IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2017 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2017 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it
    PAGINE VISUALIZZATE DAL 02/04/2011


    Condividere | 
     

     OSSERVATORE E OSSERVATO DI SAMAEL AUN WEOR

    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    neter



    Messaggi : 206
    Data d'iscrizione : 06.06.11

    MessaggioTitolo: OSSERVATORE E OSSERVATO DI SAMAEL AUN WEOR   Mer Gen 30, 2013 11:28 am

    OSSERVATORE E OSSERVATO
    Non è difficile capire ed è anzi evidente che si inizia davvero a lavorare su tutto ciò che
    abbiamo dentro quando ci si mette ad osservare seriamente se stessi non più dal punto di vista
    del credersi “uno”, ma da quello del sapere che ciascuno è “molti”.
    Sono ostacoli che intralciano e vanificano il lavoro di auto-osservazione intima i seguenti
    difetti psicologici: mitomania (delirio di grandezza, credersi un dio), culto di se stessi (egolatria,
    credenza in un io permanente, adorazione di qualunque specie di alter ego), paranoia (saccenteria,
    autosufficienza, superbia, orgoglio mistico, il credersi infallibile, il non saper vedere il punto di
    vista altrui).
    Quando si continua con l’assurda convinzione di credersi “uno”, di possedere un io permanente,
    un serio lavoro su se stessi risulta davvero più che impossibile.
    Chi pensa sempre di essere “uno” non sarà mai capace di separarsi dai propri elementi
    indesiderabili; considererà ogni pensiero, sentimento, desiderio, emozione, passione, difetto,
    ecc., come funzioni diverse e immutabili della propria natura e anzi si giustificherà davanti agli
    altri, sostenendo che questi o quei difetti personali sono di carattere ereditario...
    Chi accetta la dottrina dei molti io comprende, in base all’osservazione, che ogni desiderio,
    pensiero, azione, passione, ecc., corrisponde a questo o a quell’io ben distinto e individuabile...
    Qualunque “atleta” dell’auto-osservazione intima lavora dentro di sé con molta serietà e si
    sforza di separare dalla propria Psiche i vari elementi indesiderabili che porta dentro...
    Se uno inizia davvero ad osservarsi internamente con sincerità, finisce per dividersi in due:
    osservatore ed osservato.
    Se questa divisione non si producesse, è evidente che non potremmo mai fare un passo avanti
    sulla via dell’auto-conoscenza.
    Come potremmo osservare noi stessi, se commettessimo l’errore di non volerci dividere in
    osservatore e osservato?
    Se questa divisione non si producesse, è ovvio che non potremmo mai avanzare di un solo
    passo sul cammino dell’auto-conoscenza.
    Indubbiamente quando questa divisione non avviene, continuiamo ad identificarci con tutti i
    processi dell’io pluralizzato...
    Chi si identifica con i diversi processi dell’io pluralizzato è sempre vittima delle circostanze.
    Come potrebbe modificare le circostanze colui che non conosce se stesso? Come potrebbe
    conoscere se stesso colui che non si è mai osservato interiormente? Come potrebbe auto-osservarsi
    se prima non si divide in osservatore e osservato?
    Ebbene, nessuno può cominciare a cambiare radicalmente fino a quando non sia capace di
    dire: «Questo desiderio è un io animale che devo eliminare», «Questo pensiero egoista è un altro
    io che mi tormenta e che è necessario distruggere», «Questo sentimento che ferisce il mio cuore
    è un io intruso che devo ridurre in polvere cosmica», ecc., ecc.
    Naturalmente, ciò è impossibile per chi non si è mai diviso in osservatore e osservato.
    Chi prende tutti i propri processi psicologici come funzioni di un io unico, individuale e
    permanente è così identificato con tutti i suoi errori, li tiene così stretti a sé che ha perso in tal
    modo la capacità di separarli dalla propria Psiche.
    Gente così non potrà mai cambiare radicalmente: sono persone condannate al più completo
    fallimento.
    Tornare in alto Andare in basso
     
    OSSERVATORE E OSSERVATO DI SAMAEL AUN WEOR
    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: BIBLIOTECA SPIRITUALE :: Samael Aun Weor-
    Andare verso: