IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2017 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2017 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
» Energia libera : http://www.magravsitalia.com/
Ven Giu 23, 2017 10:50 am Da sinwan85PHAR

» Apicultura naturale
Ven Mag 12, 2017 3:51 pm Da apinaturale

» Sull'offuscamento dell'ipofisi ...
Mar Apr 18, 2017 12:37 pm Da neter

» AUGURI
Mer Nov 16, 2016 4:20 pm Da Admin

» INCONTRI CON ENZO NASTATI 2016
Gio Nov 10, 2016 6:13 am Da Admin

» Piacere, Antares!
Gio Nov 10, 2016 5:52 am Da Admin

» I SEGRETI DEL CAMMINO DI CRESCITA INTERIORE - Enzo Nastati - PDF
Mer Ott 26, 2016 5:51 pm Da Admin

» eccomi con le api
Lun Ott 03, 2016 6:15 pm Da Admin

» La morte ... potrebbe essere quello che chiamiamo Dio (Krishnamurti)
Mar Ago 02, 2016 4:18 pm Da Admin

» CALENDARIO DELL'ANIMA DI RUDOLF STEINER - Commentato da Enzo Nastati e Collaboratori - PDF
Lun Ago 01, 2016 8:31 pm Da Admin

» CERIMONIA DEL TUNNEL DI SAN GOTTARDO IN SVIZZERA
Lun Giu 27, 2016 9:36 am Da Admin

» la Resurrezione di Lazzaro
Gio Giu 16, 2016 5:12 pm Da Loretta

» G e o m e t r i a C a r d i a c a C H E S T A H E D R O N Frank Chester
Sab Giu 11, 2016 3:30 pm Da sinwan85PHAR

» Madre Nostra
Ven Giu 03, 2016 10:49 pm Da Loretta

» Immortalità della coscienza
Gio Mag 26, 2016 4:23 pm Da sinwan85PHAR

SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it
    PAGINE VISUALIZZATE DAL 02/04/2011


    Condividere | 
     

     Il Maestro Peter Deunov (Beinsa Duno) e i personaggi che hanno parlato di lui

    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1821
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Il Maestro Peter Deunov (Beinsa Duno) e i personaggi che hanno parlato di lui   Lun Ott 10, 2011 8:06 pm




    L’11 luglio 1864 intorno alle 12 di mezzogiorno nel villaggio Hadarcia (all’epoca parte dell’Impero Ottomano, oggi Nikolaevka, a 30 chilometri dalla città bulgara Varna) nasce Peter Konstantinov Deunov. È il terzo figlio del prete Konstantin Deunovski e Dobra Atanassova che prima di lui hanno avuto un figlio di nome Atanas e una figlia di nome Maria.

    Nel 1872 è iscritto alla scuola primaria bulgara nel villaggio Hadarcia che viene chiusa durante la guerra di liberazione russo-turca (1877-1887).

    Dopo la liberazione della Bulgaria, termina gli studi superiori nella scuola maschile quinquennale di Varna.
    Il 25 Luglio 1886 termina gli studi alla scuola metodista americana di Svishtov e dopo di che insegna per due anni alla scuola di Hotanza, vicino a Russe.


    Nel mese di agosto 1888 parte per gli Stati Uniti e si iscrive come studente alla Scuola Metodista di Teologia “Drew” di Madison, nel New Jersey e termina i suoi studi nel 1892. Nell’autunno dello stesso anno si iscrive alla Facoltà Teologica dell’Università di Boston, scrive la sua tesi di laurea sul tema “La migrazione delle tribù germaniche e la loro cristianizzazione” e si laurea nel mese di giugno del 1893. Per un anno frequenta lezioni presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Boston e nel 1894 ottiene un certificato che gli attribuisce il diritto di praticare la medicina.

    Nel 1895 Peter Deunov ritorna in Bulgaria e trascorre gli anni fino al 1899 in solitudine e lavoro interno e profondo. Si stabilisce a Varna e rinuncia ai posti di lavoro come predicatore metodista e teosofo che gli vengono offerti. Nell’autunno del 1896 scrive il libro “Nauka i vazpitanie” (“Scienza ed educazione”) in cui analizza la via dell’uomo nel dramma del mondo e parla delle basi della nuova cultura che verrà nel secolo successivo.

    Il 7 marzo 1897, all’età di 33 anni, nel villaggio Tetovo, vicino a Russe, lo Spirito Divino scende su di lui. La persona di Peter Deunov si trasforma nel Maestro della Fratellanza Bianca Beinsa Duno.



    Dal 1898 comincia una corrispondenza con i suoi primi studenti: Penio Kirov della città di Burgas, dr Georghi Mirkovic della città di Sliven e Maria Kasakova della città di Veliko Tarnovo.

    Il 13 febbraio 1899, nella città di Varna, scrive “Le dieci testimonianze di Dio” e il 24 febbraio “La promessa di Dio”. Il 28 febbraio sottoscrive, insieme ai suoi studenti Penio Kirov e Todor Stoimenov, le risposte alle "Dieci testimonianze".

    Nel 1899-1900 vive presso il prete Konstantin Deunovski nella città di Novi Pazar.

    Il 7 aprile 1900 convoca a Varna il primo concilio della Fratellanza Bianca, che chiama "incontro della Catena". Sono presenti Penio Kirov, Todor Stoimenov di Burgas e dr Georghi Mirkovic di Sliven.

    Dal 1900 al 1942 organizza, ogni mese di agosto, i concili annuali della Fratellanza Bianca in diverse località: a Varna (1900-1908), a Veliko Tarnovo (1909-1925), a Sofia (1926-1942), sulle montagne Rila e Vitosha.

    Dal 1901 al 1912 viaggia e visita diverse città in Bulgaria, tiene lezioni e studia utilizzando la frenologia alcune persone considerate rappresentanti del popolo bulgaro. Nel 1904 si trasferisce a Sofia, dove rimane per un lungo periodo nella casa di Petko Gumnerov in via Opalcenska 66. Comincia a tenere predicazioni pubbliche in forma di lezioni. In queste lezioni Cristo occupa il posto principale e viene considerato come una persona storica, cosmica e metafisica.

    Nel 1912, nel villaggio Arbanassi, vicino a Tarnovo, lavora sulla Bibbia ed elabora il “Testamento dei raggi di sole della luce” che viene stampato nel mese di settembre dello stesso anno. Sulla pagina iniziale c’è scritto: “Sarò sempre un servo fedele di Gesù Cristo, Figlio di Dio, il 15 agosto, Tarnovo, 1912”.

    Il 9 marzo 1914 organizza una riunione di preghiera per accogliere l’Anno Nuovo Spirituale che viene dichiarato “inizio della Nuova Era dell’Acquario”.

    Il 16 Marzo 1914 tiene a Sofia la prima lezione (ufficialmente stenografata) intitolata “Ecco l’Uomo” con cui pone l’inizio della serie “Vita e forza”. In queste lezioni presenta i principi di base dell’Nuovo insegnamento della Fratellanza Bianca.



    Il 15 febbraio 1917 inaugura a Sofia un ciclo di lezioni speciali, tenute a donne sposate, che continua fino al 30 Giugno 1932.

    Il 24 febbraio 1922 inaugura una scuola esoterica a Sofia che chiama “Scuola della Grande Fratellanza Universale”. È composta da due classi di studenti. La “Classe occulta comune” viene inaugurata con la lezione “Trite jivota” (Le tre vite), mentre quella speciale (per i giovani) viene inaugurata con la lezione “Dvata patia” (Le due vie). Le lezioni tenute nelle due classi continuano per 22 anni con frequenza settimanale, fino al mese di dicembre 1944.

    Il 21 agosto 1922, al concilio della Fratellanza Bianca a Velito Tarnovo, presenta la canzone “Fir-Fur-Fen, Benedica”, con la quale comincia la serie di esercizi scolastici musicali, che termina nel 1944 con “La Nuova essenza”.

    Nel 1927 Peter Deunov crea, vicino a Sofia, il villaggio Izgrev (oggi quartiere Izgrev) in cui si riuniscono i suoi ascoltatori, seguaci e studenti. Si stabilisce definitivamente ad Izgrev, dove insegna in un salone appositamente costruito.

    Il 19 agosto 1927, al concilio della Fratellanza Bianca Universale, tiene una serie di lezioni raccolte nel ciclo “La via dello studente”.


    Il MaestroIl 21 Settembre 1930 inaugura una nuova corrente nelle sue lezioni: Lezioni mattutine della domenica.

    Nel 1934 presenta la Paneuritmia: un ciclo di ventotto esercizi di musica, testo e movimenti plastici. Più tardi aggiunge gli esercizi “Raggi di Sole” e “Pentagramma”.

    Il 4 maggio 1936 un attivista del Partito Democratico lo picchia causandogli un'emoraggia cerebrale e paralisi. Nonostante la malattia, il 14 luglio 1936 esce con i suoi seguaci ai Sette laghi di Rila e il 12 agosto ristabilisce completamente la sua salute.

    Il 22 Marzo 1939 scrive un messaggio diretto ai suoi studenti “L’eterno testamento dello Spirito”.

    All’inizio del 1944, durante i bombardamenti su Sofia, organizza l’evacuazione di Izgrev verso il villaggio Marciaevo, a 24 chilometri da Sofia. Si stabilisce nella casa (attualmente museo) del suo studente Temelko Temelkov. Ritorna a Izgrev il 19 Ottobre1944.

    Il 20 dicembre 1944 presenta l’Ultima Parola davanti alla classe occulta comune.

    Il 27 dicembre 1944 abbandona il mondo fisico. Il suo corpo viene sotterrato a Izgrev, presso il punto oggi chiamato “Il luogo”.
    Oggi il Maestro Peter Deunov ha seguaci in tutto il mondo.

    Peter Deunov (1864-1944, Bulgaria) a 33 anni, fece una profonda e trasformativa esperienza mistica e divenne il Maestro spirituale Beinsa Douno , e come tale è vissuto e chiamato dai suoi seguaci bulgari.
    Il suo “Insegnamento Divino” sarebbe stato per le generazioni future.

    Nel corso di mezzo secolo, dal 1922 fino alla sua dipartita, il Maestro tenne tra le 7000 e le 8000 lezioni. Attualmente nessuno è in grado di determinarne il numero esatto per il fatto che una parte di esse non è stata documentata e anche perché alcune lezioni stenografate non sono state ancora stampate. La Parola Vivente del Maestro può essere classificata nella seguente maniera: lezioni domenicali, lezioni tenute alle riunioni della Fratellanza, lezioni tenute sui monti Rila, lezioni tenute alla classe occulta comune, lezioni tenute alla classe occulta speciale (per i giovani), lezioni mattutine, lezioni davanti alle sorelle, lezioni straordinarie, altre lezioni, ultime Parole.

    La Nuova cultura

    Il momento più importante nella filosofia di Peter Deunov è la convinzione che attualmente il pianeta e l’intera Umanità stanno entrando in una nuova epoca. Con ciò si riferisce a un’onda di nuove energie e vibrazione mandate dal Grande centro ragionevole dell’Universo. Nella nuova epoca, la Terra uscirà dalla 13-esima sfera della sofferenza ed entrerà nell’era dell’Acquario. Dal punto di vista astrologico, questo periodo di tempo ha una durata di 2160 anni. Tra le persone si affermerà la Sesta razza, che sarà una transizione tra uomini e angeli. La Nuova Cultura della Sesta razza è una cultura dell’Amore; essa è “quella vita nuova in cui regnerà una completa libertà e in cui l’Amore sarà una legge comune per tutti”. Nel nostro mondo delle mutabilità e delle illusioni “verrà il regno della giustizia, l’uomo diventerà padrone delle forze della natura del mondo fisico; sarà libero, ragionevole, sarà guidato non da passioni, ma da conoscenza”. Il principio di base della Nuova cultura sarà "Vita per il Tutto". La Nuova Umanità servirà non l’egoismo ma l’altruismo. Peter Deunov considerava che dovesse essere la comunità mondiale slava a importare nelle persone il sentimento consapevole di fratellanza.

    Durante la Nuova Era sotto il segno dell’Acquario, nelle profondità dell’anima umana si risveglieranno nuove forze fino ad ora sconosciute, forze attraverso le quali l’uomo potrà mettersi in contatto con realtà e mondi più elevati dell’Esistenza Manifesta. L’ Homo Sapiens capirà che il cambiamento delle culture è solo un cambiamento ordinario delle scenografie dell’eterno dramma della vita. Secondo il Maestro Peter Deunov la Nuova cultura sarà caratterizzata da:

    1) un innalzamento della donna nella vita sociale e il suo raggiungimento della completa uguaglianza con l’uomo;
    2) una tutela decisiva dei diritti umani a livello individuale e collettivo, compresi i diritti dei piccoli popoli e delle minoranze;
    3) un innalzamento degli strati sociali deboli. La Nuova cultura porterà libertà senza alcuna limitazione. Si costruirà sulla base dell’esperienza spirituale dell’Est, utilizzerà i progressi intellettuali dell’Ovest e da ciò nascerà una nuova conoscenza e un nuovo concetto del mondo, universale e completo.

    Fonte


    Ultima modifica di Admin il Gio Ott 11, 2012 2:05 pm, modificato 3 volte
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1821
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: La Missione Della Donna Nella Nuova Era Dell'acquario    Sab Nov 12, 2011 1:42 pm

    La Missione Della Donna Nella Nuova Era Dell'acquario



    Ultima modifica di Admin il Sab Nov 12, 2011 1:55 pm, modificato 1 volta
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1821
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: LA SESTA RAZZA   Sab Nov 12, 2011 1:54 pm


    LA SESTA RAZZA

    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1821
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Re: Il Maestro Peter Deunov (Beinsa Duno) e i personaggi che hanno parlato di lui   Dom Lug 01, 2012 10:18 am


    Il Nuovo Insegnamento

    Qual è l’essenza della Parola che Peter Deunov definisce come il Nuovo Insegnamento? Per comprendere la Vita Manifesta dobbiamo considerarla nella sua forma, nel suo contenuto e nel suo senso. Peter Deunov collega la forma al mondo materiale, il contenuto con quello spirituale e il senso con quello Divino. Ciò che fu trasmesso in linguaggio umano, con idee umane, concetti e immagini, è proprio il Nuovo insegnamento dato dal Maestro Peter Deunov al genere umano all’alba della Nuova Cultura di quella che egli stesso definì la Sesta razza. Il compito principale di questo sistema di conoscenza è di dare una nuova direzione ai pensieri, ai sentimenti e alle azioni umane, all’intera vita, e di creare uno stimolo più perfezionato e un ideale per la persona contemporanea, attraverso i quali abbandonare per sempre la schiavitù delle tenebre spirituali e associarsi alla libertà e alla creatività delle gerarchie cosmiche di esseri ragionevoli.

    Il seguace del Nuovo Insegnamento impara a pensare in una maniera nuova superando tutte le contraddizioni presenti nella nostra esistenza fatta di limitatezza e necessità. Dietro gli eventi e la realtà, lui intravede la complessa dinamica dei processi creativi. Lui studia i dati oggettivi nel loro movimento e nel loro sviluppo. La sua coscienza è sempre sveglia e comprende ogni attività, ogni cambiamento quali manifestazioni dell’Unità Universale. Lui sa che l’intero Cosmo è un’emanazione della Divinità Suprema che creò le condizioni della vita e del progresso per tutti gli esseri.

    Il bene e il male sono due poli della vita manifesta e dietro di essi sta unicamente l’armonia dell’Amore di Dio.

    Al centro del Nuovo Insegnamento ci sono i concetti di Dio, di natura, di uomo e le loro relazioni. Nell’uomo sono immessi come potenziale tutti i principi e le forze della natura, tutti gli embrioni Divini. Lui deve manifestarli e svilupparli alla perfezione. Il Nuovo Insegnamento gli fornisce le vie più brevi e i metodi più sicuri per questo.

    Il Maestro sottolinea: “Questa Scuola segue la Via assoluta. Se volete camminare su una via relativa, venite esclusi dalla Scuola. Anche fuori di essa è sempre una scuola. Tutto rientra nel piano Universale”. La Scuola rappresenta di per sé una proiezione rimpicciolita dell’Umanità terrestre con tutta la sua varietà di caratteri e particolarità della personalità. Nella Scuola lavorano anche delle forze invisibili dal mondo spirituale, vi penetrano potenti energie vivificatrici che aprono al Nuovo le anime degli studenti colmandoli di speranza, volontà e pazienza per poter percorrere la propria via fino alla fine. Tutti i grandi Maestri del genere umano crearono proprie scuole e lasciarono dietro di sé dei seguaci che portano dappertutto la fiaccola della nuova creazione.

    Fonte:http://www.beinsadouno.it/index.php?option=com_content&view=article&id=46&Itemid=56
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1821
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Personaggi che hanno parlato di Peter Deunov (Beinsa Deunov)   Gio Ott 11, 2012 2:03 pm


    Personaggi che hanno parlato di Peter Deunov (Beinsa Deunov)





    Secondo Pavel Birukov, il biografo di Lev Tolstoj , primadella sua morte (1910), il grande pensatore e scrittore russo abbandona Iasna Poliana con il desiderio di partire per la Bulgaria per conoscere Peter Deunov



    Il Cardinale Giuseppe Roncalli , ambasciatore del Vaticano in Bulgaria prima della seconda guerra mondiale e più divenuto tardi papa Giovanni XXIII, dice:“ Nell’epoca contemporanea il più grande filosofo vivente sulla Terra è Peter Deunov



    In relazione alla morte di Albert Einstein, la Radio Nazionale Francese mette in onda una trasmissione conalcuni suoi interventi tra cui: “ Il mondo intero si inchina davanti a me, ma io mi inchino davanti al Maestro Peter Deunov della Bulgaria ” – Albert Einstein



    Secondo le memorie di Boyan Boev, uno dei discepoli di Peter Deunov, in una discussione con lui a München nel1910,Rudolf Steiner gli dice: “Al mondo slavo è destinata una grande missione. Esso, e in particolare la Bulgaria, contribuirà molto per il sollevamento spirituale dell’umanità. Torni in Bulgaria, lì c’è un potente movimento a capo del quale c’è un grande illuminato spirituale ”



    Jiddu Krishnamurti, il leader del MovimentoTeosofico, rifiuta l’idea di essere dichiarato Maitreya e Cristo, e dice davanti ai presenti del congresso mondiale teosofico in Olanda che il Maestro del mondo è in Bulgaria



    Onisaburo Deguchi, il leader del movimento spiritualegiapponese Oomoto, dice: “Io sono un saggio, il Maestroè in Bulgaria”



    Vanghelia Pandeva Dimitrova, una leggendaria chiaroveggente bulgara, dice:“Esiste un insegnamento antico, l’insegnamentodella Fratellanza Bianca. Esso conquisterà tutto il mondo. Lo stamperanno in nuovi libri e lo leggeranno in tutto ilmondo. Esso sarà la Bibbia di fuoco.”“Tutte le religioni un giorno scompariranno! Rimarrà soltanto l’insegnamento della Fratellanza Bianca. Come un fiore bianco coprirà la Terra e grazie a esso le personesi salveranno

    Fonte : L’Insegnamento della filosofia iniziatica di Peter Deunov,(noto anche con il suo pseudonimo spirituale Beinsa Douno) - scribd.com
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1821
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: “Vivere una vita spirituale è percorrere il cammino degli eroi!” - di Beinsa Douno (Peter Deunov)   Gio Dic 06, 2012 7:15 am


    “Vivere una vita spirituale è percorrere il cammino degli eroi!”


    È facile camminare su una strada battuta da tempo, ma sulla via che adesso si apre, camminano soltanto gli eroi.

    Da ciò potete comprendere quanto tempo sia servito a Dio per la creazione del cosmo, per la preparazione del momento dell’arrivo degli uomini sulla superficie terrestre, per porli nella gamma vibrazionale loro corrispondente. Quale armonia e quale musica grandiose esistono in tutto ciò! Migliaia e migliaia di uomini esprimono la propria vita ognuno nella propria ora, nel proprio specifico momento! La vita in sé è il canto più bello. Quando sulla terra la gente soffre, geme e prova grandi amarezze, in cielo gli angeli si rallegrano e sono lieti. Perché gioiscono? Essi comprendono il senso profondo della sofferenza, sanno che in essa si cela il bene dell’umanità. Questo accordo fra la tristezza e la gioia costituisce il senso profondo della creazione musicale. Nella tristezza si cela la più grande profondità.

    Le idee sublimi nascono a seguito di grandi tristezze. La gioia è l’espressione esteriore della vita, la tristezza è quella interiore. La gioia è comparabile ad una giovane donna, la tristezza a una madre con i suoi bimbi. La gioia si presenta al padre tutta agghindata, vestita secondo la moda. Fino a quando dimora nella sua casa, è fonte di letizia per sé e per il suo prossimo, e tutti le vogliono bene. Quando si sposa ed esce di casa, è causa di tristezza per sé e per i vicini. Questo vale anche nella nostra esistenza. Fino a quando siamo in paradiso, siamo una fonte di gioia per noi e per tutti coloro che sono attorno a noi; allorché usciamo dal paradiso procuriamo tristezza a noi e a quanti ci attorniano. Osservate per quanti minuti al giorno siete gioiosi e per quanti minuti avete pensieri tristi, dubbi e turbamenti. Ciò non vale soltanto per voi, ma per tutti.

    Spesso osservo il comportamento di uno dei nostri gattini a Isgrev. Talvolta entra nella mia stanza, gira qua e là finché si rannicchia accanto alla stufa e si addormenta. Durante il sonno talvolta si desta di soprassalto, sussulta, si guarda intorno e si addormenta nuovamente. Perché si spaventa? Ha forse avuto qualche visione? Qualche topolino o qualche uccellino gli è passato accanto, oppure qualcuno lo ha disturbato mentre dormiva? I gatti sognano. Ognuno si chiede: “Che cosa rappresentano i sogni? Perché l’uomo non può dormire tranquillamente?” Spesso la gente dice: “La vita terrena non è un sonno”. In realtà la vita comune della gente non è altro che un sonno continuo, ma esiste una differenza tra la vita sonnolenta della gente e il breve sonno di cui usufruisce la notte.

    Io dico: “Nelle condizioni di vita attuali siamo venuti sulla terra per imparare. Attualmente le persone, con il grado di sviluppo che hanno raggiunto, non sono ancora pronte a tornare in cielo. Gli uomini devono prepararsi per ritornare là da dove sono venuti. Nell’eternità le cose non si ripetono. Non esistono due momenti uguali in natura. Non si può tornare nello stesso posto da dove si è giunti senza aver acquisito qualcosa. Deve necessariamente essere cambiato qualcosa tra la situazione iniziale, dalla quale si è usciti, e quella in cui si ritornerà. Se nelle condizioni attuali qualcuno volesse tornare in cielo così come ne è uscito, sarebbe un infelice. La stessa legge si verifica quando qualcuno, ammalato, esce in mezzo alla natura.

    Per quanto sia bella, per quanto il sole lo riscaldi piacevolmente, per quanto gli uccelli cantino lieti e armoniosamente, per quanto le sorgenti mormorino dolcemente, egli non sarà contento, ci sarà sempre qualcosa che lo turberà. Affinché l’uomo comprenda la bellezza e la grandiosità della natura, dovrà evadere dal suo stato di malattia. Ciò significa che per intraprendere la vita spirituale, l’uomo deve essere sano, perché tale vita è intensa. Il vocabolo “salute” sottintende anche la parola “santità”. Solo l’uomo santo è completamente sano. L’uomo peccatore perde la propria energia in modo sregolato, di conseguenza si priva anche della salute. Ecco perché il sostantivo “salute” deriva dalla parola “santità”.

    Vi domanderete: “Perché gli uomini perdono la propria energia e quindi la propria salute? Perché non risolvono regolarmente i problemi della propria vita. Per esempio, quando si trovano di fronte a determinate tentazioni, non devono domandarsi perché sia giunta loro tale tentazione, ma devono pensare a come superarla, che cosa viene chiesto loro in questa determinata situazione. A mio avviso la risposta al perché si sia presentata una determinata tentazione è una delle questioni più difficili della vita. Ma non fermatevi a risolvere problemi difficili. Questo è l’ultimo dei vostri problemi. Ammettiamo che per errore abbiate intrapreso il cammino sbagliato. Che cosa dovete fare? Per prima cosa cercate il modo di uscire da quella situazione, poi domandatevi quale sia la retta via. Ha qualche senso, dopo aver intrapreso il cammino sbagliato, chiedersi il perché e il per come ci si è finiti? Quando si stava per entrare non ci si aveva pensato ed ora, che si è arrivati al termine, ci si dice: “Questa non è la strada giusta”. Non c’è tempo di chiedersi adesso perché ci si è imbattuti in un sentiero tortuoso. Il problema più importante per voi è quello di ritrovare il cammino più breve, la scorciatoia verso il cielo, che vi condurrà sulla retta via.

    Molti si domandano perché siano giunti sulla terra. Io dico: “Ormai siete qui, non è il caso di chiedersene il motivo. Dovete risolvere tale questione: come trascorrere l’esistenza terrena e come comportarvi verso il bene e il male”. Siete in grado di trascorrere la vita così come Dio vuole? Questo è il principale pensiero che dovete sempre aver presente nella vostra mente e che da quest’anno dovete applicare nella vita. Se risolverete questo problema nella maniera corretta, vi rafforzerete. La vera filosofia della vita consiste in questo: vivere quotidianamente in armonia con le leggi della natura. Spesso non siete in grado di distinguere certi vostri stati d’animo, di conseguenza ne soffrite. Io definisco alcuni stati d’animo di tali situazioni “tentazioni maligne”. Ad esempio: vi è qualcosa che interiormente vi agita e dice: “Non startene lì buono come un agnello, agita le mani, batti i piedi, fai sentire la tua voce, dì che farai questo e quello”. Un’altra parte di voi, buona e placida, invece, dice: “Dimentica tutto ciò, non te ne occupare!” Mi chiedo da dove vengano queste due pulsioni nell’uomo. Né il primo stato né il secondo sono vostri. Allora vi domando: “A che cosa è dovuta la pressione del vapore acqueo all’interno di una caldaia? È il fuoco la causa di questo fenomeno o il vapore?” La vera causa della pressione del vapore è insita nell’uomo. Infatti l’acqua e il fuoco quando si trovano l’uno vicino all’altro, non vanno d’accordo. L’acqua non tollera il fuoco accanto a sé, non lo vuole. Il fuoco si è innamorato di lei, la desidera, vuole imporle il proprio amore, ma ella gli dice: “Non ti voglio! E cerca una scappatoia, cerca di liberarsi di lui. Ma egli le dice: “Finché sarai qui ti darò una lezione e ti imporrò di lavorare”.

    Così alcuni di voi si trovano nella stessa situazione dell’acqua. Che cosa dovete fare? Dovete aprire il rubinetto della caldaia, uscirne fuori, dopo di che dire: “Non entrerò più in una caldaia”. Pensate forse che la situazione del fuoco sia migliore? Dopo aver arso dice: “Per me è tutto finito, ho dato tutta la mia energia, mi sono estinto e mi sono ridotto in cenere”. La situazione dell’acqua è migliore. Essa si trasforma in vapore e si libera nello spazio. Il fuoco invece dice: “Innamorarsi significa perdere la propria energia: ti trasformi in cenere e ti buttano via”. Sì, questo è l’amore della cenere. Il fuoco e l’acqua sono sostanze di due diverse categorie. Il fuoco, dal quale si ricava la cenere, è inferiore all’acqua, ma il fuoco che non si trasforma in cenere è posto più in alto dell’acqua.

    E così esistono diverse categorie di fuochi. Quella che la gente chiama passione è il fuoco di cui non rimane che la cenere. Quando parliamo dell’Amore divino, sottintendiamo il fuoco che non lascia alcuna scoria. Nelle manifestazioni di quest’amore esiste un’armonia assoluta. Quando l’acqua si trova sotto l’azione di questo fuoco, non fuoriesce, e la caldaia non esplode. In tal caso l’acqua è portatrice di vita. È proprio questa l’acqua che Gesù definisce “sorgente viva”. Quest’acqua sgorga solo sotto l’influsso del calore divino. Il calore è apportatore dell’Amore divino anche ai minimi gradi. Ecco perché quando un uomo si avvicina a una sorgente e guarda come sgorga, egli prova un sentimento piacevole. L’acqua che fuoriesce dalle profondità della terra desta nell’uomo un sentimento elevato, bello.

    Il pensiero umano, dico, deve essere come una sorgente e deve sgorgare continuamente. Non deve colare nella terra, ma deve zampillare sempre. Nell’uomo vi sono pensieri che affondano nella terra, ma ve ne sono altri che vanno verso l’alto, sgorgano come l’acqua dalla pura sorgente. È bene che i nostri pensieri affiorino e si elevino continuamente. È necessario che tutti possano gustare e sperimentare da soli i frutti dei propri pensieri e dei propri sentimenti. Quando siamo convinti che essi sono di prima qualità, dobbiamo donarli anche agli altri affinché possano goderne. Essi sono per noi dei beni divini. Prova per primo il buono che è in te, quello che Dio ti dà, trattieni una parte di tale abbondanza e il resto donala al mondo. Molti dei nostri pensieri sono il frutto dei pensieri di esseri più elevati. Alcuni semi di questi frutti cadono nella nostra mente, nel nostro cuore e nella nostra anima, e qui si sviluppano. Queste sono le idee divine che penetrano in noi. Rappresentano una grande ricchezza. Se quotidianamente uno di questi piccoli, preziosi pensieri penetra nella vostra anima, nel corso di dieci anni la vostra vita si modificherà radicalmente.

    Ora, in questa vita, tanto gli uomini spirituali quanto quelli mondani cercano dei beni esteriori. Dovete però sapere che i beni giungeranno solo al termine della vostra vita. La felicità che cercate è il lato materiale della vita che deriva dai beni materiali della terra. Poiché la vostra felicità non può esistere senza questi, ciò significa che l’uomo potrà essere felice soltanto al termine della propria vita. Quindi non cercate la felicità sulla terra, bensì la beatitudine. Essa sottintende un grandioso processo di perfezione. Beato colui che si perfeziona costantemente, perché non invecchierà mai. La beatitudine è un processo attraverso il quale l’anima si sviluppa continuamente. In tale processo si cela l’eterna giovinezza. In ogni momento si può perdere la felicità e nuovamente l’uomo torna ad essere infelice. Per questo si dice che sulla terra l’uomo non può essere felice. Infatti, mentre la felicità terrena è raggiungibile in maniera relativa, la beatitudine è raggiungibile completamente. Ogni uomo credente deve tendere in ogni momento alla beatitudine. Questo è il bene nella vita. Cristo dice: “Beati i credenti, beati i misericordiosi, beati i mansueti…”. Dove manifesterete la mansuetudine? Alla mansuetudine si contrappone qualcosa di un’altra natura.

    Tanto l’amore quanto il bene hanno la propria antitesi. Dovete sapere, infatti, che il mondo si basa sui contrari. Dio ha creato gli abitanti del cielo e quelli dell’inferno. Tanto gli uni quanto gli altri agiscono liberamente, secondo la propria scelta, ma i loro pensieri, i loro sentimenti e le loro azioni vengono controllati e armonizzati, grazie all’uso razionale dell’una e dell’altra parte. Se comprendete correttamente ciò che dico, capirete il senso delle Scritture: “Tutto concorre al bene per coloro che amano il Signore”. Non spaventatevi del male che giunge nella vostra esistenza. Se sopraggiungono sofferenze, è per il vostro bene; perdete la fede per il vostro bene; vi adirate per il vostro bene.

    È una situazione temporanea dalla quale imparerete qualcosa. La sensazione di aver perso la fede è falsa. Tutto ciò che l’uomo perde può essere ritrovato, ma se accetta dentro di sé l’idea che ciò che è perso è irrecuperabile, si incammina su una strada tortuosa. Per esempio, qualcuno dice: “Ho perso la vita”. No, la vita non si può perdere: è uscita da Dio, e a Dio tornerà. Tutto il buono tornerà a Dio. Voi dovete anche sapere che siete circondati da molti esseri ragionevoli che vigilano su tutti voi. Sono testimoni di tutto ciò che accade nel mondo. Vi chiedo: “Pensate che questi esseri che vi amano possano dormire? Pensate che la mamma che ama il suo bimbo possa dormire mentre lui ha bisogno di qualcosa? No, ella veglia continuamente su di lui. Allo stesso modo tutti gli esseri che vi amano vegliano su di voi. Se noi difendiamo con recinti e con mura le nostre case, pensate che coloro che ci amano non erigano delle difese attorno a noi? Nella vostra mente deve sempre essere presente un pensiero positivo. Spesso interrompete il legame con il mondo invisibile, con gli esseri che vi amano e in questo modo esitate nella vita”.

    Nel corso delle mie osservazioni, ho avuto modo di vedere alcune nature umane forti e risolute che però esitano di fronte alle grandi prove.Io dico: “Quando l’uomo comincia a scivolare, che precipiti, si lasci cadere fino in fondo e non solo fino a metà. Più in basso del fondo non potrà andare. Se fai un’esperienza, portala a termine”. Voi direte: “Ciò è terribile”. No, perché quando la coscienza dell’uomo è desta, nel corso di una simile esperienza, imparerà molte cose. E questo non è più precipitare, bensì discendere. Perciò dico: “Se scendi, scendi sino in fondo. Il primo pensiero che deve occupare di continuo la vostra mente, è che la mano divina, la forza divina, sostiene ogni anima.

    Essa è collegata mediante un filo al mondo invisibile ed è per questo che non può sfuggire alla divina Provvidenza”. Talvolta dite: “Lascerò la vita”. Io so dove andrete. Lasciando la vita finirete all’inferno. Gli inferi sono una grande città con molte strade. Là, il pane è molto caro e l’acqua si ottiene con molte difficoltà. Dopo aver sofferto la sete per due, tre mesi, dovrete distribuire tutta la vostra ricchezza per trovare qualcuno che vi procuri almeno un bicchiere d’acqua. L’inferno è fatto per la gente ricca, non per i poveri. Colui che vuol vivere all’inferno deve aver molti soldi. Il povero deve vivere in cielo. Il cielo è il luogo adatto ai poveri: là ci si arriva senza soldi e si può vivere anche a credito. Se qualcuno è ricco e desidera scendere all’inferno, può farlo; il povero, però, non deve fare questa esperienza. Se vuole, la potrà fare dopo aver guadagnato molti soldi.

    Come comprendere il pensiero di Cristo espresso nel seguente versetto: “È più facile per un cammello passare per la cruna di un ago che per un ricco entrare nel regno di Dio” ?(Luca, XIII, 25). In questo passo non si parla della discesa all’inferno. Vi ho detto che negl’inferi può entrare soltanto il ricco. Là sono necessari dei soldi per mangiare, per bere; ogni cosa è cara. Ne consegue che l’individuo più ricco, dopo aver vissuto alcuni anni all’inferno, comincia a impoverirsi e a soffrire. Dopo averlo derubato, cercheranno in qualche modo di rimandarlo sulla terra. A tale scopo esistono commissioni speciali che tentano di imbrogliare la gente sulla terra imponendo loro di sposarsi, in modo che i poveri dell’inferno possono rinascere. Arrivano sulla terra per arricchirsi di nuovo. I poveri che vengono dall’inferno sono pericolosi; il Signore vi guardi da essi! Sono stati ricchi un tempo, e non esistono persone più cattive di loro. Anche nelle Scritture è detto: “Guardatevi quando i cattivi in terra aumenteranno”. Gente di tale specie può entrare nel vostro corpo, e precisamente può penetrare nella vostra mente sotto forma di pensiero, e nel vostro cuore sottoforma di sentimento. In tal modo essi generano dissensi, contrarietà, dubbi e vi rivoltano sottosopra. Osservo una sorella: essa si trova al settimo cielo, ispirata ed allegra, ma dopo neanche un mese la vedo abbattuta e scoraggiata. “Che cosa è successo?” “Mi sono persa”. Io penso: da questa sorella si è recato un povero dell’inferno, e se anche ella gli dà tutta la propria ricchezza, non riuscirà a farlo felice: egli sarà sempre scontento. Tutti passerete attraverso questa esperienza. Per questo, nel mondo, è necessario un Maestro che vi guidi sul cammino da percorrere. Il che significa che è necessario comprendere la vita divina.

    Dunque, usufruite dell’abbondanza che porta l’anno nuovo! Sappiate che tutto quello che succede nel mondo non è casuale. Le sofferenze, le difficoltà, le disgrazie sopraggiungono come conseguenze naturali della vostra tendenza a cercare il cammino più facile. Voi desiderate l’indipendenza, cercate di vivere al di fuori di Dio. Siate liberi e indipendenti dalla gente, ma non desiderate mai di non dipendere da Dio. Osservate la seguente legge: colui che vuole perfezionarsi deve instaurare dei legami con il Tutto, con Dio. Se in voi si fa strada l’idea di poter vivere senza di Lui, su di voi cadrà la più grande sciagura. Se pensate in questo modo, tagliate il legame con il Tutto. Qualsiasi cosa accada nel mondo, mantenete questo legame! Sia che tu sia ricco o povero, uno scienziato o un ignorante, qualunque sia il tuo stato, mantieni il vincolo con il Grande Centro della vita, e non temere!

    Nel corso di quest’anno auguro a tutti voi di mantenere il legame con Dio! Quest’anno voglio che in voi nasca un nuovo pensiero, che vi colleghiate non con i ricchi dell’inferno, ma con i poveri del cielo. In cielo essi sono poveri, ma se giungono sulla terra portano sacchi pieni. I ricchi dell’inferno, invece, quando giungono sulla terra, portano con sé dei sacchi vuoti. Noi non abbiamo bisogno di mendicanti con i sacchi vuoti. Noi desideriamo gente con i sacchi pieni. Vogliamo che il pero sia carico di frutti. Chi di voi desidera che il pero sia sterile? Chi di voi desidera una vite infruttuosa? Chi di voi desidera che il portafoglio sia vuoto? Chi di voi vuole che la propria testa sia vuota? Chi lo stomaco vuoto? A noi non occorrono sacchi vuoti. Alcuni di voi dicono che la vita è vuota. No, la vita ha in sé la pienezza, e questa pienezza si acquisisce soltanto attraverso il legame con il Tutto. Se possedete tale vincolo entrerete nella nuova Vita.

    Quando vi parlo della vita, non mi riferisco soltanto alla sua esteriorità, ma anche alla sua interiorità. Se comprenderete la vita in questo modo, saprete che in qualsiasi condizione vi troverete, Dio vi potrà sempre aiutare. La grandiosità di Dio consiste proprio in questo: anche nelle situazioni più difficili Egli può aiutarvi, liberarvi e darvi la conoscenza e la saggezza. Se vi affidate a Dio, ovunque siate, Egli trasformerà le condizioni più difficili in condizioni favorevoli e coopererà con voi per il bene. Una volta usciti dalle situazioni precarie, Lo ringrazierete. Desidero che anche le vostre condizioni peggiori si trasformino in favorevoli. Ma dico: “Abbiate fede in Dio, perché porterà tutti voi sulla retta via. Egli non lascerà nemmeno un’anima al buio”. Nell’Apocalisse è detto: “Ho sentito tutto il creato glorificare Dio”. Alla fine dei tempi, quando Dio riconcilierà tutte le persone tra loro, quando le solleverà dalle cattive situazioni, esse glorificheranno Dio. Voi avrete sofferenze, ma dopo di esse verranno le gioie e proverete l’amore divino, la saggezza, la verità, la giustizia e la carità divine. Egli vi darà tutto ciò che ha e vi aiuterà in tutte le vostre imprese. Egli è l’unico che può allontanarvi dalle situazioni difficili e guidarvi sul nuovo cammino.

    Ora conservate questo buon pensiero: il legame con Dio, in modo che quando vi incontrate, possiate ricordare che siete tutti untiti in questo vincolo. Vi aiuterà a trasformare tutte le situazioni. Se talvolta siete cattivi, ciò è dovuto al fatto che siete poveri. La povertà è un sacco vuoto, l’ignoranza è un sacco vuoto; tutti i difetti, tutte le qualità negative sono dei sacchi vuoti. Le malattie sono dei sacchi vuoti, come pure i dubbi; un sacco vuoto è la disperazione; anche la mancanza d’amore è un sacco vuoto. Quando il cuore si colma d’amore, è un sacco pieno. Perciò il cuore umano deve sempre essere ricolmo d’amore. Qualcuno dice: “Il mio cuore è peccaminoso”. Se il tuo cuore è peccaminoso, allora getta il peccato e al suo posto poni l’amore.

    Vi leggerò la seconda epistola di Pietro (cap. 2°, vers. 13 -20 ). Essa si riferisce agli abitanti dell’inferno. L’apostolo Pietro descrive l’influenza di questi abitanti degli inferi. Essi entrano nella mente degli uomini e parlano loro continuamente; essi corrompono la gente, e molti cadono. Spesso l’uomo giunge ad un conflitto con questi esseri infernali.

    Vi leggerò l’Epistola di Giovanni, cap. 2°. Egli parla degli abitanti del Cielo, descrivendo chi sono. Il forte deve vincere. Nel corso di quest’anno, cercate di riconoscere queste situazioni, di studiare le correnti, come pure i pensieri che costantemente penetrano in voi. Infine usufruite dellavostra esperienza. Spesso noi diciamo: “Io posso”. Ma vediamo che non siamo in grado. Quando un lavoro, per essere finito, richiede l’attività di tre persone, se una di loro dice di poterlo finire da sola, si trova nel falso. Perciò, quando siete in una situazione difficile, usate la seguente formula preziosa: “Signore, Tu puoi tutto! Il Tuo Spirito che hai mandato a guidarmi, per Tuo tramite, può tutto. E io, per mezzo del Tuo Spirito, posso tutto”. Ed è così: quando Dio può tutto e lo Spirito che da Lui emana può tutto, io tramite lo Spirito che mi guida, posso tutto. Se credete di poter far tutto senza ricordarvi di Dio e del Suo Spirito, vi ritroverete sulla strada sbagliata. Soltanto una volta Mosè si permise di dire: “Non posso far sgorgare l’acqua da questa roccia?” E non poté più entrare nella terra di Canaan. Mosè fu un grande profeta, ma soltanto per queste parole che rivolse agli Ebrei senza glorificare Dio, si separò dal Tutto e non poté entrare in Canaan. Io dico: “Se Mosè sbagliò e non poté più entrare nella terra di Canaan, quanto più deve vigilare un uomo comune! Per questo, di fronte a qualsiasi situazione vi troviate, dite: Signore, Tu puoi tutto! E il Tuo Spirito Che da Te emana, può tutto. E io, tramite lo Spirito che mi guida e mi conduce, posso tutto!”

    Voi mi domanderete: “Quando dobbiamo pronunciare questa formula?” Quando vi trovate nelle situazioni più difficili. Pronunciate questa formula una, due, tre volte finché avrete vinto ogni difficoltà. Per l’uomo vincere è una cosa piacevole. È brutto quando egli perde la presenza dello Spirito, quando perde il senso della vita, quando si indebolisce. Allora, intorno a sé, vede tutto sottosopra; la gente la vede cattiva e cerca di fuggire. Con la fuga non si compie nessun lavoro. Se si fugge si andrà all’inferno. Se si sale verso l’alto si andrà in cielo. Un proverbio turco dice: “Il gatto non scappa più lontano del fienile”. Ed è vero. Quando si batte il piede vicino ad un gatto per scacciarlo, esso gira per la casa, poi per il cortile e se lo cerchi, è nascosto nel fienile. Allo stesso modo voi dite: “Fuggiamo!” Scappando non si risolvono i problemi. E in che direzione fuggite? Se andate verso Dio, lo comprendo. Lasciate la fuga e dite dentro di voi: “Per quanto sia difficile questo lavoro, io lo porterò a termine grazie a Dio ed allo Spirito che mi guida”.

    Quindi, in tutte le situazioni difficili della vostra vita, usate questa formula.

    Fonte: blogcosmos e fratellanzadiluce - Discorso pronunziato dal Maestro Peter Deunov il 6 Gennaio 1928 a Sofia Isgrev. Dal volume “I cinque fratelli”, Sofia 1949 pp. 251 – 261
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Rita



    Messaggi : 36
    Data d'iscrizione : 09.08.11

    MessaggioTitolo: pesci o acquario?   Gio Dic 27, 2012 4:41 pm

    Ben ritrovati.
    Fa indirettamente riferimento a questo topic l'argomento della mia richiesta.
    Di recente (particolarmente nel contesto degli approfondimenti sulla profezia Maya del 21/12 ) c'era chi soteneva che la nostra umanita' sia gia' entrata nell'"era dell'acquario",mentre non molto tempo fa (recentemente)avevo letto,purtroppo non ricordo dove (ma ricordo che la fonte era di ispirazione antroposofica)che ancora deve durare un po' quella attuale dei pesci.
    Chiedo cortesemente un chiarimento riguardo a cio'.
    Grazie,e colgo l'occasione per porgervi gli auguri delle festivita' natalizie.
    Tornare in alto Andare in basso
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1821
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Re: Il Maestro Peter Deunov (Beinsa Duno) e i personaggi che hanno parlato di lui   Gio Dic 27, 2012 5:11 pm


    Risposta di Enzo Nastati


    Cara Rita, la tua domanda è semplice ma un po’ complicata nella risposta.

    Il problema è la differenza esistente tra i segni zodiacali e le costellazioni zodiacali. Mi spiego. I primi sono 12 segni di uguale ampiezza con i quali gli antichi hanno suddiviso il cerchio zodiacale. I secondi sono invece le reali costellazioni del cielo, con la loro reale ampiezza che varia di molto, anche di 3 volte.
    Con ciò diventa un problema decidere in quale segno (o costellazione) realmente ora siamo dato che la differenza tra i due è di circa 20°.
    Il mio pensiero è che più che prendere una decisione più o meno arbitraria, bisogna comprendere quale differenza “sottile” vi sia tra i due.
    I 12 segni, perfettamente uguali, sono l’immagine dello Zodiaco Serafinico (gli spiriti dell’Amore), mentre le 12 costellazioni lo sono dello Zodiaco Cherubinico (gli spiriti dell’Armonia).
    Con la Caduta la disarmonia si è spinta fino allo Zodiaco Cherubinico da cui la diversa ampiezza (e azione). Con ciò esprimo il pensiero che vi sono due zodiaci: a noi scegliere quale guardare.

    Mi spiego. Se guardo alle mere vicende terrene allora è lo Zodiaco Cherubinico quello da guardare, se invece alzo gli occhi alla mia origine (e meta), allora sono i 12 segni Serafinici la luce da mirare.
    Ma torniamo a noi. Dove siamo? Per deciderlo “dovrebbe” essere prioritario guardare allo Zodiaco Cherubinico (che è entrato nell’Acquario), se invece guardo più in “alto”, allora il segno dell’Acquario ci dice che devono passare diverse centinaia di anni prima di entrarvi.
    Quindi? Quindi è semplice: ogni uomo può “soggiacere” allo Zodiaco Cherubinico o “liberarsi” in quello Serafinico in quanto uno fa da porta/ponte all’altro.
    Sono riuscito a complicare le cose?

    Grazie per la domanda
    Enzo
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Rita



    Messaggi : 36
    Data d'iscrizione : 09.08.11

    MessaggioTitolo: Re: Il Maestro Peter Deunov (Beinsa Duno) e i personaggi che hanno parlato di lui   Ven Dic 28, 2012 11:33 am

    Citazione :
    Sono riuscito a complicare le cose?
    No anzi..direi che la sua e' la risposta che cercavo.
    Ora,vista l'urgenza e l'importanza della manifestazione di nuovi grandi "valori" di questa nuova "coscienza collettiva" come spesso viene definita,secondo lei queste menti illuminate come il maestro Deunov a quale dei due criteri di riferimento da lei citati (per stabilire l'eta' zodiacale) fanno riferimento??
    Grazie.
    Tornare in alto Andare in basso
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1821
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Re: Il Maestro Peter Deunov (Beinsa Duno) e i personaggi che hanno parlato di lui   Sab Dic 29, 2012 12:49 pm


    Cara Rita, per rispondere dovrei “leggere” le citazioni di questi “maestri”.

    Quello che posso aggiungere è che dal punto di vista delle costellazioni reali (zodiaco cherubinico-spiriti dell’armonia) siamo ancora nei Pesci, mentre dal punto di vista dei segni (zodiaco serafinico-spiriti dell’amore) siamo già nell’Acquario.

    Ora, dovrebbe essere chiaro che non esistono “due” zodiaci, ma possiamo immaginarci la superficie di un pallone da calcio, la superficie “interna” rappresenta lo zodiaco cherubinico, mentre la superficie esterna rappresenta lo zodiaco serafinico. Ciò vale anche per il nostro essere:a noi decidere se agiamo come esseri disarmonici (e quindi “indietro” di una tappa evolutiva), oppure come spiriti di Amore e quindi “sincroni” all’Amore Cosmico.

    Buon cammino…tra le stelle…
    Enzo
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Contenuto sponsorizzato




    MessaggioTitolo: Re: Il Maestro Peter Deunov (Beinsa Duno) e i personaggi che hanno parlato di lui   

    Tornare in alto Andare in basso
     
    Il Maestro Peter Deunov (Beinsa Duno) e i personaggi che hanno parlato di lui
    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: ANTROPOSOFIA :: ANTROPOSOFIA GENERALE :: PERSONAGGI ATTUALI E DEL PASSATO-
    Andare verso: