IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2017 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2017 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
» Energia libera : http://www.magravsitalia.com/
Ven Giu 23, 2017 10:50 am Da sinwan85PHAR

» Apicultura naturale
Ven Mag 12, 2017 3:51 pm Da apinaturale

» Sull'offuscamento dell'ipofisi ...
Mar Apr 18, 2017 12:37 pm Da neter

» AUGURI
Mer Nov 16, 2016 4:20 pm Da Admin

» INCONTRI CON ENZO NASTATI 2016
Gio Nov 10, 2016 6:13 am Da Admin

» Piacere, Antares!
Gio Nov 10, 2016 5:52 am Da Admin

» I SEGRETI DEL CAMMINO DI CRESCITA INTERIORE - Enzo Nastati - PDF
Mer Ott 26, 2016 5:51 pm Da Admin

» eccomi con le api
Lun Ott 03, 2016 6:15 pm Da Admin

» La morte ... potrebbe essere quello che chiamiamo Dio (Krishnamurti)
Mar Ago 02, 2016 4:18 pm Da Admin

» CALENDARIO DELL'ANIMA DI RUDOLF STEINER - Commentato da Enzo Nastati e Collaboratori - PDF
Lun Ago 01, 2016 8:31 pm Da Admin

» CERIMONIA DEL TUNNEL DI SAN GOTTARDO IN SVIZZERA
Lun Giu 27, 2016 9:36 am Da Admin

» la Resurrezione di Lazzaro
Gio Giu 16, 2016 5:12 pm Da Loretta

» G e o m e t r i a C a r d i a c a C H E S T A H E D R O N Frank Chester
Sab Giu 11, 2016 3:30 pm Da sinwan85PHAR

» Madre Nostra
Ven Giu 03, 2016 10:49 pm Da Loretta

» Immortalità della coscienza
Gio Mag 26, 2016 4:23 pm Da sinwan85PHAR

SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it
    PAGINE VISUALIZZATE DAL 02/04/2011


    Condividere | 
     

     SPIGOLATURE DA OPERE DI RENÉ A. SCHWALLER DE LUBICZ

    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    neter



    Messaggi : 206
    Data d'iscrizione : 06.06.11

    MessaggioTitolo: SPIGOLATURE DA OPERE DI RENÉ A. SCHWALLER DE LUBICZ   Mar Mag 28, 2013 11:30 am

    SPIGOLATURE DA OPERE DI RENÉ A. SCHWALLER DE LUBICZ
    « L’Essere immortale, l’Essere eterno in noi, invoca da sempre la Conoscenza, la Scienza eterna; essa la invoca in quanto fine della sua passeggera incarnazione, come se fosse il dovere dell’uomo, suprema creatura che deve formulare una scienza che altrimenti, in maniera naturale e passiva, egli subisce attraverso le sue sofferenze, fino al doloroso ridestarsi della sua Coscienza – intendo, evidentemente, la Coscienza dell’Essere eterno che è in noi. Al di fuori di questo, a che cosa serve tutto il resto? A che cosa serve tutta la filosofia che discute senza approdare a niente? A che cosa serve la scienza che si autodistrugge? A che cosa serve svegliarsi al mattino per affrontare una penosa lotta quotidiana, per arrivare alla sera stanchi, sfiniti, per avere come solo risultato l’agonia di una vita così vana?
    Se vivessimo davvero, allora ogni sofferenza si trasformerebbe in gioia, ogni sforzo produrrebbe frutti, nulla potrebbe turbarci, poiché il fine ci illuminerebbe e tutto questo passaggio ci apparirebbe semplicemente una tragicommedia, priva di qualsiasi specifica importanza: soltanto il Fine sarebbe importante.
    Fino a quando l’intelligenza cerebrale governerà il mondo, questo sarà gestito dagli esseri inferiori, poiché la vita dell’Uomo sarà solo lotta, lotta di forza e di potere, lotta di vanità, lotta di ricchezza, lotta per un’esistenza il cui fine è falsato! Tutta la vita si fonderà esclusivamente sull’equilibrio tra domanda e offerta, potere e subire, giustizia da pugili e diritto del più forte, equilibrio di argomenti in cui ogni affermazione può essere confutata, ogni prova denegata e distrutta e l’uomo, allora, non sarà altro che il più feroce degli animali.
    Ma l’uomo non è un animale: egli è animato. L’uomo è una sintesi del Cosmo, una creatura che reca in sé la scintilla divina. L’Uomo non è un anfibio evoluto, una forma animale divenuta ciò che noi siamo.
    L’Uomo è un essere dall’origine perfetta, un essere divino, che è degenerato divenendo ciò che noi siamo oggi.
    È stato necessario un incredibile decadimento per costringerlo ad accettare delle teorie materialiste come quelle di Lamarck e di Darwin! Bisogna non aver proprio più alcuna traccia di fiducia nell’Armonia divina, né una traccia di legittimo orgoglio, per non riuscire a reagire contro una scienza che ci abbassa al livello di bruto, definito “preistorico”, o antropoide. Coloro che conducono l’umanità verso questo abbrutimento possono essere solo dei folli o dei criminali. »
    « Perché la scienza divenga vitalmente feconda, per uscire dal dominio materiale (senza valore vitale) della meccanica, bisogna fare appello alla Coscienza e non più soltanto al ragionamento cerebrale. Finora si è sacrificato alla verità “intersoggettiva” del gruppo, ossia è riconosciuto come vero solo ciò che è percepito dalla generalità degli uomini. Ciò che soltanto l’individuo isolato percepisce, grazie a uno stato di coscienza superiore, oppure grazie a una sensibilità sensoriale eccezionale, è relegato, quando non rigettato, in quanto conoscenza soggettiva e non condivisa. Ma la Coscienza evolve, anzi è solo la Coscienza che evolve; bisogna dunque coltivare questa evoluzione per infrangere il circolo “chiuso” della coscienza psicologica. »
    « Per essere certi della nostra Conoscenza così come siamo certi del nostro Sapere, dobbiamo dunque cercare la prova sperimentale che dimostri che lo Spirito, l’astratto, diviene effettivamente concreto attraverso un percorso determinato.
    La Scienza Sacra afferma che ciò è possibile; essa ce lo insegna attraverso il suo Esoterismo, che è ermeticamente chiuso soltanto all’intelligenza cerebrale, e lo resterà se non coltiviamo un altro aspetto dell’Intelligenza e una mentalità che non sia quella stantia delle nostre scuole.
    È per questo motivo che i Saggi lasciano la speculazione agli oziosi e osservano la Natura. Essa insegna tutto. Un suono evoca tutti i suoi armonici, una ghianda di quercia evoca la quercia: è un complesso armonico che, nel regno vegetale, è quercia. Ma gli armonici musicali sono vibrazioni corporee, di natura acquatica. La semenza (il suono o la ghianda, il seme o lo spermatozoo) ha una natura specifica, e questa specificazione è la genesi delle semenze dal Minerale all’uomo, la riduzione spaziale della sostanza senza forma.
    Non vi è alcun “seme primordiale”, e l’uovo ha preceduto la gallina. La sostanza di questo uovo è sempre esistita in quanto sostanza senza forma, Vergine Cosmica. Lo sperma del gallo, al contrario, è divenuto, generato nel passaggio dalla nebulosa cosmica ad esso.
    Il principio cristico, invece, sarà fecondazione diretta, senza semenza specifica, come un salto dall’origine astratta al prodotto ultimo umano: Dio-Uomo. »
    « Vi sono per la Coscienza due strade possibili: quella della Redenzione Cristica o Horiana, oppure quella degli “Antichi” detta del “Buon Re” (Melchisedec) o Osiridea. Il principio del rinnovamento costante, ossia Osirideo, è quello che esige lo strumento fisico di trasmissione.
    …?
    Perché questa scelta? Perché vi sono tre possibilità: o l’Unità non si scinde, resta pura in sé, e quindi non si moltiplica nelle sue parti, mentre l’Universo resta nella Causa; oppure essa si scinde e si moltiplica. Ma può altresì scindersi (prendere forma) e rifiutare di moltiplicarsi per sussistere in quanto immagine dell’Unità costante.
    Queste sono le stirpi osiridea e horiana, e le due principali vie: l’Opera naturale e quella soprannaturale. »
    « Due vie, due vie per un solo obiettivo. Due vie che distinguono i “liberati” da coloro che rimangono, due vie che distinguono coloro che hanno rinunciato da coloro che restano sottomessi ai “desideri” o che debbono ancora gustare le gioie e le pene di questa vita.
    È forse una religione? No – è più che una fede: è la Conoscenza per alcuni; la Conoscenza della parola divina che ordina il mondo e questa Conoscenza è anche la Scienza sacra. Per altri, è l’ordine inevitabile: essi subiranno le conseguenze di tutte le cause generate dai loro atti, che essi credano o che essi dubitino; ed è il cammino indiretto, il più logico; la più sicura e la più confortante delle leggi, quella che lascia giudice ogni individuo, giudice di ciò che è, di ciò che comprende e di ciò che desidera. La via di Osiride non viene imposta da nessuno: è la realtà naturale che parla. Dal momento in cui un uomo nasce sulla terra, egli entra nel ciclo da cui non può uscire se non dopo aver annullato le cause di disarmonia da lui stesso generate.
    Che crediate o non crediate, nulla cambia per il percorso naturale lungo la via osiridea. Siate buoni, siate giusti, siate caritatevoli e riceverete più presto la Luce. Siate cattivi, siate crudeli, siate egoisti, e – credeteci o no – pagherete. Voi dite: “Io non ricordo le mie vite passate.” Non sono forse dei ricordi la vostra illuminazione, se l’avete generata, e le vostre sofferenze, se le avete provocate?
    Ogni vita umana è necessariamente una conseguenza che comporta sia delle ricompense che dei pagamenti, ma essa è anche causa di quel che segue: causa della continuità della schiavitù, oppure della liberazione per chi ha spezzato consapevolmente delle catene. Questa rottura è una rinuncia gioiosa, che non costituisce né una fuga né un timore, ma un richiamo irresistibile verso la Luce. E quando questo richiamo fa sentire la sua voce, la porta del tempio si apre spontaneamente: Horus, Cristo, l’unzione divina, infine, comincia la sua opera…
    Così hanno parlato i Saggi di tutti i tempi, coloro che hanno visto con certezza la più semplice delle verità.
    L’Egitto si è conservato per millenni perché la Via del rinnovamento ha mantenuto il suo popolo sul retto cammino e nella certezza che la morte è soltanto un cambiamento nella continuità della vita.
    Il Tempio ha riservato a coloro che erano illuminati la via diretta che il Cristianesimo ha insegnato apertamente con tutte le sue conseguenze. »
    « La fine dell’Egitto faraonico è la fine di un ciclo cosmico e non la fine di un regno. Osiride, attraverso Iside-Maria, ha generato Horus-Cristo, annunciato, contenuto, conosciuto nell’esoterismo faraonico. Essendo giunto il Tempo (fase della Genesi Cosmica) del segno dei Pesci, è nato il Fanciullo Divino. È nato dallo Spirito, è nato dalla Necessità generata dalla caduta del Verbo nella Materia, la Natura, nel ruotare dei cicli del Mondo, per mezzo dei quali la frattura dell’equilibrio primordiale, attraverso il Sapere, diventa la Coscienza del Sé, fusione cosciente dell’Essere in se stesso. Il virtuale è divenuto effettivo per mezzo del compimento della Forma in tutti gli aspetti possibili. Ma Ioshua-Gesù è caduto dal Cielo in tutta la perfezione della Forma finale della Natura,
    e qui vi è l’annuncio di una Fine. »

    Tornare in alto Andare in basso
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1821
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Re: SPIGOLATURE DA OPERE DI RENÉ A. SCHWALLER DE LUBICZ   Mer Mag 29, 2013 8:13 am

    Commento di Enzo Nastati

    Molto interessante la lettura del brano riportato. Mi permetto alcune riflessioni su alcune parti.
    Citazione :

    Se vivessimo davvero, allora ogni sofferenza si trasformerebbe in gioia, ogni sforzo produrrebbe frutti, nulla potrebbe turbarci, poiché il fine ci illuminerebbe e tutto questo passaggio ci apparirebbe semplicemente una tragicommedia, priva di qualsiasi specifica importanza: soltanto il Fine sarebbe importante.
    Chiediamoci: il finalismo esiste? Dio ha un fine? L’uomo ha un fine? O semplicemente Dio “è” e così dovrebbe essere l’uomo lasciando all’uomo caduto nelle forze egoiche il ragionare per “fini”, “scopi”, “mete”? Il finalismo è il segno della Caduta che l’uomo continuamente moltiplica in un vortice senza fine fino a paralizzarsi in una meta che già “è” in lui: Dio tra gli Dei, Uno infinito nell’Infinito Uno.

    Citazione :
    « Perché la scienza divenga vitalmente feconda, per uscire dal dominio materiale (senza valore vitale) della meccanica, bisogna fare appello alla Coscienza e non più soltanto al ragionamento cerebrale.

    Spesso mi sono chiesto del “perché” Dio ha permesso (se così ci si può esprimere) questo avanzare incontrastato del mondo delle macchine, della tecnica. Risposta ho trovato in una conferenza dello Steiner (L’uomo e la tecnica) nella quale egli afferma che il mondo della tecnica, con la sua vuota e demoniaca presenza, “serve” all’uomo per risvegliare in lui il desiderio, l’anelito, la rinnovata necessità del Divino: cosciente e amorevole necessità.

    Citazione :
    Il principio Cristico, invece, sarà fecondazione diretta, senza semenza specifica, come un salto dall’origine astratta al prodotto ultimo umano: Dio-Uomo. »

    Pochi uomini hanno conseguito questo seme” divino. Ognuno ha dato ad esso un Nome: Germe, Seme, Cristallo, ecc. Parlare di esso è proficuo solo nel dialogo profondo, intimo tra due persone, perché è lì che Egli nasce, sorge, come rinnovato impulso tra due Esseri che si uniscono nella Verità che è Vita, perché dove due o più sono uniti nel Suo Nome Egli è presente…
    Citazione :

    « Vi sono per la Coscienza due strade possibili: quella della Redenzione Cristica o Horiana, oppure quella degli “Antichi” detta del “Buon Re” (Melchisedec) o Osiridea. Il principio del rinnovamento costante, ossia Osirideo, è quello che esige lo strumento fisico di trasmissione. …?

    Qualunque via si intraprenda essa deve sempre prevedere l’Obbedienza. Noi siamo usciti dal paradiso terrestre a causa della nostra disobbedienza al volere-amore Divino e potremo ritornarci solo quando avremo dimostrato la nostra obbedienza (Il Regno dei Cieli è di chi ascolta le Mie parole e le mette in pratica…recita il Vangelo).

    I nomi cambiano, i concetti rimangono. E quale è l’Obbedienza più grande per l’Essere umano chiamato ad essere il portatore della Libertà nel Cosmo se non “liberamente obbedire rivestendo questo Dono di Amore purissimo”? Libertà nell’Amore, Obbedienza che rinuncia alla Libertà personale per attuare quella Divina.

    Grazie per gli spunti, ad altri continuare
    Enzo
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
     
    SPIGOLATURE DA OPERE DI RENÉ A. SCHWALLER DE LUBICZ
    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: ANTROPOSOFIA :: ANTROPOSOFIA GENERALE :: UOMO E COSMO-
    Andare verso: