IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2017 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2017 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
» Energia libera : http://www.magravsitalia.com/
Mar Giu 27, 2017 7:21 pm Da Admin

» Apicultura naturale
Ven Mag 12, 2017 3:51 pm Da apinaturale

» Sull'offuscamento dell'ipofisi ...
Mar Apr 18, 2017 12:37 pm Da neter

» AUGURI
Mer Nov 16, 2016 4:20 pm Da Admin

» INCONTRI CON ENZO NASTATI 2016
Gio Nov 10, 2016 6:13 am Da Admin

» Piacere, Antares!
Gio Nov 10, 2016 5:52 am Da Admin

» I SEGRETI DEL CAMMINO DI CRESCITA INTERIORE - Enzo Nastati - PDF
Mer Ott 26, 2016 5:51 pm Da Admin

» eccomi con le api
Lun Ott 03, 2016 6:15 pm Da Admin

» La morte ... potrebbe essere quello che chiamiamo Dio (Krishnamurti)
Mar Ago 02, 2016 4:18 pm Da Admin

» CALENDARIO DELL'ANIMA DI RUDOLF STEINER - Commentato da Enzo Nastati e Collaboratori - PDF
Lun Ago 01, 2016 8:31 pm Da Admin

» CERIMONIA DEL TUNNEL DI SAN GOTTARDO IN SVIZZERA
Lun Giu 27, 2016 9:36 am Da Admin

» la Resurrezione di Lazzaro
Gio Giu 16, 2016 5:12 pm Da Loretta

» G e o m e t r i a C a r d i a c a C H E S T A H E D R O N Frank Chester
Sab Giu 11, 2016 3:30 pm Da sinwan85PHAR

» Madre Nostra
Ven Giu 03, 2016 10:49 pm Da Loretta

» Immortalità della coscienza
Gio Mag 26, 2016 4:23 pm Da sinwan85PHAR

SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it
    PAGINE VISUALIZZATE DAL 02/04/2011


    Condividere | 
     

     LEV NIKOLAEVIC TOLSTOJ " Causa di tutti i malintesi sul cristianesimo sta nel credere che esso si possa accettare senza cambiar vita”

    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: LEV NIKOLAEVIC TOLSTOJ " Causa di tutti i malintesi sul cristianesimo sta nel credere che esso si possa accettare senza cambiar vita”   Sab Lug 14, 2012 7:58 am


    "Tutti pensano di cambiare il mondo
    nessuno pensa di cambiare se stesso"



    Pensando a Tolstoj tornano subito alle mente i nomi dei suoi romanzi più famosi, “I racconti di Sebastopoli”, “Guerra e Pace”, “Anna Karenina” ed altre opere della numerosa bibliografia.
    Ci sovvengono quindi grandi affreschi di epiche battaglie, della vita di corte ai tempi dello zar, personaggi indimenticabili come il Principe Andréj, Pierre, le cui vite si intrecciano magistralmente con quella di Napoleone e le vicissitudini della sua campagna di Russia.
    Già questo basterebbe a rendere imperitura ed universale la genialità e l’arte di un uomo che riesce a descrivere ed imprimere tanto bene l’immagine ed i sentimenti di un secolo così denso di turbamenti e mutamenti come l’ottocento europeo.

    Eppure tutto questo non è altro che piccolo riflesso, periferia, rispetto al pensiero filosofico e spirituale di un individuo straordinario ed affascinante come Tolstoj, e quel che sorprende maggiormente è che proprio questa sua peculiarità sia messa in ombra, quasi soverchiata, dalle sue stesse opere e da chi dovrebbe occuparsi di istruzione delle masse e diffusione della conoscenza.
    Mai come oggi invece, il pensiero di un individuo tanto illuminato acquista importanza ed essenzialità. In tempi apocalittici di guerre permanenti e preventive, di assordante terrore, di disuguaglianze e squilibri, proprio oggi egli ci insegna la soluzione e la Via d’uscita dall’abisso spalancato sotto i nostri piedi; l’autore sorprende per l’attualità delle sue idee.

    Lev Nikolaevic Tolstoj nasce il 28 agosto 1828.
    A 9 anni, rimasto orfano si trasferisce con i fratelli da una zia paterna.
    Nel 1844 si iscrive alla facoltà di filosofia, nel ’52 si arruola, come sottoufficiale nobile, nella brigata d’artiglieria e rimane nell’esercito zarista fino al 1856. Uomo colto e avventuroso si dedica alla vita mondana, al gioco, conosce i maggiori esponenti politici e della cultura dell’epoca, diviene amico di gente come Turgenev e Ciaikovskij. Legge autori come Rosseau, Puškin, Gogol’, Schopenhauer, Kant ed al contempo approfondisce la lettura dei Vangeli.
    Poco dopo incomincia un periodo di profonda riflessione ed esame completo della propria vita e delle sue idee, che sfocerà in una profonda crisi spirituale che avrà il suo apice negli anni sessanta.
    Le sue riflessioni saranno poi scritte nel libro “La confessione”, dove descrive e riassume i suoi turbamenti, le sue domande e le risposte che è riuscito a darsi riguardo al suo rapporto con Dio.
    Sente il peso della vita e la vanità di un’esistenza come la sua, infelice e senza scopo apparente, rifiuta la vita passata ma non riesce a sentire vero il messaggio religioso che vede contraddetto dalla ragione e dalla scienza. Si trova come diviso in due, qualcosa gli sfugge e non si dà pace.
    La chiave di volta del suo ragionamento introspettivo è semplice quanto autentica, egli afferma:

    “Compresi il mio errore, e la sua origine. Avevo sbagliato non perché il mio pensiero fosse errato, ma perché la mia vita era indegna. Compresi che la Verità mi era stata nascosta non dall’errore del mio pensiero, ma dalla mia stessa vita consumata a soddisfare ogni capriccio e che eccezionalmente mi consentiva di abbandonarmi all’epicureismo.”


    Ed ecco che quindi la ricerca di Dio deve necessariamente passare attraverso l’autoperfezionamento morale. Per essere felice l’uomo deve lavorare, per se stesso ma anche e principalmente per la collettività. Orientando al bene la propria vita, l’uomo entrerà sempre di più in contatto col divino.
    Già in questo periodo egli traccia le basi, il perimetro di quella meravigliosa concezione che maturerà da qui in poi esponenzialmente nel corso degli anni.
    La ricerca di Dio diventa ragione principale dei suoi scritti e riflessioni, il pensiero filosofico si fa più lucido, Tolstoj teorizza la concatenazione di cause, tesa ad affermare che se noi esistiamo deve necessariamente esistere la causa della nostra esistenza e quindi la Causa di tutte le cause, cioè Dio.
    E se vi è una Causa tanto grande a monte, quale deve essere il nostro rapporto con essa?
    Nel frattempo i suoi studi proseguono, sente la necessità di conoscere ancor più in profondità il Buddismo, l’Islamismo ed il Cristianesimo, lo studio comparato delle religioni lo occuperà molto.
    Ancora combattuto dal conflitto fede/razionalità non trova però, nelle religioni costituite e nei suoi sacerdoti, risposte soddisfacenti; egli non sente quella vibrazione in grado di soddisfarlo, la trova però negli umili, nella massa sterminata dei lavoratori, degli schiavi, è come se uscisse da un sogno.
    I ceti poveri, gli umiliati, gli ignoranti, comprendono il senso della vita meglio che i dotti ed i preti; Tolstoj se ne rende conto da come il popolo vive la sua miseria, con quale accettazione accoglie la malattia e la morte, il mutuo soccorso, l’aiutarsi vicendevolmente è parte integrante della loro vita;
    queste genti sono mosse da una forza recondita, la Fede, che permette loro di sopportare gli affanni dell’esistenza meglio di tanta gente istruita. E’ per lui un’autentica rivelazione!
    Inizia a costruire gratuitamente numerose scuole per i figli di contadini e lavoratori, ed in alcune di esse insegna come maestro, riscatta dei terreni da donare al popolo, scrive numerosi testi di pedagogia e libri per bambini, convinto che è dall’infanzia che rinascerà una nuova umanità, insegnando ai fanciulli i concetti di fratellanza ed amore si creerà un mondo migliore.
    Eppure non è ancora alla svolta definitiva, il suo tenore di vita non è ancora in linea col Vangelo.
    Ed ecco che nel 1877 Tolstoj cambia radicalmente il suo modo di vivere e di considerare l’ambiente colto, nobile ed opulento in cui è sempre vissuto, diviene ora un uomo nuovo, grazie alla fama acquisita (che adopera come cassa di risonanza) decide di schierarsi apertamente contro il governo zarista e la chiesa ortodossa.

    Predica la povertà ed una vita semplice, basata sulla reale messa in pratica degli insegnamenti presenti nel Vangelo, che si preoccuperà di tradurre per il popolo, affinché possa leggerlo.
    “Chiunque di voi non rinuncia a ciò che ha, non può essere mio discepolo” (Luca 14.33)
    L’autore dona tutti i proventi delle sue opere letterarie, le sue rendite, ha capito che solo donando, con la piena identificazione e l’imitazione di Cristo, si può ottenere la vera felicità.
    La riunificazione dell’umanità può avvenire solo attraverso l’Amore;
    la società è formata da numerosi individui, se essi cambiano, la società muta per conseguenza.
    Tolstoj scrive molti saggi contro la pena di morte e gli strumenti di coercizione come le prigioni e le punizioni pubbliche; flagellazioni e gogne erano ancora praticate in Russia spesso a spese dei contadini costretti a subire continue umiliazioni.
    Si forma anche uno dei punti cardine del suo pensiero, la non resistenza al male, nel 1882 scrive:

    "Non si deve usare la forza per soccorrere e difendere i propri simili, perché il bene non può essere compiuto con la violenza, ossia con il male...
    A chi pretende che fare la guerra e combattere per i fratelli, sia un diritto di legittima difesa, risposi sempre:
    Presentare il petto ai colpi altrui, sì; ma fucilare i nostri simili, non è difesa, ma assassinio...
    Approfondite con lo spirito le parole del Vangelo e voi vedrete come il comandamento così breve, così categorico, che ordina «di non resistere al male, cioè non rendere male per male» (Matteo V, 38-39), se non il massimo è però uno dei principali ammaestramenti di Cristo...
    È evidente che se per combattere un male, usassi anche la più leggera violenza, un altro male sopravverrebbe, poi un secondo, un terzo; e così milioni di violenze isolate, genererebbero di nuovo questo terribile flagello che regna e ci opprime...
    Il cristiano sa che solo combattendo il male col Bene e con la Verità, egli fa tutto ciò che può per compiere la Volontà del Padre. Non si può spegnere il fuoco col fuoco, asciugare l'acqua coll’acqua, combattere il male col male". (Lettera all'amico Engelgardt)


    Ed ecco che l’attualità del pensiero tolstojano è maggiormente evidente, in un mondo dove la guerra sembra l’unica risposta che i governanti riescono a dare ad azioni che a loro volta sono effetti di cause che si ripetono in un circolo vizioso il cui alimento sono la povertà, l’ignoranza.
    Ribadirà ulteriormente il concetto in un saggio uscito in occasione del conflitto russo-giapponese dall’emblematico titolo “Ricredetevi!”; cosa è più importante, l’opera di Dio o l’avidità dell’uomo?

    “Prima che cominciasse questa cosa che si chiama GUERRA, chiunque sia stato a incominciarla - così dovrà rispondere ogni uomo che si sia davvero ricreduto -, era già cominciata innanzitutto l'opera della mia vita. E l'opera della mia vita non ha nulla in comune con i diritti che accampano su Port-Arthur i cinesi, i giapponesi o i russi. L'opera della mia vita sta nell'adempiere alla volontà di Colui che mi ha mandato in questa vita. Questa volontà è che io ami il mio prossimo e lo serva....”.
    Ma ormai gli scritti di Tolstoj circolano solo clandestinamente stritolati dalla censura.
    Nel 1893 i sacerdoti ricevono l’ordine di predicare contro l’eresia tolstojana di poter fare a meno della chiesa per raggiungere il paradiso. Tra le maggiori innovazioni, Tolstoj teorizza delle comuni di stampo agricolo dove si possa vivere insieme in fratellanza come i primi cristiani, dividendo ogni avere, mettendo in comune i beni e gli strumenti di produzione e cessando di fare offerte (al tempo obbligate) agli organi ecclesiali, ma di devolvere l’eventuale abbondanza ai bisognosi.
    Nel 1894, Tolstoj scrive la sua opera spirituale più importante “Il regno di Dio è in voi”, dove raggiunge le più somme vette del suo pensiero spirituale, evidente manifestazione di un’ispirazione proveniente dall’Alto, un messaggio di Speranza e Salvezza per tutte le genti.
    In questo mirabile volume viene analizzata la società e proposta la soluzione ai suoi mali e problemi; il libro è la summa del pensiero e delle teorie di una vita densa di riflessioni.
    Ancora una volta, l’attualità sorprendente del pensiero e delle considerazioni dell’autore impongono un’analisi accurata e la seria presa in considerazione dei concetti qui espressi.
    La via spirituale ed il cristianesimo sono qui proposte come soluzione ai maggiori problemi sociali e individuali, Cristo apre la terza fase della storia dell’umanità, è il Nuovo che avanza, il futuro.
    Tolstoj afferma con vigore l’applicabilità degli insegnamenti cristici nella vita del singolo e della collettività, egli mette a nudo le contraddizioni fra la nostra vita e la coscienza cristiana, “la vera causa di tutti i malintesi sul cristianesimo sta nel credere che esso si possa accettare senza cambiar vita”. Mutare il modo di pensare e di vivere e renderlo conforme a quello di Cristo!
    Questo il postulato delle sue riflessioni, l’umanità vive contraria alla propria coscienza, è questa la principale causa degli attriti tra i popoli e dei numerosi conflitti.
    Non manca una costruttiva critica agli intellettuali, impegnati a produrre una cultura futile e priva di etica, le posizioni rispetto alla guerra, qualsiasi guerra e per qualsiasi motivo dovrebbe essere ripudiata, agli intellettuali il compito di cambiare il modo di affrontare ed osservare i problemi sociali. L’autore incita a disertare il servizio di leva, perché non si possono avere due padroni, e la volontà di Dio non ha nulla a che fare con la guerra o le armi, che devono essere ripudiate incondizionatamente.
    Qui formulò inoltre l’accusa che nel 1901 lo portò (a dire il vero senza particolare turbamento dell’autore) alla scomunica da parte della chiesa ortodossa:
    “Per quanto possa parere strano, ogni chiesa, come chiesa, è sempre stata e non può non essere un’istituzione, non solo estranea, ma anzi direttamente opposta alla dottrina del Cristo. Non è senza motivo che tutte, o quasi tutte le pretese sette cristiane hanno riconosciuto la chiesa nella grande peccatrice predetta nell’Apocalisse.
    Non è senza motivo che la storia della chiesa è la storia delle più grandi crudeltà e dei peggiori orrori.”
    “Basterebbe all’uomo del tempo nostro di comprare per tre soldi un Vangelo e leggervi le parole così chiare del Cristo, parole che non richiedono alcun commento, come quelle dette alla Samaritana, cioè che il Padre ha bisogno di fedeli, non a Gerusalemme, né su questo monte, né su quell’altro, ma di fedeli nello Spirito e nella Verità, come quelle che affermano che il cristiano deve pregare, non come un pagano in un tempio, ma in segreto nel suo ritiro e che il discepolo del Cristo non deve chiamare nessuno padre o maestro; basterebbe leggere queste parole per convincersi indiscutibilmente che i pastori delle chiese che si chiamano da loro medesimi maestri, non hanno alcuna autorità, e ciò che essi insegnano non è il cristianesimo”.

    Il punto principale sul quale il libro ruota è il Cristo ed i suoi insegnamenti, in piena libertà e rispetto per qualunque razza, credo o religione, siamo tutti figli di Dio ed è importante ribadirlo.
    “La dottrina del Cristo guida gli uomini mostrando loro la Perfezione infinita del Padre celeste, perfezione alla quale ogni uomo può mirare liberamente, in qualsiasi grado di imperfezione si trovi”.
    Il pensiero di Tolstoj esprime una grande verità, la Via del Cristo è aperta a tutti indistintamente, sta a noi raggiungerla, è una questione di volontà ed applicazione.
    “La Perfezione divina è l’asintoto della vita umana; l’umanità tende sempre verso di lei; le si può avvicinare, ma non può raggiungerla che nell’infinito”.
    Questo è un incitamento continuo a migliorarsi nell’umiltà, utilizzando Cristo come modello di vita, come uomo del terzo millennio, come risposta all’ondata di male e violenza. Se ognuno di noi vivesse per servire l’altro, se tutti avessimo a cuore la salute fisica e spirituale dei nostri fratelli il mondo sarebbe presto un paradiso, non più frontiere, niente prigioni, la piena libertà in Cristo.
    “Il progresso dell’umanità si compie non perché gli oppressori divengono migliori, ma perché gli uomini assimilano ogni giorno di più il concetto cristiano della vita”.
    L’unico limite al raggiungimento di questa limpida e meravigliosa Meta è rappresentato dalla nostra paura di perdere ciò a cui siamo attaccati, manca la fiducia ad abbandonarsi alla Via indicata dal Cristo; la paura di rimanere soli ci lega.
    Tolstoj comprende questi timori; comprende anche che è impensabile che l’umanità tutta, contemporaneamente, cessi la vita abitudinaria e dissipata che attualmente compie per mutare in maniera così netta; serve quindi chi, per primo, compia questo passo liberatorio, chi funga da esempio. Una delle più belle metafore presenti nel libro dice:
    “Gli uomini nel loro stato attuale rassomigliano ad uno sciame sospeso ad un ramo. La sua situazione è provvisoria e deve essere assolutamente cambiata. Bisogna ch’esso voli e cerchi un’altra abitazione. Ogni ape lo sa e desidera modificare questa situazione, ma esse sono attaccate le une alle altre e non possono volare tutte insieme, e lo sciame rimane sospeso. Parrebbe che non vi fosse via d’uscita né per le api, né per gli uomini presi nella rete del concetto sociale. Non ve ne sarebbe, infatti, per le api, se ciascuna non fosse provvista di ali; non ve ne sarebbe per gli uomini, se ciascuno non fosse dotato della facoltà di assimilarsi il concetto cristiano.
    Se nessun’ape prendesse il volo senza aspettare le altre, lo sciame non cambierebbe mai posto; e se l’uomo che si è assimilato il concetto cristiano non vivesse secondo questo concetto, l’umanità non cambierebbe mai situazione”.

    La dottrina della non violenza e non resistenza al male teorizzata da Tolstoj diede un meraviglioso e benefico frutto da chi seppe metterla in pratica e quel che successe al Mahatma Gandhi lo dimostra:
    “Quarant’anni fa, mentre attraversavo una grande crisi di scetticismo e dubbio, incappai nel libro di Tolstoj e ne fui profondamente colpito. A quel tempo credevo nella violenza.
    La lettura del libro mi guarì dallo scetticismo e fece di me un fermo credente nell’ahmsà”.
    Cosa fare dunque, come poter mettere in pratica gli insegnamenti di Tolstoj, che poi è la Via del Cristo nella nostra vita?
    Intanto, per prima cosa, non rispondendo al male col male, non cedere alle provocazioni, qualunque esse siano e qualunque sia la loro portata. Amare i nostri nemici, rispondere all’odio con la forza dell’Amore, non giudicare, tenere a bada i nostri pensieri, aiutare il prossimo, e soprattutto essere di esempio, come l’ape che per prima vola via dal ramo verso fiori profumati e dagli splendidi colori.
    Realizzare la Via del Cristo è possibile, un Dio di Amore non può chiedere l’irrealizzabile!
    “Ecco perché questa Potenza non può chiederci ciò che è irrazionale ed impossibile: l’ordinamento della nostra vita temporanea materiale, della vita, della società o dello stato. Questa Potenza ci chiede ciò che solo è ragionevole, certo e possibile: servire il regno di Dio, cioè concorrere allo stabilimento della più grande unione fra tutti gli esseri viventi; unione possibile soltanto nella Verità rivelata, cosa che è sempre in nostro potere”.
    (Fonte:http://www.ilsoffioultrafanico.net/pag09_tolstoj.htm)
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
     
    LEV NIKOLAEVIC TOLSTOJ " Causa di tutti i malintesi sul cristianesimo sta nel credere che esso si possa accettare senza cambiar vita”
    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: ANTROPOSOFIA :: ANTROPOSOFIA GENERALE :: PERSONAGGI ATTUALI E DEL PASSATO-
    Andare verso: