il nome di Spiritismo ecc. Questo è appunto l’essenziale, che la Scienza dello Spirito venga ben distinta da tutto ciò che in qualsiasi modo poggia su disposizioni morbose degli uomini.
    Per farmi intendere pienamente su questo proposito devo, almeno con brevi cenni, parlare del modo come lo scienziato dello spirito esegue le sue investigazioni. L’investigazione spirituale si fonda su procedimenti che non hanno nulla che fare con le forze animiche dell’uomo in quanto legate all’organismo corporeo. Se, per esempio, si dicesse che la Scienza dello Spirito si fonda su ciò che è raggiungibile per mezzo di un qualsiasi ascetismo, o su ciò per cui occorre in qualche modo preparare, eccitare il sistema nervoso; o se si dicesse ch’essa poggia sul fatto che degli spiriti vengono portati a manifestarsi fisicamente, esteriormente; tutte siffatte affermazioni sarebbero assolutamente erronee. Sono processi puramente animico-spirituali quelli che conducono lo scienziato dello spirito a conquistarsi la facoltà di vedere nel mondo spirituale processi che non hanno nulla a che fare con mutamenti del corpo né con quel genere di visioni che provengono da una vita morbosa del corpo.
    Lo scienziato dello spirito porrà la massima cura affinché la corporeità non abbia alcun influsso su tutto ciò ch’egli percepisce spiritualmente. Noto solo incidentalmente che se molti seguaci della Scienza dello Spirito sono, per esempio, vegetariani, è questione di una scelta che non ha a che fare, nei princípi, coi metodi dell’investigazione spirituale. Ha a che fare soltanto con una certa facilitazione della vita, vorrei quasi dire con una certa qual comodità, perché è piú agevole lavorare in senso spirituale quando non si mangia carne.
    L’essenziale è che la Scienza dello Spirito comincia con le sue investigazioni là dove la scienza naturale moderna si arresta. Alla concezione del mondo della scienza naturale l’umanità va debitrice di una logica che si educa al contatto coi fatti stessi della natura. Coloro che si sono occupati di scienze naturali hanno fatto un tirocinio importante riguardo al lavoro interiore del pensiero. Ora cercherò di spiegare per mezzo di un paragone il rapporto tra l’investigazione scientifico-naturale e quella scientifico-spirituale. Vorrei paragonare il pensiero che lo scienziato della natura adopera, con le forme di una statua. La logica formata sui fatti esteriori, naturali, ha qualcosa di morto. Quando si pensa logicamente, nei concetti, nelle rappresentazioni, si hanno delle immagini. Ma queste immagini non sono che forme di pensiero interiori, come sono forme le forme di una statua.
    Orbene, questo pensiero è per lo scienziato dello spirito un punto di partenza. Nel mio libro Iniziazione – Come si consegue la conoscenza dei mondi superiori, si trovano indicati i processi che dobbiamo appunto far subire al pensiero, per trasformarlo completamente da ciò che è nella vita solita e nella scienza solita. Lo scienziato dello spirito sviluppa il proprio pensiero, lo sottopone a una ben determinata disciplina (in questi brevi cenni non posso entrare in particolari, questi sono esposti nel suddetto libro). Allora, quando il pensiero, quando la logica che vive nell’uomo, vengono trattati in un dato modo, tutta la vita interiore dell’anima si trasforma. Ha luogo un processo che della vita dell’anima fa qualcosa di diverso da ciò che è generalmente; e questo pure voglio ora chiarire per mezzo di un paragone. Immaginate un po’ che la statua (ciò naturalmente non può accadere, ma supponiamo che accadesse) immaginate un po’ che la statua, la quale prima stava dinnanzi a noi solo in forme morte, tutt’a un tratto cominciasse a camminare, a diventare viva. Ciò che per la statua non può accadere, può però accadere per il pensiero umano, per l’attività logica esteriore. Per mezzo degli esercizi animici che lo scienziato dello spirito ha intrapreso, egli si pone in condizione di avere in sé una logica che non è soltanto una logica pensata, ma è una logica vivente: la logica stessa diventa in lui un ente vivo. In virtú di ciò egli ha afferrato in sé, al posto dei concetti morti, essa è una forza attiva vivente. Egli viene compenetrato da una forza attiva vivente. Non è dunque una fantasticheria se la Scienza dello Spirito ammette, oltre al corpo fisico che si vede con gli occhi, anche un corpo eterico; ma veramente l’uomo che in sé ha suscitato alla vita il pensiero logico, sperimenta interiormente un altro individuo. Questo è un fatto che si può arrivare a sperimentare. Ma appunto quest’esperienza si deve fare affinché possa sorgere la scienza dell’uomo spirituale; come si devono fare gli esperimenti esteriori della scienza naturale per cogliere i segreti della natura.

    Rudolf Steiner
    Da: R. Steiner - Problemi spirituali -
    Conferenza tenuta a Liestal nel 1916 - Editore Carabba -
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Re: Rudolf Steiner - Problemi Spirituali   Mer Apr 25, 2012 5:52 pm


    LA SCIENZA DELLO SPIRITO


    Come si trasmuta il pensiero in modo ch’esso non conduca piú solo a delle immagini, ma diventi interiormente mobile e vivente, cosí si può in certo modo sviluppare anche la volontà. I metodi di trattare la volontà cosí che si impari a conoscerla come una cosa diversa da ciò che è nella vita comune, si trovano descritti nel mio libro Iniziazione – Come si consegue la conoscenza dei mondi superiori?
    Questo sviluppo della volontà dà tutt’altro risultato che lo sviluppo del pensiero. Quando nella vita ordinaria si vuole qualcosa, quando si lavora, la volontà penetra, per cosí dire, dentro le membra umane. Si dice «io voglio muovere le mani» ed esse si muovono, ma la volontà si esplica solo in quel movimento. Nella sua essenza, essa rimane veramente sconosciuta. Ma si può, esercitandosi in un dato modo, svincolare la volontà dal suo collegamento con le membra. Si può sperimentare la volontà sola, per se stessa. Il pensiero si può rendere “mobile”, cosí che diventi un ente interiore vivo, una specie di corpo eterico. La volontà si può “trarre fuori”, staccare dalla sua connessione con la corporeità: e allora si sperimenta d’avere in sé un secondo individuo umano in senso ancora molto superiore che rispetto al pensiero. Mercé lo sviluppo della volontà, si sperimenta di avere in sé un secondo individuo, che ha una coscienza sua propria. Lavorando in modo adeguato sulla propria volontà, avviene un fenomeno ch’io non saprei spiegare altrimenti che col ricordare i due stati che si alternano nella vita ordinaria: la veglia e il sonno. Durante la veglia l’uomo vive in modo cosciente; durante il sonno la coscienza cessa.
    Ebbene, se diciamo che durante il sonno ciò che vi è in noi di spirituale-animico continua ad esistere, ma non è piú dentro, bensí fuori del corpo, ciò, a tutta prima, è una pura asserzione. Ma lo scienziato dello spirito riesce a poter ordinare, volontariamente, la sua vita corporea cosí come essa si ordina, involontariamente, all’atto di addormentarsi. Egli riesce, grazie allo sviluppo della propria volontà, ad imporre silenzio ai sensi, alla ragione comune. Cosí, in certo modo, provoca volontariamente quella medesima condizione che di solito si produce involontariamente nello stato di sonno. Da un altro lato però, la condizione cosí provocata è del tutto opposta al sonno. Mentre nel sonno noi diventiamo incoscienti e nulla piú sappiamo di noi stessi e di quanto ci sta intorno, in questo caso, grazie allo sviluppo della volontà per tal modo ottenuto, si esce coscientemente dal proprio corpo, e si vede il corpo fuori di noi, come comunemente si percepisce fuori di noi un oggetto esterno. Allora si osserva che dentro l’uomo vive un’entità spettatrice del suo pensare e del suo operare. Questa non è una figura, non è un’espressione metaforica, ma è una realtà. Nella nostra volontà vive qualcosa che interiormente di continuo ci osserva. Questo spettatore interno – lo ripeto – non va inteso figurativamente: l’investigatore spirituale lo conosce come una realtà, come sono realtà gli oggetti che colpiscono i sensi. E allorché si è afferrato interiormente “l’uomo che pensa mobilmente” cioè l’uomo eterico, allora si è penetrati entro un mondo spirituale che veramente si sperimenta come si sperimenta con i sensi il mondo sensibile. Si trova per tal modo nell’uomo un altro uomo, come si trova l’acido carbonico nell’acqua con i metodi della scienza naturale.
    Ciò che il pensiero sviluppato raggiunge, non sono fantasticherie, ma visioni spirituali di cose reali; ciò che si raggiunge per mezzo della volontà sviluppata, non sono esperienze ordinarie dell’anima, ma è la scoperta di un’altra coscienza che non sia la solita. Ora, tra l’entità umana che è logica vivente, e l’altra entità umana che è una coscienza superiore, ha luogo un’azione reciproca. E quando si giunge a conoscere queste entità entro l’uomo, si conosce ciò che dell’uomo sussiste anche quando egli varca le porte della morte, quando il suo corpo fisico si distrugge. Si viene a conoscere nell’uomo quella entità che non opera per mezzo del corpo esterno, che è spirituale-animica, che sussisterà dopo la morte, e che esisteva già prima della nascita, o, diciamo, prima della concezione. Si impara a conoscere l’essere eterno dell’uomo, per averlo quasi estratto fuori dal comune uomo mortale, come si può estrarre, per mezzo di un processo chimico, l’ossigeno dall’acqua.
    Tutto ciò che ho qui esposto, deve naturalmente sembrare ancora fantastico attualmente, rispetto alle concezioni comuni, altrettanto fantastico di quando Copernico disse: «Non è il sole che si muove intorno alla terra, ma è la terra che si muove intorno al sole». Eppure, ciò che sembra cosí fantastico, in realtà non è che insolito. Le cose che sono venuto spiegando, non sono davvero inventate o sognate; i fatti spirituali possono realmente venir sperimentati come fatti, per via di esperienze interiori. Lo scienziato spirituale non fa una semplice enumerazione dei princípi che costituiscono la natura umana, quando dice che l’uomo è composto di un corpo fisico, di un corpo eterico, di un corpo astrale ecc., ma mostra come la natura umana, quando la si osserva nella sua interezza, si scompone in determinate parti che la costituiscono. E, se si considera bene la cosa, quando si parla di queste parti dell’entità umana, non si intende proprio nulla di mistico o di magico in senso negativo. È la semplice dimostrazione che l’uomo è costituito di singole gradazioni, di singole sfumature dell’entità umana. Questo, in una sfera piú alta, equivale al fatto che si può far agire la luce in modo ch’essa appaia scomposta in sette colori. Come si deve scomporre la luce in sette colori per poterla studiare, cosí, per poter veramente studiare l’uomo, occorre distinguerlo nelle varie parti che lo compongono.
    Non dovremo aspettarci che ciò che è spirituale possa essere messo sotto gli occhi fisici e reso accessibile ai sensi. Deve essere sperimentato interiormente, spiritualmente. Chi, in linea di massima, non vuole ammettere come un fatto l’esperienza interiore, spirituale, non potrà considerare altrimenti che come chiacchiere vane le parole dello scienziato dello spirito. Invece, per colui che impara a conoscere i fatti spirituali, essi sono delle realtà in un senso ben piú alto che non lo siano i fatti fisici. Quando la pianta è cresciuta ed ha sviluppato fiori e frutti, dal suo seme si sviluppa una nuova pianta; e chi impara a conoscere il seme, sa ch’esso contiene in sé tutta la potenzialità della pianta, e che una nuova pianta sorgerà da quel seme. Ciò che è dell’anima e dello spirito, si deve imparare a conoscere da fatti animici e spirituali. Allora si sa che nel pensiero vivente, che si afferra con la coscienza estratta dalla volontà, si è riconosciuto un germe di vita che varca le porte della morte, che dopo la morte vive nel mondo spirituale e ritorna poi alla vita terrena. E come è vero che il seme di una pianta sviluppa una pianta nuova, cosí è vero che ciò che esiste nell’uomo come nucleo essenziale, sviluppa una nuova vita terrena. Si riconosce quest’uomo nuovo entro l’uomo attuale, poiché diventa vivo interiormente.
    Le scienze naturali hanno i loro metodi per calcolare dati avvenimenti che devono svolgersi nel futuro. Dalla reciproca posizione del sole e della luna si può calcolare quando, in avvenire, avranno luogo delle eclissi solari o lunari. Basta conoscere i fattori relativi, e si potrà calcolare quando, in avvenire, avverrà un determinato rapporto di posizione fra corpi celesti. In questi casi, trattandosi degli spazi esteriori, bisogna sapersi servire delle matematiche. Ma ciò che si sperimenta interiormente come germe di vita, contiene pure in modo vivo l’indicazione delle future vite terrene. Come nei rapporti attuali tra il sole e la luna sta l’indicazione delle future eclissi solari e lunari, cosí in ciò che attualmente vive in noi sta l’indicazione di future vite terrene. Ma questo non ha nulla a che fare con la cosiddetta trasmigrazione delle anime insegnata da piú antiche dottrine; ha a che fare con ciò che la moderna Scienza dello Spirito scopre dai fatti della vita spirituale che possono venir investigati.
    Ora, se si vogliono comprendere i veri fondamenti dell’indagine spirituale, bisogna considerare attentamente alcune cose. Trattando il pensiero e la volontà nel modo indicato, si giunge ad uscire con la propria parte animico-spirituale fuori del corpo. Si è allora fuori del corpo: e come di solito si hanno davanti a sé gli oggetti esterni, cosí si ha allora davanti a sé il proprio corpo fisico. Ma l’importante è che si può veramente anche osservarlo di continuo. E quando si tratta di indagine spirituale nel vero senso della parola, come noi l’intendiamo, non deve mai accadere ciò che si verifica in qualsiasi stato d’animo morboso. Che cos’è infatti la caratteristica di una vita animica morbosa? Se una persona viene ipnotizzata o immersa nel cosiddetto “stato di trance” e parla dalla sua subcoscienza (ciò che spesso viene considerato una specie di chiaroveggenza), la caratteristica di questi fenomeni sta nel fatto che mentre è attiva la nuova coscienza, la coscienza ordinaria è assente. La coscienza ordinaria si è trasformata in una coscienza oscurata, anormale. Osservando uno stato dell’anima morboso, anormale, non si potrà mai affermare che accanto a questo stato morboso sussista in pari tempo quello sano, normale; poiché allora la persona non sarebbe malata o anormale.
    Invece, nella vera indagine spirituale, si può dire che l’uomo raggiunge bensí una coscienza diversa, ma che, come uomo normale, egli sta continuamente accanto a se stesso. Lo stato speciale dell’investigatore spirituale, se è giusto, non si sviluppa mai fuori dalla vita normale dell’anima, ma si sviluppa accanto a questa vita normale. Se qualcuno è un vero investigatore spirituale, egli vive, durante la sua indagine, fuori del suo corpo; ma il suo corpo con tutte le funzioni normali dell’anima, col giudizio solito che resta completamente normale, continua ad agire indisturbato. Egli resta un uomo normale, sebbene con ciò che ha sviluppato in sé sia uscito dal suo corpo; e nessuno che non sia capace di intraprendere da sé un’indagine spirituale, dovrà accorgersi ch’egli vive in un altro mondo. Accanto all’ipnotizzato non vi è il non ipnotizzato; accanto all’uomo che sviluppa in sé una vita morbosa dell’anima non vi è l’uomo dalla coscienza normale. Ma la caratteristica dell’indagine spirituale è appunto questa: che mentre essa ha luogo, lo stato normale dell’uomo sussiste sempre completamente. E appunto in grazia di ciò, lo scienziato dello spirito è in grado di distinguere la vera indagine spirituale da ciò che si manifesta in qualsivoglia stato morboso dell’anima.

    Rudolf Steiner
    Da: R. Steiner, Problemi spirituali-
    Conferenza tenuta a Liestal nel 1916 - Ed. Carabba
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
     
    Rudolf Steiner - Problemi Spirituali
    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: ANTROPOSOFIA :: ANTROPOSOFIA GENERALE :: SCIENZA DELLO SPIRITO-
    Andare verso: