IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
FORUM DI SCIENZA SPIRITUALE CON ARGOMENTI SCIENTIFICO SPIRITUALI E DI ATTUALITA' CHE FANNO RIFERIMENTO A Rudolf Steiner e AGLI STUDI DI Enzo Nastati AGGIORNAMENTI 2017 sugli incontri con Enzo Nastati - visitare la sezione INCONTRI E PERCORSI BASE 2017 CON ENZO NASTATI
CREATIVE COMMONS
Licenza Creative Commons
I NOSTRI VIDEO

2017
QUI E ORA
Ultimi argomenti
» Energia libera : http://www.magravsitalia.com/
Mar Giu 27, 2017 7:21 pm Da Admin

» Apicultura naturale
Ven Mag 12, 2017 3:51 pm Da apinaturale

» Sull'offuscamento dell'ipofisi ...
Mar Apr 18, 2017 12:37 pm Da neter

» AUGURI
Mer Nov 16, 2016 4:20 pm Da Admin

» INCONTRI CON ENZO NASTATI 2016
Gio Nov 10, 2016 6:13 am Da Admin

» Piacere, Antares!
Gio Nov 10, 2016 5:52 am Da Admin

» I SEGRETI DEL CAMMINO DI CRESCITA INTERIORE - Enzo Nastati - PDF
Mer Ott 26, 2016 5:51 pm Da Admin

» eccomi con le api
Lun Ott 03, 2016 6:15 pm Da Admin

» La morte ... potrebbe essere quello che chiamiamo Dio (Krishnamurti)
Mar Ago 02, 2016 4:18 pm Da Admin

» CALENDARIO DELL'ANIMA DI RUDOLF STEINER - Commentato da Enzo Nastati e Collaboratori - PDF
Lun Ago 01, 2016 8:31 pm Da Admin

» CERIMONIA DEL TUNNEL DI SAN GOTTARDO IN SVIZZERA
Lun Giu 27, 2016 9:36 am Da Admin

» la Resurrezione di Lazzaro
Gio Giu 16, 2016 5:12 pm Da Loretta

» G e o m e t r i a C a r d i a c a C H E S T A H E D R O N Frank Chester
Sab Giu 11, 2016 3:30 pm Da sinwan85PHAR

» Madre Nostra
Ven Giu 03, 2016 10:49 pm Da Loretta

» Immortalità della coscienza
Gio Mag 26, 2016 4:23 pm Da sinwan85PHAR

SELEZIONA L’ARGOMENTO
  • Novità
  • Incontri e percorsi base 2016 con Enzo Nastati
  • Pubblicazioni aggiornate al 2016
  • Commenti di Enzo Nastati
  • Il Passaggio
  • Apocalisse/vangeli
  • Nuova agricoltura Cristica
  • Alimentazione
  • Un Ponte tra Antroposofia e Missione Divina
  • I 10 Comandamenti
  • I nostri video
  • YOUTUBE
  • Qui e Ora
  • Indicazioni di Enzo Nastati su quello che sta avvenendo nei Mondi Spirituali
  • Attualità
  • Meteorologia Spirituale
  • Geografia
  • Spazio
  • Petrolio, vulcani - terremoti - alluvioni
  • Internet e nuove tecnologie
  • Finanza
  • Politica
  • Storia
  • Economia e triarticolazione
  • Antroposofia
    Rudolf Steiner
  • Antroposofia Generale
  • Johann Wolfgang Goethe
  • Antroposofia Generale
  • Filosofia della Libertà
  • Iniziazione
  • Esercizi Spirituali
  • Scienza Occulta
  • La Bibbia
  • Inferno, Purgatorio, Paradiso
  • Natale
  • Pasqua
  • Pentecoste
  • l'Ottava Sfera
  • Alchimia
  • Karma
  • Teosofia
  • Evoluzione
  • Scienza dello Spirito
  • Il Calendario dell'Anima
  • Passato, presente, futuro
  • Pensare Sentire Volere
  • Platonici e Aristotelici
  • Personaggi attuali e del passato
  • Il Teorema di Pitagora
  • Matematica Spirituale
  • La Preghiera
  • La via del dolore
  • Bene e Male
  • Il perdono
  • Uomo e Cosmo
  • Astronomia
  • Angeli e Gerarchie Spirituali
  • L'uomo come Religione degli Dei
  • Comunità
  • Uomo e Donna
  • Gli Animali
  • Alimentazione
  • Musica
  • Arte
  • Biblioteca Spirituale
  • Rudolf Steiner
  • W.J.Goethe
  • Novalis
  • Kaspar Hauser
  • Giuliano Kremmerz
  • Paracelso
  • Cagliostro
  • Lev Nicolaevic Tolstoj
  • Sri Aurobindo
  • Profezie
    Leggere prima delle Profezie
  • Presentazioni Utenti
  • Presentazioni
  • Lavori personali
  • Argomenti preferiti
  • CASE E SALUTE
  • CASE ECOLOGICHE E CASE IGIENICO - TERAPEUTICHE
  • ASS. ARCA DELLA VITA
    PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE L'ASSOCIAZIONE ARCA DELLA VITA IL RECAPITO E' IL SEGUENTE
    ASSOCIAZIONE
    " ARCA DELLA VITA"
    SEDE OPERATIVA VIA FERROVIA,70 - 33033 BEANO DI CODROIPO ( UDINE)- ITALIA-
    TEL +39  0432 905724 -
    FAX 1782749667  segreteria@albios.it
    PAGINE VISUALIZZATE DAL 02/04/2011


    Condividere | 
     

     Le Comete - Conosciamo meglio queste compagne di viaggio

    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Le Comete - Conosciamo meglio queste compagne di viaggio   Sab Ago 27, 2011 5:57 pm

    Lavoro di Enzo Nastati

    LE COMETE

    Meteore e Stelle Cadenti

    La segreta suggestione delle comete, dei loro anomali movimenti e del loro curioso manifestarsi, ha sempre portato la scienza delle stelle a porsi delle domande, diverse ovviamente, a seconda delle epoche storielle e delle concezioni che gli uomini acquisivano sul cosmo. Per Aristotele, che nel 372 a. C. aveva osservato una cometa, questi corpi celesti erano delle emanazioni gassose che si levavano dal suolo terrestre e si infiammavano poi negli alti strati dell'atmosfera. A quel tempo era naturale che si attribuisse alle comete un'origine terrestre, perché il cielo era l'archetipo di ciò che è immutabile e perfetto. Le comete perciò non potevano provenire dal cosmo! La concezione aristotelica aveva fondamento nella scienza degli antichi Misteri che attribuiva a questi fenomeni celesti il compito di purificare l'atmosfera astrale della Terra.Questa era rappresentata dall'elemento gassoso [Aria (teoria dei quattro elementi: terra - acqua -aria - fuoco)] che circondava ed avvolgeva il nostro pianeta e si riteneva che in essa salissero, come delle esalazioni, gli errori e le passioni umane: così le comete si infiammavano delle "emanazioni gassose" che salivano dalla terra ed il "Fuoco" ne purificava e dissolveva il loro contenuto dannoso. Questa concezione aristotelica non fu abbandonata neppure nel Rinascimento, quando con il progredire delle conoscenze umane si arrivò ad una percezione puramente spaziale dell'universo. Per l'assioma che ciò che era mutevole ed effimero non poteva far parte del cosmo, le comete erano situate nella sfera "sublunare" e la loro comparsali era annunciatrice di guerre, pestilenze e sventure che di lì a poco sarebbero accadute sulla Terra.
    Nel 1680 Newton effettuò i suoi calcoli sull'orbita di una cometa e giunse alla dimostrazione della loro origine cosmica.
    Da questo momento le comete, che fino ad allora erano staconsiderate entità astrali, divennero dei semplici corpi fisici di cui si doveva cercare la provenienza, spiegarne i movimenti anomali e il curioso comportamento fisico che metteva in discussione la legge di gravitazione universale formulata da Newton.

    "L'astronomia fìsica afferma che la cometa proviene da molto lontano. Non essendo in grado di stabilirne l'origine, sì dice che essa proviene da molto lontano, e che si perde poi di nuovo in grandi lontananze. Siccome però certe comete ritornano periadicamente, l'astronomia fìsica non può fare a meno di pensare che, dopo essere provenute da grandi lontananze, esse attraversino il nostro sistema e spariscano poi di nuovo: percorrono cioè una lunghissima traiettoria nello spazio cosmico e poi ritornano.
    L'astronomia materialistica non è capace di concepire la cosa diversamente. Lo sguardo occulto ci mostra invece che press 'a poco là, dove la cometa scompare allo sguardo fisico, essa effettivamente si dissolve, e da quel momento percorre un mondo che non è delimitato dalle tre dimensioni ordinarie dello spazio....... Negli intervalli essa non esiste affatto: scompare da una parte e dall'altra si forma di nuovo. Questa è certamente una concezione assurda per l'astronomia: per essa è inconcepibile che la cometa che riappare possa non essere esistita più affatto nell'intervallo....... In breve, fatta eccezione per alcune poche comete che percorrono davvero orbite ellittiche molto allungate, la massima parte delle comete proviene da una parte e sparisce dall'altra, e quando poi riappare si è formata di nuovo. Perché? Perché avvicinandosi essa
    esercita una forza d'attrazione: dapprima non è che una specie di centro spirituale di forza: la cometa si forma solo perché quel centro spirituale di forza attira tutte le correnti astrali dannose, organizzandole intorno a sé........Mentre attraversa il sistema planetario essa ne attira in quantità sempre maggiore. Nell'allontanarsi poi dall'altra parie essa porta con sé quel "materiale", finché viene a trovarsi fuori del sistema planetario e lo "getta" poi nel lo spazio
    cosmico.......
    Dobbiamo dunque considerare la vita delle comete come un fattore di continua purificazione del sistema planetario, un po' come lo sono i temporali. Mediante l'attraversamento del sistema planetario da parte della cometa sì cerca dì eliminare in esso i danni prodotti dalle ii'radiazioni astrali dannose dei diversi esseri1.

    Oggi le sonde spaziali permettono "degli incontri ravvicinati" con questi "oggetti misteriosi". E così sappiamo che i nuclei delle comete, come tali, riflettono la luce incidente molto meno del normale asfalto stradale (tra il 2,4% e il 4% - contro il 7% del bitume). Questo dato ci indica come i nuclei siano fatti di una "materia molto concentrata" e forse fornisce una spiegazione a quel "centro spirituale di forza che attira tutte le correnti astrali dannose" e "attraverso questa attrazione ... la cometa sviluppa la coda ed il nucleo".

    Nella concezione steineriana il fenomeno cometario viene rappresentato da una scienza degli astri (cosmologia o astrosofia) che non si ferma alla descrizione dei fenomeni (astronomia) ma ne interpreta le relazioni. Troviamo così un nesso con quanto veniva portato dalla concezione aristotelica delle comete come fenomeni di purificazione dell'atmosfera.
    Correlato alle comete è il fenomeno delle meteoriti e delle stelle cadenti. Le stelle cadenti più notevoli sono quelle che appaiono nel cielo notturno in sciami collegate ad una costellazione dove si trova il radiante delle loro traiettorie apparenti. Il radiante (figura 2) non è un semplice punto ma una piccola superficie del firmamento, come un piccolo focolare di sfavillìo di tutto lo sciame.


    Le Quadrantidi (2-4 gennaio -Costellazione del Bifolco), le Liridi (19-30 aprile - Costellazione di Èrcole), le Pcrscidi (9-14 agosto -Costellazione di Perseo)(fìgura 2), le Ononidi (18-22 ottobre -Costellazione di Orione), le Leonidi (13-15 novembre Costellazione del Leone), le Andromedeidi (23-28 novembre -Costellazione di Andromeda), le Geminidi (9-12 dicembre Costellazione dei Gemelli) sono i principali sciami meteorici, con le loro costellazioni di riferimento ed i periodi in cui è più intensa la loro attività.
    Nella cosmologia antroposofica si da grande rilievo anche alle direzioni dello spazio da cui proviene questa "pioggia di stelle" che scende sulla nostra Terra. "Quando, appunto nel culminare dell'estate, da una certa costellazione cadono i meteoriti in grandiosi stormi, quando cade sulla Terra il ferro cosmico meteoritico, in esso dimora una forza risanatrice potentissima. In esso è contenuta l'arma degli Dei ... La forza che cade sulla Terra con i meteoriti, col ferro meteoritico. è forza cosmica con cui gli esseri spirituali superiori cercano di vincere le potenze arimaniche, quando avanza l'autunno. ...Gli esseri spirituali con i loro meteoriti combattono lo spirito che con la sua figura di serpente vorrebbe spargere il terrore su tutta la Terra, e lo combattono con l'irradiare il ferro nell'atmosfera di paura che raggiunge la sua massima intensità quando l'autunno si avvicina e declina l'estate....2"

    Oggi all'uomo sfugge la comprensione di questo fenomeno. Ci resta solo l'incanto di assistere alla traccia luminosa di una stella cadente che attraversa il nostro sguardo. Ma il pensiero che questa pioggia cosmica risvegli interiormente noi e la "natura" che ci circonda, che lentamente appassisce preparandosi all'inverno, riscalda il nostro cuore.


    1 R.Steiner - Le Entità Spirituali nei coipi celesti e nei regni della natura - Editrice Antroposofica - In queste conferenze vengono poste le basi di una concezione spirituale dell'universo, un universo compenetrato da una quantità di svariate entità e forze spirituali viventi. "La sfera delle comete si estende fino a quella dei Cherubini (Spiriti dell'Armonia); bisogna dunque prima sapere in che cosa consista la natura dei Serafini e dei Cherubini, per poter comprendere il senso della sostanza e del moto delle comete"
    2- R. Steiner - L'esperienza del corso dell'anno in quattro immaginazioni cosmiche. - Editrice Antroposofica.

    Enzo Nastati


    Ultima modifica di Admin il Lun Ago 29, 2011 4:14 pm, modificato 1 volta
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Comete- Conosciamo meglio queste compagne di viaggio   Lun Ago 29, 2011 4:05 pm

    Commento di Enzo Nastati

    Le Comete
    Conosciamo meglio queste affascinanti compagne di viaggio

    Nel movimento dei pianeti e nel ciclo stellato sono il ritmo e la periodicità che scandiscono con regolarità e precisione il loro divenire ed in questo l'uomo trova sicurezza nel suo agire sulla Terra. Non dobbiamo dimenticarci che chiamiamo il cielo delle "stelle fisse": firmamento.
    L'imprevedibilità e l'arbitrarietà invece si manifestano soprattutto nelle comete, che si distinguono dagli altri corpi celesti e ci fanno riflettere sul fatto che i calcoli gravitazionali in realtà valgono solo per la Terra. Esse appaiono improvvisamente, dapprima come una piccola macchia lattiginosa, quasi come una nebulosa che però si sposta velocemente. Compare poi un punto più luminoso, il "nocciolo", e per ultima una "coda", detta "coma", da cui il nome cometa.
    L'imprevedibilità delle comete così come la spettacolarità del loro manifestarsi le ha fatte associare ad eventi importanti e decisivi per la Terra. Giotto rappresenta l'incontro di Gesù appena nato con i Re Magi in un affresco in cui la scena è sormontata da una rossa cometa. E questa è stata l'iconografia classica della rappresentazione del presepe, tuttora attuale, per cui sulla grotta di Betlemme ci deve essere sempre una stella cometa.



    L'astronomia moderna da sempre si interroga sulla loro origine. L'astronomo Keplero, famoso per le tre leggi che governano il sistema solare, diceva "che le comete sono numerose tanto quanto i pesci nel mare". Sappiamo infatti che solamente poche sono visibili. Appaiono in cielo senza essere previste e non sono legate al cerchio zodiacale dove tutti i pianeti seguono la stessa strada. Possono apparire al Polo Nord, al Polo Sud, all'equatore celeste o in tutt'altra regione.
    Vediamo allora di precisare alcune nozioni generali sulla loro orbita, sul loro aspetto esterno e la loro singolarità. A partire da Keplero, l'astronomia moderna sostiene che le orbite dei pianeti sono delle ellissi (delle "sezioni coniche" in cui il Sole occupa uno dei fuochi della curva) che differiscono di poco dal cerchio1 . Per le comete queste ellissi sono straordinariamente allungate, almeno per quelle di cui si presume ci sia una certa periodicità (es. cometa di Halley). Queste comete vengono dette periodiche e quindi percorrono la stessa via come fanno i pianeti, ma ci sono anche delle comete che non ritornano più (parabola).La cometa viene vista (figura 1) realmente e tìsicamente solo per una piccola frazione della sua orbita, e cioè quando si avvicina alla Terra ed al Sole, considerando poi che al momento del perielio la sfolgorante luce solare non ci permetterà più di percepirla. Quindi il percorso che noi osserviamo dalla Terra è molto piccolo e di conseguenza è difficile dedurre per calcolo se l'orbita è ellittica (cometa periodica) oppure parabolica. Dal disegno possiamo vedere che la frazione di orbita che viene realmente osservata è il segmento A - B (figura 1).


    Figura 2 - Grande Cometa di Settembre -1882-Flammarlon

    La parte tratteggiata indica la restante orbita (presunta) della cometa che non è più visibile e potremmo dire che sparisce nel "nulla" dello spazio cosmico indifferenziato.
    La cometa quindi può fare la sua prima apparizione in qualunque punto del ciclo, poi però essa si sposta sempre in direzione dello Zodiaco e poiché si avvicina al Sole essa descrive una curva intorno a questo con una sempre maggiore velocità e a poca distanza dallo stesso.
    Riproduciamo (nella figura 2) il movimento di una cometa registrato da Flammarion nel 1882
    .

    La curva corrisponde teoricamente ad una parabola. Questa cometa fu vista innanzitutto nella costellazione del Sestante, non lontano dal Leone e raggiunse il Sole il 17 Settembre nella costellazione della Vergine, vicino alla stella B. Lì raggiunse il perielio (punto della traiettoria dove la distanza dal Sole è più breve) ed era visibile in pieno giorno a causa della sua lunga "coda" sfavillante. La si vide dalla Terra passare davanti al Sole, poi seguire il suo cammino attraversando Idra, Argo, il Cane Maggiore, quindi descrisse un largo cerchio attorno a Sirio per sparire dopo nove mesi nella regione localizzata fra Orione e L'Unicorno. Altre comete disegnerebbero un diverso percorso su tutto il firmamento.
    La coda della cometa si forma talvolta subito, altre volte molto tardi, qualche volta non è molto visibile.
    Per come appare nel ciclo stellato ha un carattere sorprendente e per la scienza resta un enigma, perché la cometa, che dovrebbe ubbidire alle leggi della gravitazione, le contraddice almeno nella sua parte più appariscente e spettacolare!

    La sua coda infatti si dirige in opposizione al Sole come se venisse respinta e non attirata (figura 3). Spesso le code di alcune comete hanno raggiunto la distanza che esiste fra il Sole ed il pianeta Marte.


    Figura 3 - La coda della cometa si dirige e si espande in direzione opposta al Sole

    Certe comete si sono avvicinate cosi sorprendentemente al Sole da attraversarne la regione delle sue fiamme, ma non si è notata nessuna influenza del Sole sul nocciolo e la coda delle stesse, né una perturbazione dell'orbita, né un cambiamento della loro costituzione, ali'infuori di un aumento sorprendente della loro luminosità e della lunghezza della coda."Si cerchi invece di seguire un altro tipo di osservazione, coordinandovi tutti i vari fatti empirici. Si pensi che nella direzione della figura 4, potremmo dire verso il Sole, la cometa si formi di continuo e spinga sempre in avanti il nucleo, il nucleo apparente, mentre ali'indietro esso si perde. Così la cometa avanza sempre ricreandosi in una direzione e perdendosi nell'altra: non è un corpo nel senso dei pianeti, ma qualcosa che si crea e si dissolve di continuo, che forma il nuovo davanti e perde il vecchio dietro. Si spinge avanti come un semplice raggio luminoso (ma non dico che sia solo questo). " 2
    In questo modo la cometa acquista una vita ed una dimensione che non deriva da rappresentazioni puramente meccaniche
    .

    [i]"Imparando a conoscerle nel loro schietto significato nascosto, esse finiscono per fluire nel nostro cuore, affinchè ciò che abbiamo imparato divenga in noi forza di vita, speranza nella vita, e soprattutto energia morale, perché faccia realmente di noi quello che potremmo chiamare un cittadino dei mondi celesti. Così ognuno, grazie alla sua vita spirituale, porterà in deh entro le vicende terrestri, promuovendo nel corso della civiltà progrediente ciò che possiamo chiamare armonia e pace, nel senso più alto." 3




    1 Per l'astrofisica spirituale i pianeti si muovono su lemniscate
    2 R. Stemer - II rapporto delle diverse scienze con l'astronomia -Ed. Antroposofica.
    3 R. Steiner - Le Entità spirituali nei corpi celesti e nei regni della natura - Ed. Antroposofica.


    Enzo Nastati
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: ANNUNCIO DI ENZO NASTATI   Dom Set 25, 2011 9:10 am

    ANNUNCIO DI ENZO NASTATI


    Caro Visitatore, nello spirito che ci accomuna nel percorso di sempre maggior coscienza del rapporto con la Terra, la Vita e la Fonte del tutto, ritengo possa essere utile una riflessione sugli eventi astronomici di questo periodo.
    Il 17 agosto è transitata vicino alla terra una prima cometa, Honda, che farebbe parte di una triade di comete che prepara (unitamente ad altri eventi) le condizioni per la manifestazione del Cristo nel piano della Vita (la cosiddetta "Parusia" del Cristo).
    Tra il 25 e il 26 settembre (quindi oggi) abbiamo il passaggio di una seconda cometa: Elenin. Tra circa un mese, il 16 ottobre, farà la sua comparsa una terza cometa: Levy.
    Cerchiamo di gettare un pò di luce su questi eventi.
    Innanzi tutto la cometa è un corpo celeste che, per la nostra coscienza, "appare" entrando nel nostro sistema celeste e poi "scompare" nell'infinito.
    Ma in realtà non è proprio così.
    Essa è portatrice di purissime forze spirituali che periodicamente si manifestano e, per così dire, "spazzano" tutta la negatività astrale (pensieri, sentimenti, atti negativi, passionali, istintuali, egoistici) che l'umanità produce portandola nel cosmo dove le Gerarchie poi la trasformano. Queste negatività avvolgono la terra come una coltre scura che appensantisce l'evoluzione della stessa e dell'uomo e agiscono ispirando azioni ancor più egoistiche. La cometa rappresenta l'aspetto spirituale del nostro sistema, mentre i pianeti ne rappresentano l'aspetto animico, il sole l'aspetto eterico vivente e le lune il cadavere.
    Scendendo a manifestazione, la cometa incontra quindi tutto l'astrale negativo (il "male" diremmo noi) e lo porta fuori con una azione benefica (diremmo noi). Abbiamo quindi un periodo di grandi contrasti (politici, economici, sociali ed ... interiori).
    Ora siamo giunti alla seconda cometa ed essa agisce sull'uomo già da giorni e giorni. Il suo apice sarà questa sera, attorno alle 20-22 e continuerà nei giorni a seguire. Prima dell'apice abbiamo quindi come una accentuazione degli aspetti astrali negativi, poi una diminuzione. E' come quando si scopa il pavimento: prima si fa il mucchietto della sporcizia (e quindi lo sporco si accumula), poi lo si mette nella pattumiera (e tutto torna pulito).
    Per i motivi sopraddetti è quindi utile preparasi adeguatamente a questi eventi cercando di oggettivare quanto le forze egoiche sono ancora agenti e potenti in noi e attorno a noi. Inoltre è bene cercare il più possibile di cambiare pensieri, sentimenti ed atti volitivi, facendo sì che siano liberi ed ispirati alla Vita e non alla morte, morte cui l'egoismo ci conduce. L'avvento di una cometa spazza via il "vecchio" (le forme vecchie, i pensieri vecchi, i sentimenti vecchi, i vecchi modi di agire e reagire) e porta il nuovo, nuovo che abbiamo la libertà di accogliere, vivere e portare a frutto.
    Con l'azione di questa cometa la nostra trasformazione può essere molto profonda e arrivare a coinvolgere anche il corpo fisico, la "carne" che sempre più si prepara a diventare "luce".

    Bene, mi sentivo in dovere di dire questo, a voi farne l'uso che riterrete opportuno.
    Grazie per l'attenzione e buon lavoro di "pulizia cosmica".

    Enzo Nastati
    Arca della Vita
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Admin
    Admin
    avatar

    Messaggi : 1822
    Data d'iscrizione : 02.03.11
    Età : 48

    MessaggioTitolo: Re: Le Comete - Conosciamo meglio queste compagne di viaggio   Gio Set 29, 2011 11:14 am

    Ulteriore commento di Enzo Nastati


    Chi ha letto della cometa Elenin avrà trovato una discrepanza tra le date da noi indicate per il suo passaggio e quelle "ufficiali". Come conciliare le due cose?
    Se guardiamo dal punto di vista fisico-materiale sicuramente hanno ragione i vari astrofili (NASA in prima fila) che annunciano il passaggio della Cometa per il 16 ottobre. Altra cosa è se guardiamo alla forza, all'azione della cometa. Faccio un esempio: a che ora del giorno il Sole ha la massima forza? molti risponderanno a mezzo giorno (o poche ore dopo). Ma io sono più "forte" quando manifesto la mia forza o prima di manifestarla? A ben pensarci io sono più forte "prima" di far uscire da me la forza. Così è per il Sole che è più "forte" all'alba, così è per la cometa che è più "forte" prima di essere nel suo punto più vicino.
    Quindi un conto è il passaggio fisico-materiale della cometa, un altro conto quando inizia ad agire. Dal punto di vista fisico la NASA ha perfettamente ragione, dal punto di vista spirituale le cose sono però diverse.

    Colgo l'occasione per dire qualcosa di più riguardo a questa Cometa. Tramite essa si è manifestata una forza spirituale altissima della sfera del Cristo e che ora agisce nell'umanità portando le forze per trasformare gli impulsi interiori nella direzione della Vita. Trasformare i pensieri, i sentimenti e gli atti volitivi affinchè divenghino portatori e moltiplicatori di Vita... e il tutto passa per l'apertura del cuore...

    Buon lavoro a tutti
    Enzo
    Tornare in alto Andare in basso
    http://arcadellavita.forumattivo.it
    Contenuto sponsorizzato




    MessaggioTitolo: Re: Le Comete - Conosciamo meglio queste compagne di viaggio   

    Tornare in alto Andare in basso
     
    Le Comete - Conosciamo meglio queste compagne di viaggio
    Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
    Pagina 1 di 1

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
    Forum di Scienza Spirituale :: ANTROPOSOFIA :: ANTROPOSOFIA GENERALE :: ASTRONOMIA - ASTROLOGIA - GEOLOGIA-
    Andare verso: